Notizie dal Mondo dei Motori
Audi e-tron Spyder - Concept 2010

Audi e-tron Spyder - Concept 2010

La roadster di Ingolstadt si chiama Audi e-tron Spyder ed è una due posti secca con propulsione ibrida plug-in. Presentata in anteprima mondiale al Salone dell’Auto di Parigi è spinta da un V6 diesel unito a due motori elettrici per un totale di 388 Cv.

Video  Audi e-tron Spyder - 2010
In Relazione:
Articoli  AUDI
Video  Video AUDI
Video  Foto AUDI

Dimensione Carattere:

Per l’appuntamento autunnale con il Salone di Parigi 2010 la Casa di Ingolstadt ha preparato una novità assoluta, rappresentata dallo studio Audi e-tron Spyder Concept, vettura sportiva scoperta spinta da un sistema ibrido plug-in ad alta efficienza.

La concept car e-tron Spyder è compatta, lunga solo 406 cm, con ampia carreggiata in una larghezza di 181 cm e decisamente filante, con altezza da terra di solo 111 cm. La e-tron più che una spyder è una vera e propria roadster, priva di tetto e di qualsiasi copertura e caratterizzata da un particolare parabrezza senza montanti che si collega senza soluzione di continuità agli stretti finestrini laterali.

La calandra domina la visione frontale, ampia ed imponente come sulla sorella R8, stretta in un tenace abbraccio con le prese d’aria verticali laterali ed i gruppi ottici con tecnologia full led. L’aggressività delle linee prosegue sul lungo cofano, che integra lo sfogo del radiatore, e nella linea di cintura, caratterizzata da massicci sportelli nervati che, lasciando poco spazio alle superfici vetrate "collegano" gli ampi passaruota riempiti con cerchi dal design a ventola di diametro extra large.

Il posteriore della nuova concept Audi è ordinato e pulito, dalle forme molto moderne e tecnologiche, impreziosite da listelli cromati paralleli che mettono in risalto i luminosi gruppi ottici in lexan, retroilluminato da diodi luminosi. La parte superiore del "cofano motore", in posizione posteriore centrale, incorniciata dall’andamento semicircolare dei cristalli, crea un’area a sé stante, che tanto ricorda il pozzetto dei motoscafi di lusso degli anni ’50. Quest’area, in contrasto cromatico dal resto della carrozzeria, è stata "bucata" per mettere in bella mostra la parte superiore del propulsore e dei roll bar aerodinamici di sicurezza.

L’ambiente interno è razionalmente essenziale, di forte carattere sportivo, costruito con materiali tecnologici e finiture maniacalmente curate. Il cockpit della Audi e-tron Spyder è orientato verso il conducente e dispone di un grande display con funzioni MMI integrate. Tali funzioni possono essere comandate da una zona sensibile al tocco posta sulla corona del volante, per avere tutto sotto controllo senza distrazioni. Caratteristica per lo studio Audi e-tron Spyder è la rinuncia quasi totale a interruttori e ad altri elementi quali, ad esempio, il blocchetto d’accensione.

Il telaio della Audi e-tron Spyder, estremamente leggero e rigido, è costruito secondo la tecnologia ASF (Audi Space Frame) utilizzando estrusi di alluminio per la struttura e pannelli in fibra di carbonio per le superfici rilevanti ai fini aerodinamici. Ogni singolo componente dell’ASF è ottimizzato per la propria funzione specifica con forme e sezioni altamente differenti, conciliando così la massima stabilità con il minor peso possibile. Nonostante la complessa tecnologia e la moltitudine di sistemi meccanici ed elettronici, grazie all’ASF il peso totale della e-tron è inferiore ai 1.450 kg.

La sensazionale concept Audi è la sintesi della più moderna tecnologia applicata alla propulsione automobilistica, finalizzata all’abbattimento di consumi ed emissioni, ottenuta grazie a un sistema ibrido integrato plug-in. Infatti la e-tron Spyder ha due tipi di propulsione, termica ed elettrica, che collaborano sinergicamente per massimizzare prestazioni ed efficienza.

Nella parte posteriore è collocato longitudinalmente un motore diesel 3.0 TDI V6 di ultima generazione che, grazie alla doppia sovralimentazione, eroga la bellezza di 300 Cv e 650 Nm di coppia. Nella parte anteriore del veicolo invece sono montati due propulsori elettrici asincroni della potenza totale di 88 Cv che forniscono un livello di coppia aggiuntivo e subito disponibile di 352 Nm.

L’insieme delle due propulsioni garantisce alla nuova e-tron prestazioni di altissimo livello, con un’accelerazione 0-100 km/h in 4,4 secondi ed una velocità massima (limitata come al solito elettronicamente) di 250 km/h. Nonostante queste prestazioni di rilievo i consumi sono ridotti a 2,2 litri di gasolio ogni 100 km che equivalgono ad emissioni di CO2 pari a 59 g/km.

Inoltre, la Audi e-tron Spyder full hybrid può viaggiare anche in modalità assolutamente priva di emissioni. Nei centri abitati grandi e piccoli il conducente può attivare la trazione esclusivamente elettrica. La batteria da 9,1 kWh, ospitata nella parte anteriore della vettura, consente di percorrere fino a 50 chilometri. Anche nel traffico cittadino la e-tron Spyder si muove con rapidità, raggiungendo la velocità massima di 60 km/h..




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati