Notizie dal Mondo dei Motori
Alfa Spider - 2.4 JTDM

Alfa Spider - 2.4 JTDM

Cuore sportivo anche se Diesel. Alfa Spider si dota di un potente 5 cilindri 2.4 JTD 20 valvole da 200 Cv, che è in grado di raggiungere la velocità massima di 228 Km/h. Consumi medi attestati a 6.8 litri ogni 100 Km ed accelerazione 0-100 in 8.4 secondi.

Video  Alfa Spider JTDM
Video  Alfa Spider
Altri Articoli:

Dimensione Carattere:

La gamma di Alfa Spider si amplia con l'introduzione del potente 2.4 JTDM 20v da 200 CV abbinato a un cambio "6 marce" con impostazione sportiva. Commercializzata in Italia e Germania a partire da marzo 2007, e successivamente negli altri Paesi, la nuova versione assicura, in tutte le condizioni di guida, eccellenti valori di potenza e coppia a fronte di consumi contenuti.

Le nuove caratteristiche consentono all'Alfa Spider 2.4 JTDM di raggiungere prestazioni di assoluto interesse (la velocità massima è di oltre 228 km/h e l'accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in appena 8,4 secondi) e, al tempo stesso, di contenere al massimo i consumi: nel ciclo urbano la vettura fa registrare 9,2 litri ogni 100 Km, nel ciclo extraurbano è di 5,4 litri e in quello misto si attesta intorno ai 6,8 litri.

Con la messa a punto del sistema Multijet, il Gruppo Fiat ha conquistato nel corso della partnership con il gruppo GM, un nuovo importante primato nel campo dei motori a gasolio. Non ultimo, il propulsore Multijet di Alfa Romeo Spider, che rispetta la normativa Euro 4 e offre di serie la trappola per il particolato (DPF) abbattendo così le polveri fini ed ottemperando ai limiti attualmente definiti per la futura normativa Euro 5. Il sistema è "for life", non richiede l'utilizzo di additivi per la rigenerazione e consentirà di usufruire di incentivazioni fiscali.

PARTICOLARI TECNICI

Derivato dall'orami celebre 2.4 JTD 20 valvole "Common Rail", il nuovo propulsore è un "5 cilindri in linea" e si conferma il più potente motore della famiglia JTD plurivalvole con tecnologia Multijet: la potenza specifica è di 84 CV/litro. Diversi i vantaggi offerti dal nuovo propulsore. Innanzitutto una maggiore silenziosità nella fase di riscaldamento del motore, misurabile – a seconda dei regimi di rotazione e delle temperature dell'ambiente. Poi, grande potenza (147 kW - 200 CV a 4.000 giri/min) e coppia generosa (400 Nm - 40,8 kgm a 2.000 giri/min).

Per ogni cilindro si trovano 4 valvole azionate tramite punterie idrauliche e bilancieri da un doppio albero a camme in testa. Il motopropulsore è stato oggetto di diversi interventi tecnici tesi a incrementare le prestazioni, la coppia motore ai bassi regimi e la riduzione della rumorosità e delle vibrazioni. Ad esempio, il sistema "Common Rail" adottato dal 2.4 JTDM 20v prevede due nuove strategie di controllo automatico delle calibrazioni e del bilanciamento del gasolio iniettato, a vantaggio della silenziosità acustica e vibrazionale.

Da segnalare anche alcuni componenti del motore come la testata con valvole di aspirazione a stelo di dimensioni ridotte per incrementare la quantità d'aria aspirata; le bielle in acciaio fratturato sono state progettate per aumentare la resistenza meccanica alle forti sollecitazioni dovute all'aumento della potenza; un collettore di aspirazione dotato di una farfalla su uno dei due condotti di aspirazione dei cilindri per il controllo della turbolenza dell'aria aspirata; la farfalla antiscuotimento in fase di spegnimento del motore; e l'intercooler ad alta efficienza grazie alla forma ed al posizionamento in vettura per garantire valori ottimali di temperatura e densità dell'aria aspirata.

Cambiano infine l'impianto EGR a controllo elettronico e raffreddamento dei gas di scarico; il circuito di lubrificazione che ha una nuova pompa dell'olio e lo scambiatore esterno (aria/olio) per il raffreddamento dell'olio; il circuito di raffreddamento con una diversa pompa dell'acqua. Insomma, una lunga serie di migliorie e interventi che hanno dato vita a un propulsore affidabile, potente e dai consumi ridotti. Risultati eccellenti, dunque, raggiunti grazie a una diversa calibrazione del controllo motore; ad un aumento della pressione d'iniezione diretta portata a 1600 bar; e a una nuova taratura del turbocompressore.

La sovralimentazione del propulsore, infatti, è realizzata con una turbina a geometria variabile che contribuisce a migliorare l'erogazione di potenza, conferendo allo stesso tempo caratteristiche di coppia molto elevata anche ai bassi regimi di rotazione. Tra i 1.750 e 3.500 giri/min, è disponibile il 90% della coppia massima.

ALFA SPIDER IN DETTAGLIO

Sviluppata da Pininfarina in collaborazione con il Centro Stile Alfa Romeo, il modello si fa apprezzare immediatamente per l'inconfondibile "eleganza italiana", uno stile assolutamente unico ed irripetibile che preannuncia il piacere di una guida sportiva nel pieno rispetto della tradizione del Marchio. Infatti, pur mantenendo il frontale coerente con l'ultima generazione Alfa Romeo, la nuova vettura esprime la continuità evolutiva degli spider Alfa Romeo che hanno fatto la storia dell'automobilismo mondiale.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati