Notizie dal Mondo dei Motori
Bmw Gina - L’Auto in Tessuto

Bmw Gina - L’Auto in Tessuto

Un concetto per studiare il design anticipa il futuro dell’auto, in grado di cambiare forma. Le linee di Bmw Gina, si tendono come in una tenda da campeggio, dando luce a nuve forme ed interpretazioni. Il rivestimento in tela argentata è il tocco finale.

In Relazione:
Articoli  BMW
Video  Video BMW
Video  Foto BMW

Dimensione Carattere:

I clienti del segmento premium da sempre ricercano suto in grado di suscitare delle emozioni e che consentano di esprimere lo stile personale. Il BMW Group Design persegue l’obiettivo di mettere il consumatore moderno e il suo desiderio di maggiore flessibilità e praticità al centro dello sviluppo di automobili nuove.

La base la costituisce un concetto innovativo del BMW Group Design: GINA (Geometry and Functions In "N" Adaptions; geometria e funzioni in un numero N di interpretazioni) è un principio che aiuta il design automobilistico a conquistarsi dei nuovi livelli di libertà. GINA consente di creare dei prodotti con forme e funzioni dalle interpretazioni personalizzate, adattate alle varie esigenze dei loro futuri utilizzatori.

Nel 21° secolo il cliente affronta il processo di acquisto con decisione, delle esigenze chiaramente definite e delle idee personali: questo non vale solo per la scelta del mezzo di trasporto. La persona si lascia ispirare da idee e priorità che negli ultimi anni sono cambiate profondamente e si sono inoltre ampliamente diversificate. Questo trend continuerà in futuro. Già oggi il BMW Group affronta questa molteplicità di esigenze e di aspettative del cliente offrendo un portafoglio di prodotti notevolmente ampliato, maggiori possibilità di personalizzazione delle automobili e una produzione basata sulla domanda.

Siamo certo ancora molto lontani da ciò che la NASA sul sito ufficiale chiama appunto LaRC-MFC, ovvero una nuova fibra polimera che attraversata dalla corrente elettrica è ingrado di flettersi e cambiare la prorpia forma, oppure le nuove leghe con effetto memoria, ma la strada percorsa da Bmw sembra essere quella giusta.

La filosofia GINA del BMW Group Design propone delle soluzioni per gestire con successo queste sfide anche in futuro. Il concetto esprime la disponibilità e la capacità del BMW Group Design di trasformare le esigenze del cliente in una parte integrale dello sviluppo automobilistico.

Christopher E. Bangle, Responsabile di BMW Group Design, è certo: «Le richieste di personalizzazione dei nostri clienti arricchiranno il contesto dei nostri prodotti, cambiando anche l’immagine del settore». Le idee elaborate da Bangle consentono al team di BMW Group Design di sviluppare da oltre dieci anni delle soluzioni nuove e di avanguardia. Questi risultati destano nel cliente delle esigenze sempre nuove che ispirano a loro volta i designer a creare delle innovazioni.

Grazie alla filosofia GINA, i designer e gli esperti dei reparti di sviluppo e di produzione possono analizzare la validità dei principi e dei processi di lavoro attualmente applicati ed esaminare le possibilità offerte per l’automobile del futuro senza dovere rispettare nessun criterio e applicando un alto numero di interpretazioni di un concetto. Questo include anche il mettere in dubbio dei principi apparentemente indiscutibili.

Il tetto deve posare sempre sui montanti ed essere limitato da cristalli? È sicuro che la configurazione ideale dei sedili nell’abitacolo sia uno accanto all’altro? È indispensabile che tutte le funzioni siano sempre visibili, anche quando non vengono utilizzate? Fino a che punto posso personalizzare la mia automobile? Esistono forse delle alternative alla pelle esterna rigida in acciaio o in materiale sintetico?

Queste domande generano delle risposte di avanguardia, a carattere inter-disciplinare e, conseguentemente, delle visioni sul futuro della mobilità individuale. Uno dei principi fondamentali della filosofia GINA è di includere nel processo creativo di design i potenziali offerti da materiali nuovi e da innovazioni nel campo della progettazione, così come il mettere in dubbio i processi di produzione e i materiali attualmente utilizzati.

Degli impulsi preziosi provengono anche dall’agenzia di design attiva su scala globale BMW Group DesignworksUSA, un’affiliata di BMW Group che sfrutta nello sviluppo di materiali e nella produzione numerose esperienze raccolte in vari settori industriali che non fanno parte del comparto automobilistico.

Questa visione prevede che le soluzioni individuate non devono essere necessariamente adatte all’impiego nella produzione di serie; il loro fine primario è di orientare la creatività e la ricerca in direzioni nuove. In questo modo vengono sfruttati dei potenziali innovativi originariamente impensabili che vanno al di là dell’immagine futura degli autoveicoli. L’esame comprende i materiali e le strutture, come anche le funzioni e i processi produttivi. Il parametro di riferimento sono i possibili fabbisogni del cliente del futuro. Oltre all’estetica, la filosofia GINA comprende anche l’ergonomia, la funzionalità e tutti gli altri fattori che influenzano il rapporto emotivo del cliente con la propria autovettura.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati