Notizie dal Mondo dei Motori
Alfa Romeo MiTo TwinAir - 2012

Alfa Romeo MiTo TwinAir - 2012

Compatta sportiva, e all’avanguardia: è l’Alfa Romeo MiTo TwinAir. Cioè con uno 0.9 da 85 CV, propulsore che ha conquistato il titolo di International Engine of the Year 2011. Presente al Salone di Francoforte 2011, assieme al nuovo 1.3 JTDm da 85 CV.

Video  MiTo e Giulietta 2014 restyling e nuovi motori

Dimensione Carattere:

Come dimostrare di essere proiettati nel futuro? Semplice: con motori rivoluzionari come il TwinAir. Ecco perché al Salone di Francoforte 2011, si esibisce l’Alfa Romeo MiTo TwinAir 2012, equipaggiata con il 0.9 Turbo da 85 CV. È il capostipite della nuova famiglia di motori bicilindrici di Fiat Powertrain: un Turbo che eroga 85 CV a 5.500 giri/min di potenza massima e con una coppia di 145 Nm a 2.000 giri/min. Attraverso l’adozione del turbocompressore si ottengono ottime prestazioni e, soprattutto, grande elasticità e prontezza con tutta la coppia disponibile da 2.000 giri/min. e costante fino a 3.500 giri/min.

Risultato, l’Alfa Romeo MiTo TwinAir eroga tra il 10% e il 25% in più di coppia se confrontato con i motori benzina attualmente in gamma da 105 e 78 CV. Attraverso l’impiego del dispositivo Start/Stop e dell’alternatore intelligente, la Mito con motore TwinAir ha il più basso valore di emissioni di CO2 fra i benzina nel suo segmento: 98 g/km. Consumi ed emissioni sono inferiori: di quanto? Fino al 30% in meno rispetto a un motore di pari prestazioni. Un bicilindrico per il Biscione, che può davvero attrarre la clientela di ogni età.

E con il selettore dinamico Alfa D.N.A. (o lo volete chiamate manettino, come succede fra i giovani?), con un semplice gesto il guidatore può decidere tra una guida più prestazionale e dinamica (Dynamic) e una più attenta ai consumi (Natural). La Allweather è per le situazioni di scarsa o difficile aderenza.

Non male anche la tinta di carrozzeria metallizzata Nero Ametista, oltre al design dei cerchi in lega leggera. E dentro, interno bicolore realizzato con un inedito rivestimento per l’inserto della plancia in colore nero e i pannelli delle porte in colore crema. Più un nuovo tessuto tecnico per i sedili: una maglia elastica con grafica elettrosaldata.

Senza dimenticate che la gamma 2012 di MiTo offrirà nei prossimi mesi il brillante 1.3 JTDm, con sistema Start/Stop di serie: 85 CV a 3.500 giri/min. e coppia di 200 Nm a 1.500 giri/min. Con turbocompressore a geometria variabile, siamo a 90 g/km di emissioni di CO2: è la seconda generazione dei MultiJet. Rispetto alla prima, cambia il sistema di alimentazione con iniettori più veloci e capaci di compiere iniezioni multiple ravvicinate. Così risulta possibile, fra l’altro, l’"injection Rate Shaping": due iniezioni consecutive così ravvicinate da generare un profilo continuo e modulato dell’erogazione del combustibile nei cilindri.

In chiusura, l’Alfa Romeo MiTo Quadrifoglio Verde: simbolo leggendario che negli anni ha identificato alcune tra le più sportive realizzazioni firmate Alfa. Con novità estetiche e di prodotto, come il nuovo sistema di sospensioni attive denominato Alfa Active Suspension: riduce le oscillazioni del corpo vettura in tutte le condizioni di guida. E identifica lo scenario di guida e le condizioni del fondo stradale, scegliendo le leggi di controllo appropriate. È mossa dal 1.4 MultiAir Turbo da 170 CV: passa da 0 a 100 km/h in poco più di 7 secondi.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati