Notizie dal Mondo dei Motori
BMW Serie 3 Gran Turismo spaziosa, sportiva, versatile!

BMW Serie 3 Gran Turismo spaziosa, sportiva, versatile!

Setacciando il listino da cima a fondo, proprio non si incrocia nessun’altra vettura così simile a una berlina, così affine a una coupé 4 porte, così capiente come una station

Video  BMW Serie 3 Gran Turismo

Dimensione Carattere:

Quando “Touring” fa rima con “working”. Capita, a certe latitudini. Non è dalle nostre parti, per la verità, che la carrozzeria wagon viene generalmente associata all’idea di lavoro, al concetto di professionista in servizio: anche in questo, Europa e Stati Uniti sono distanti. Da una sponda all’altra dell’Oceano, tuttavia, chi cercasse maggior capacità di carico senza doversi orientare a tutti i costi su una familiare in senso stretto potrà ora considerare anche la Bmw Serie 3, icona sportiva più rapida di altre ad abituarsi ai gusti in evoluzione. Ancora non esistono, della Serie 3 Gran Turismo, vere e proprie alternative: setacciando il listino da cima a fondo, proprio non si incrocia nessun’altra vettura così simile a una berlina, così affine a una coupé 4 porte, così infine capiente come una station in senso stretto. Vorrà dire che – per l’ennesima volta – l’Elica della Baviera marcherà il percorso e tutti gli altri – se l’esperimento raccoglierà i frutti – si accoderanno.

Trapianto di doppio rene
Benché i laboratori di Monaco abbiano protetto con cura il codice genetico della propria best seller, non è in realtà del tutto esatto battezzare la Gran Turismo come pura e semplice variante della gamma Serie 3. Il modulo frontale fortemente espressivo lascia riconoscere a prima vista l’appartenenza alla famiglia, ma in un’interpretazione completamente indipendente. Il largo e grosso doppio rene sottolinea, insieme alla grembialatura anteriore modificata, il carattere sportivo della vettura, mentre i marcati doppi gruppi ottici, impreziositi da anelli luminosi (quando viene ordinato l’optional proiettori allo xeno) e luci di accento a Led, formano insieme al doppio rene leggermente inclinato in avanti una singola unità estetica, intensificando la larghezza e la presenza della vettura. Nel confronto con la berlina, la silhouette dei gruppi ottici stessi si presenta inoltre più grande. La sagoma del cofano motore è invece più smussata rispetto a Touring e berlina. Lo stilema di design più marcato resta in ogni caso il doppio rene stesso, che sposta il baricentro estetico verso la strada rendendo la Gran Turismo bassa e sportiva. Altra caratteristica degna di menzione sono i cosiddetti “Blades”, elementi a forma di lama inseriti nelle prese d’aria esterne della grembialatura.

Titoli di coda
Il passaggio tra modulo frontale e sezione posteriore è armonioso e naturale. Le tipiche proporzioni Bmw e la linea del tetto d’ispirazione coupé che scende dolcemente verso la coda ne allungano il profilo, mentre le superfici tese e le linee ascendenti laterali conferiscono alla vettura un forte dinamismo. La conclusione elegante della linea del tetto nella coda crea più spazio nell’abitacolo e visualizza contemporaneamente l’elevata funzionalità. Il posteriore è dal canto suo caratterizzato da superfici ad orientamento orizzontale, che ne accentuano il fisico largo e muscoloso e la stabilità dell’assetto di guida. La sezione sotto lo spoiler che si estende lungo l’intero perimetro senza soluzione di continuità è stata realizzata particolarmente bassa, così da fare apparire la coda a sua volta più vicina al terreno. Già a vettura ferma, il gioco tra luce ed ombra genera sulle superfici una dinamica molto armoniosa. Le luci posteriori allungate con la tipica forma ad “L” si estendono anche nelle fiancate posteriori, sottolineando ulteriormente la larghezza del corpo macchina. Due strisce luminose integrate, composte da unità a Led, descrivono poi una grafica delle luci sottile e generano un design notturno in tipico stile Bmw. Infine, il grande cofano posteriore esprime funzionalità e versatilità offrendo un accesso ottimale al bagagliaio e facilitando, grazie alla sua larga e generosa apertura, le operazioni di carico e scarico di oggetti ingombranti.

Seconda fila di prima classe
Parlando ora in termini puramente geometrici, la “bambina” si distingue sia in altezza (+81 mm sulla Touring) che in lunghezza (+200 mm), a tutto beneficio dei passeggeri posteriori. È infatti attorno a loro, che sembra disegnata la 3 GT, esercizio di fantasia che dopo un test drive non sembra più così bizzarro: crescendo la distanza tra gli assali (+110 mm), si dilata (+72 mm) di riflesso anche lo spazio a disposizione dei fortunati inquilini di seconda fila, rilassati come a bordo di una Serie 7. La sensazione unica di spaziosità viene poi intensificata dalle forme, dalla selezione dei colori e dei materiali degli interni. L’andamento filante delle linee dei pannelli interni delle porte crea inoltre l’unione tra la sezione anteriore e quella posteriore, generando un’armonia unica. Sia davanti che dietro gli occupanti traggono infine profitto da una posizione di seduta rialzata di 59 mm, che consente così una vista eccellente e facilita notevolmente l’accesso e l’uscita. La Gran Turismo offre inoltre maggiore spazio per la testa. Analogamente agli altri modelli, anche l’ultimogenita della linea Serie 3 è disponibile in una versione d’ingresso e negli equipaggiamenti Sport Line, Luxury Line e Modern Line. In più, sarà presto ordinabile l’esclusivo pacchetto M Sport.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati