Notizie dal Mondo dei Motori
Buon compleanno Golf!

Buon compleanno Golf!

L’iconica compatta tedesca compie 40 anni: un successo lungo sette generazioni e 30 milioni di vetture vendute.

Video  Buon compleanno Golf!

Dimensione Carattere:

È il 1974 quando Giorgetto Giugiaro disegna la prima Golf: il nome ricorda il popolare sport ma in realtà si tratta più semplicemente dell’abbreviazione di Golfstrom, dal tedesco corrente del golfo, lo scopo è realizzare un modello popolare per sostituire il Maggiolino. Rispetto al Beetle, la nuova compatta ha forme squadrate e una solida personalità. Concreta come poche, nel suo futuro ci saranno declinazioni a 3 e 5 porte, le sportive GTI e GTD, la cabriolet, la 4x4 e il modello da fatica e pick-up, Caddy. Il che riporta immediatamente al gioco del golf. Sette generazioni, quattro decadi e 30 milioni di vetture vendute più tardi, il successo è servito. La prima sportiva GTI è targata 1976: ha 110 cavalli, fila a 180 orari e aggiunge due fari in più e una serie di strumenti ad hoc alla versione normale. Diventa immediatamente uno status symbol. All’alba degli Ottanta arriverà anche la prima versione cabriolet, un modello di successo che verrà replicato solo a generazioni più che alterne. 1983, Golf 2. Negli Ottanta i motori crescono e arriva pure il 2 litri da 210 cavalli, ma è nel 1985 che con la prima 4x4, installa la trazione integrale Syncro e una potenza simile a quella della GTI, Golf è in grado di affrontare l’inverno e ogni percorso. 1991, Golf 3. La terza generazione porta con sé un’evoluzione stilistica che (non) lascia tutti a bocca aperta e pure una versione supersportiva: VR6 ha un motore di 2.8 litri e 174 cavalli, 190 se abbinati alla trazione 4WD. I tempi sono maturi anche per una nuova cabriolet e persino per la prima wagon, Golf Variant. 1997, Golf 4. Giudicata una delle migliori mai prodotte, la quarta generazione Golf condivide il pianale con la sorella Audi A3. La GTI è ormai un must have e, nel 1999, arriva una rinnovata Variant. 2004, Golf 5. La ciliegina sulla torta della quinta generazione è la (super)sportiva R32, con 241 cavalli e il cambio automatico doppia frizione Dsg. Sono gli anni in cui si afferma anche A3, così oltre al pianale ora le due ‘gemelle diverse’ condividono anche quasi tutta la gamma motori. 2008, Golf 6. La cifra stilistica per la sesta generazione è quella di Walter de Silva. L’italiano è coadiuvato da Flavio Manzoni, che dopo la Polo andrà a disegnare in Ferrari, e interviene in punta di piedi sulla bestseller: per molti questo modello di transizione somiglia più a un restyling che a una vera e propria rivoluzione. 2013, Golf 7. Quarant’anni dopo la prima e inimitabile, Golf torna a puntare dritto al futuro. La gamma è ormai completa in ogni variante, così si sceglie di affrontare il tema che tiene in scacco la mobilità contemporanea e, prima di spegnere le 40 candeline, Volkswagen svela l’elettrica e-Golf e GTE: la prima ibrida che rende Golf l’unica auto al mondo disponibile contemporaneamente nelle tre declinazioni sportive, benzina GTI, diesel GTD, ibrida GTE.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati