Notizie dal Mondo dei Motori
Audi Q5 hybrid quattro - 2011

Audi Q5 hybrid quattro - 2011

Audi Q5 hybrid quattro è la risposta si Ingolstadt alla domanda di prestazioni e dinamicità ecofriendly. Dotato di sistema ibrido parallelo può circolare ad emissioni zero o sfruttare la sinergia tra motore termico ed elettrico per 245 Cv. Dal 2011.

Video  Audi Q5 hybrid quattro
Video  Audi Q5 e SQ5 TDI

Dimensione Carattere:

Con la nuova Audi Q5 Hybrid quattro, presto in anteprima mondiale al Salone dell’Auto di Los Angeles in programma a fine novembre, la Casa dei quattro anelli propone un nuovo rivoluzionario capitolo nella storia della propria corsa all’efficienza. Conservando le qualità dinamiche del SUV compatto Q5, tipiche della sportività Audi, la nuova versione ibrida vuole segnare il proprio ingresso in un futuro a lungo termine privo di emissioni, ma ugualmente ricco di emozioni.

La nuova Q5 ibrida combina il premiato motore turbo benzina 2.0 TFSI con un generatore elettrico parallelo e la famosa trazione integrale permanente quattro, che regola la forza motrice in modo indipendente sulle quattro ruote, per un controllo perfetto anche nelle condizioni più estreme.

L’unione di queste tecnologie, supportato da una riserva di carica immagazzinata in batterie agli ioni di litio ad alta efficienza, permette alla Q5 prestazioni di livello, con autonomie in grado di soddisfare le più svariate esigenze di mobilità, con un consumo medio nel ciclo NEDC inferiore ai 7 l/100 km. Il nuovo SUV Audi riesce inoltre a percorrere fino a 3 km in modalità completamente elettrica ad emissioni zero fino alla velocità di 60 km/h e raggiungere nella stessa modalità picchi di velocità pari a 100 km/h.

MOTORE TERMICO

La nuova Audi Q5 hybrid quattro è equipaggiata con il famoso 2.0 TFSI: questo propulsore 4 cilindri da 1.984 cc, in comune con altri modelli della Casa, eroga una potenza massima di 211 Cv ed una coppia di 350 Nm in un range di giri compreso tra 1.500 e 4.200. Fedele al concetto di "downsizing" il motore sfrutta la tecnologia ad iniezione diretta del carburante e la turbocompressione per raggiungere performance di livello superiore limitando al massimo i consumi. Il sistema di variazione dell’alzata valvole di scarico "Audi valvelift system" non fa che favorire l’efficienza energetica incrementando potenza e coppia.

Naturalmente le caratteristiche del turbo benzina da 2 litri sono state "elaborate" per adattarsi al meglio alle esigenze del sistema ibrido, eliminando l’azionamento meccanico dei servizi (pompe, servosterzo e climatizzatore) e modificando i cuscinetti dell’albero e la taratura del compressore a turbina. I gas di scarico sono depurati in modo rapido grazie ad una presa d’aria secondaria nella testata e la centralina motore integra l’"hybrid manager" che si occupa di "fondere" le due modalità di trazione, senza strappi o intervalli, garantendo una motricità fluida e confortevole.

Il cambio della hybrid quattro è un tiptronic ad otto marce appositamente tarato e senza convertitore di coppia, che viene sostituito nella sua funzione dal motore elettrico stesso con l’ausilio di una frizione multi disco a bagno d’olio.

GENERATORE ELETTRICO

In ausilio al motore termico, sull’Audi Q5 hybrid quattro è presente un generatore elettrico sincrono permanente, che funge anche da motorino di avviamento e, durante le frenate, da alternatore in grado di alimentare i sistemi di bordo ed immagazzinare energia residua nei pacchi batteria. Può sviluppare una potenza massima di 45 Cv e una coppia costante di 211 Nm. Il raffreddamento del motore è affidato allo stesso circuito idraulico del motore a benzina.

L’impianto elettronico di potenza, collegato alla batteria e al motore elettrico tramite cavi di alta tensione è alloggiato nel serbatoio dell’acqua del vano motore. Si tratta di un inverter a pulsazioni che funge da regolatore fra la batteria, che eroga corrente continua, e il motore elettrico che funziona con corrente alternata.

BATTERIE AL LITIO

Tutta l’energia "coinvolta" nel movimento della Q5 ibrida è immagazzinata in un pacco batterie agli ioni di litio da 38 kg, posizionato in un vano antiurto sotto il piano bagagli posteriore che limita in modo minimo la capacità totale di carico. La batteria a 72 celle ha una tensione di 266 Volt, una potenza di 39 kW ed un valore enrgetico di 1,3 kWh.

Per mantenere la temperature sotto controllo sono previsti due sistemi di raffreddamento separati ed utilizzati in funzione delle esigenze: a basse sollecitazioni termiche la batteria usa aria a temperatura ambiente spinta da una ventola collocata nell’abitacolo; quando le celle si scaldano in modo sensibile interviene l’impianto di raffreddamento proprio che utilizza il climatizzatore automatico della vettura ma con un evaporatore separato.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati