Notizie dal Mondo dei Motori
Audi TT Clubsport quattro

Audi TT Clubsport quattro

Nata per stupire è già un’auto di culto. L’evoluzione dell’Audi TT Roadster in Clubsport Quattro si lascia desiderare con un motore 2.0 TFSI da 300 Cv, dalle accelerazioni mozzafiato e freni in ceramica per fermarsi. Si ipotizza la produzione nel 2009.

Dimensione Carattere:

Creata con l’intento di dar forma a una vettura di stile impeccabile e di assoluto prestigio, la concept car TT Clubsport Quattro fa della nuova TT Roadster una sportiva purosangue, contraddistinguendosi con un potente motore, la modernissima tecnologia di bordo e i numerosi dettagli ispirati al mondo degli sport motoristici.

Al posto della capote si trova un cristallo avvolgente, estremamente basso, che evoca volutamente le forme di una speedster, fissato tra due montanti ridotti. La fascia finestrini, bassa, leggermente oscurata, incornicia il cockpit. Il parabrezza panoramico e le due gobbe aerodinamiche che si trovano dietro l’abitacolo al posto dell’alloggiamento per la capote evocano il mondo delle corse, quasi ispirandosi all’idea di una R8 Roadster. I due roll bar ricordano quelli della TT Roadster, ma presentano qui una curvatura più schiacciata e sono alti quanto i sedili a guscio di tipo sportivo.

Il frontale della vettura è dominato dal single frame, le cui forme sono sottolineate da elementi in alluminio trasversali. Ciò fa apparire la TT clubsport quattro, già di per sé aderente all’asfalto, ancora più bassa. I quattro anelli compaiono non sulla calandra, come nella maggior parte dei modelli Audi, ma sul cofano motore. Le grandi prese d’aria sul frontale conducono aria supplementare al motore TFSI potenziato. Le luci diurne con tecnologia LED conferiscono all’estetica del muso un tocco luminoso che lo rende inconfondibile ad ogni ora del giorno. Nel paraurti posteriore risalta la marmitta a vista in acciaio legato e la mascherina posta al di sotto di essa sottolinea il carattere sportivo della vettura. Il dispositivo con doppio terminale di scarico ovale ricorda i modelli sportivi della Audi come, ad esempio, la RS 4.

Si è scelto di non sovrapporre alla linea della fiancata sostanzialmente nessun altro elemento estetico. Invano si cercano le maniglie per le portiere. Sulla TT clubsport quattro infatti si sale attivando un radiotelecomando e le porte si aprono facendo pressione sul tasto di apertura. Entrambi gli specchietti retrovisori esterni hanno dimensioni estremamente ridotte. L’aspetto possente della vettura è accentuato da cerchi da 20 pollici con pneumatici 265/30 R20 e dalla carreggiata che, rispetto a quella delle TT di serie, è più larga di 80 millimetri. Anche i passaruota sono stati allargati.

La vettura è verniciata in color grigio Daytona, un colore che la Audi ha utilizzato per la prima volta sulla RS 4 e sulla S8. Il design degli esterni è caratterizzato da tonalità grigio-scure. Si pongono in netto contrasto con esse gli elementi metallici: la griglia centrale e le griglie laterali sono in Gunmetal, una tonalità dell’acciaio che conferisce alla TT clubsport quattro un carattere sportivo ed essenziale insieme. Un ulteriore contrasto è realizzato dalle pinze dei freni, di color arancione, che collegano idealmente il design cromatico degli esterni a quello degli interni.

In alcuni dettagli dell’abitacolo, come la palpebra della strumentazione, il poggiabraccia e il retro dei sedili avvolgenti, ritroviamo colori chiari che pongono altrettanti accenti luminosi nella vettura. Anche il sedile in pelle nera offre qualcosa di particolare: su di esso è stato inciso al laser un motivo ideato appositamente per la TT clubsport quattro, che consiste in un gioco con il logo TT.

La sportività esibita dagli esterni della vettura compare anche all’interno dell’abitacolo dove continua ad essere determinante, comunque, l’impeccabilità dello stile. I sedili di conducente e passeggero sono a guscio, da competizione, e insieme alle cintura di sicurezza a 4 punti da tre pollici offrono al conducente e al passeggero, anche in condizioni di guida estreme ad esempio sui circuiti di gara, un’ottima tenuta.

Tipico per la Casa dei quattro anelli è il generoso ricorso all’alluminio. Lo troviamo, innanzitutto, nella razza doppia del volante. In alluminio, fresato e con zigrinatura, anche la pedaleria che risulta così non scivolosa e leggera. Nella TT clubsport quattro anche il passeggero, come il conducente, ha a disposizione un appoggiapiede.

La griglia del cambio, che riprende quella della vettura sportiva con motore centrale Audi R8, e il pomello della leva cambio in alluminio costituiscono ulteriori dettagli di grande eleganza. Troviamo l’alluminio anche nell’impugnatura chiudiporta e nella maniglia della portiera. Entrambe presentano una fessura: un particolare che mostra una volta di più quanto accurato sia lo stile degli interni. Ridisegnata, rispetto al modello di serie, anche la zona dei sottoporta in cui non troviamo alcuna modanatura e l’ampiezza del veicolo risulta così accentuata. Ulteriori dettagli che impreziosiscono gli interni sono il nuovo profilo battitacco, più spostato verso l’interno, e i tappetini con il logo TT in alluminio. In alluminio anche la modanatura che decora la traversina delle portiere.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati