Notizie dal Mondo dei Motori
Certificazione TUV per la nuova CLS

Certificazione TUV per la nuova CLS

Emissioni di CO2 inferiori di un terzo rispetto al precedente modello: è per questo che arriva la certificazione ambientale TÜV per la nuova Mercedes-Benz CLS. La coupé ha ricevuto la certificazione ambientale in conformità allo standard ISO 14062.

Video  Mercedes CLS Shooting Brake

Dimensione Carattere:

Dici nuova Mercedes-Benz CLS e ti viene in mente un favoloso coupé quattro posti da 70.000 euro che fa correre le emozioni. Così sexy da essere esposta in un museo della classe, così aggressiva da dare il via all’offensiva di prodotto della Casa tedesca. Ma in realtà, la nuova Mercedes-Benz CLS è anche efficienza sotto il profilo dei consumi e dell’inquinamento. Infatti, è arrivata la (severa) certificazione ambientale TÜV in conformità allo standard ISO 14062. Che fa seguito a quelle ottenute dai modelli Classe A, B, C, E, S e GLK.

Lungo tutto il suo ciclo di vita (dalla produzione all’utilizzo per più di 250.000 km fino ad arrivare al riciclaggio), la nuova Mercedes-Benz CLS produce il 30% di emissioni di CO2 in meno rispetto al modello precedente, che era arrivato a illuminare il mercato auto nel 2004. E emissioni di NOx sono state ridotte del 21%.

Non solo: i risparmi in termini di energia primaria si attestano sul 27% rispetto al modello precedente, traducendosi in circa 9.300 litri di benzina. In particolare, è la CLS 350 BlueEFFICIENCY a benzina che stupisce: i consumi sono passati dai 10,1 l/100 km del modello precedente a 6,8 l/100 km, il 33% in meno.

Senza considerare che la CLS rispetta già oggi la quota di riciclabilità che sarà fissata per legge dal 1° gennaio 2015 e sarà pari al 95% del peso della vettura. La quota di componenti riciclati è aumentata, infatti, di circa il 96% rispetto al modello precedente.

La storia della CLS va così avanti per tappe storiche: la certificazione ambientale arriva dopo essersi presa il merito di avere aperto la strada alle beline-coupé, quest’opera d’arte lunga cinque metri (494 centimetri per la precisione), larga 188 cm, e alta 142 cm, è muscolosa ma non pacchiana, aggressiva ma non volgare. Con quella calandra così maestosa, l’abitacolo di extra-lusso chic, una qualità di finiture e materiali che ha pochi eguali.

Slanciato ed elegante, il profilo della CLS è il tratto distintivo di questo particolare modello che cattura l’attenzione al primo sguardo. La linea di cintura nasce sopra i parafanghi anteriori e prosegue verso la coda. Una possente linea posteriore sottolinea ulteriormente il carattere atletico della nuova CLS.
Non per niente, fra i dieci nuovi modelli del segmento premium i protagonisti dell’importante concorso europeo "Golden Steering Wheel", nel segmento lusso e prestigio sono arrivati in finale i modelli Audi A7, BMW Serie 5, Mercedes-Benz CLS, Suzuki Kizashi e Volvo S60: non meno di 40 collaudatori hanno sottoposto le vetture selezionate ad un approfondito test di tre giorni sulla pista di Balocco, in Italia; in questa occasione la nuova Mercedes-Benz CLS ha staccato gli altri modelli, aggiudicandosi la vittoria e portando il "Golden Steering Wheel" per la diciannovesima volta a Stoccarda.

Fra l’altro, la CLS è il primo modello con gruppi ottici anteriori full LED di serie, che coniugano un’illuminazione simile alla luce naturale, tipica della tecnologia LED, con le prestazioni, la funzionalità e l’efficienza energetica degli attuali proiettori bixeno. Questi nuovi gruppi ottici associano per la prima volta la tecnologia LED all’Intelligent Light System (ILS), già utilizzato sui modelli Mercedes con fari bixeno.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati