Notizie dal Mondo dei Motori
Citroen C1: La terza sorella.

Citroen C1: La terza sorella.

Comfort, simpatia e tecnologia per la nuova “piccola” francese.

Video  Nuova Citroen C1
Video  Citroen C1 - Accessorize
In Relazione:
Articoli  C1
  CityCar
Video  Video CITROEN
Video  Foto CITROEN

Dimensione Carattere:

Dopo la Toyota Aygo, e Peugeot 108 ecco la Citroën C1. Tre sorelline che puntano a spartirsi gran parte del segmento delle citycar puntando su elevati contenuti comuni, ma su personalità nettamente differenziate. Alla C1 spetta secondo noi il ruolo della più sbarazzina, caratterizzata come è da un frontale personalissimo in cui non è difficile ritrovare uno sguardo “umano” che conquista. Difficile infatti non scorgere nei tratti “somatici” della C1 occhi, sopracciglia e bocca sorridente”, un sorriso che conquista subito ed è contagioso.

Squadra che vince...
La nuova generazione, pur decisamente ristilizzata, conserva i valori e gli elementi principali della prima serie, ma aggiunge molti contenuti che le fanno compiere un deciso balzo in avanti a partire dal design con una silhouette ancora più energica, gli inediti proiettori, le versioni bicolore e gli interni colorati. Ma anche come il comfort nell’utilizzo quotidiano, soprattutto nel caotico traffico cittadino, con le dimensioni compatte (lunghezza contenuta a 3,46 metri), l’agilità, la maneggevolezza e la buona tenuta di strada. Oppure anche come la cosiddetta “tecnologia utile” con equipaggiamenti facili da utilizzare, tra cui il Touch Pad da 7 pollici con tecnologia Mirror Screen che comanda direttamente le applicazioni dello smartphone, la funzione Keyless Access&Start, la telecamera di retromarcia e persino l’Hill Assist. Si fa in 4 grazie alla versione “scoperta” Disponibile in configurazione a tre e cinque porte, ma anche in una nuova variante Airscape con un esteso tetto in tela ad apertura elettrica, C1 vanta un’innumerevole ventaglio di personalizzazioni che consentono di impreziosire lo stile della vettura con combinazioni di colori trendy grazie al tetto a contrasto rispetto alla tinta di carrozzeria, arricchendone nel contempo il contenuto tecnologico. C1 è disponibile in due varianti di motore entrambe a benzina 3 cilindri e di ultima generazione. Si tratta di un 1.0 VTi da 68 CV disponibile anche con trasmissione pilotata ETG e dell’inedito 1.2 VTi da 82 CV. Se il primo propulsore è campione di consumi ed emissioni di CO2 con rispettivamente 3,8 litri/100 km e 88 g/km, il secondo garantisce comunque valori eccellenti: 4,3 litri/100 km e 99 g/km, offrendo un surplus di dinamismo che rende la piccola “francesina” ancora più piacevole e divertente da condurre, oltre a schiudergli scenari che vanno ben oltre al semplice ruolo di cittadina. La citycar francese si presenta in definitiva come una vera e propria piccola ammiraglia da città, soprattuto nella versione più equipaggiata oggetto della nostra presa di contatto, elegante e molto agile grazie soprattutto al raggio di sterzata che è pari a 4,80 metri, perfetta per sgusciare nel traffico e parcheggiare in spazi angusti.

La legge del...led
Come si conviene ad una cittadina che vuole essere anche trendy ed alla moda, Citroen C1 mette in mostra quindi uno stile dinamico ed energico sottolineato dalla continuità visiva tra parabrezza e vetri laterali, con montanti del parabrezza neri e profili dei vetri cromati, a seconda la versione e dell’allestimento. Il frontale riprende in modo originale e particolarmente simpatico il nuovo linguaggio stilistico della Marca. Su tutto, in tema di personalità, spiccano i proiettori in due parti abbinati ai gruppi ottici ellittici, con fari diurni a LED dal design verticale, per una “firma” luminosa inedita (diventata oramai, seppure in maniera diversificata a seconda dei modelli e del loro carattere, il “fil rouge” delle ultime creazioni Citroen), che ne rafforza il carattere e la rende immediatamente riconoscibile. Il posteriore è dominato dal portellone in vetro e dai fari dal design squadrato, dall’effetto tridimensionale (anche qui DS3 docet).



Il colore come elemento di design

La nuova C1 è disponibile in una tavolozza di di ben otto tinte esterne molto trendy: colori raffinati come Ink Black, Silver Grey, Graphite Grey e Olive Brown, o luminosi come Polar White, Smalt Blue, Love Red, e Sunrise Red.
Non mancano, e secondo noi le donano molto, allestimenti bicolore con il tetto in una tinta diversa dal resto della carrozzeria. Stesso motivo bicolore anche e soprattutto per la versione Airscape con tela del tetto a contrasto con la tinta del veicolo. Tre i colori disponibili per il tetto: Sunrise Red, Black e Grey. Completissima l’offerta anche in tema di cerchi con misure da 14’’ e 15’’, e persino con raffinatissimi cerchi in lega da 15’’ diamantati.
Pennellate di colore anche all’interno e sulla plancia: sul profilo del sistema multimediale, sulle modanature degli aeratori e sulla base della leva del cambio. Gli interni sono completati da pannelli delle porte in tinta con la carrozzeria.

Massimo sfruttamento degli spazi
La nuova C1 dispone anche di numerosi vani portaoggetti distribuiti in modo razionale nell’abitacolo, che la rendono pratica e funzionale: un porta bicchiere e un cassettino portaoggetti chiuso è ad esempio in grado di contenere una bottiglia da un litro. Praticità ed ergonomia sia all’interno dell’abitacolo che nel vano bagagli. Quest’ultimo ha una capienza di 196 litri, pratico e accessibile, con cappelliera removibile e con i sedili posteriori ripiegati il suo volume arriva a ben 780 litri. Completo l’equipaggiamento per il benessere dei passeggeri: ad esempio climatizzatore automatico e, per la versione a 3 porte, la memorizzazione della posizione dei sedili anteriori.

“Smart” car
Intuitiva e facile da utilizzare. Questo il must della tecnologia di bordo della piccola C1. La city car francese può essere equipaggiata di Touch Pad 7’’ per gestire tutte le funzioni multimediali: radio, telefono, lettore video, computer di bordo. A bordo di C1 vige la massima connettività grazie al Mirror Screen che permette di duplicare e comandare dal Touch Pad 7” il contenuto dello smartphone. È sufficiente verificare la compatibilità del proprio smartphone, installare l’applicazione che permette lo scambio di dati, e collegarlo alla porta USB del veicolo. A questo punto è possibile usare facilmente le funzioni del proprio smartphone direttamente dal Touch Pad 7”: navigazione, telefonia, rubrica degli indirizzi, musica, Web Radio e tutte le altre applicazioni utili e compatibili con la guida. Nuova C1 dispone anche della funzione Keyless Access&Start che permette l’accesso e l’avviamento del motore continuando a tenere la chiave elettronica in tasca. Sempre parlando di tecnologia, C1 dispone anche di un sistema per la partenza assistita su pendenza Hill Assist di serie, accessorio quantomai utile anche nel contesto urbano, ad esempio quando si esce da un parcheggio sotterraneo. Su pendenze superiori al 3% il sistema blocca automaticamente il veicolo per 2 secondi, permettendo quindi di ripartire in tranquillità senza dover tenere pigiato il freno.

Offerta completa che va oltre ai confini “urbani”

C1, come dicevamo in apertura di servizio, è offerta in combinazione con due motorizzazioni benzina di ultima generazione. La più piccola 1.0 VTi 68 è proposta anche con cambio pilotato ETG consigliabile per chi utilizza la vettura prevalentemente in città. Questo cambio a 5 rapporti beneficia di una funzione “trascinamento” e di una cartografia del pedale ottimizzata, studiata per migliorare la dosabilità e la fluidità nelle partenze, a tutto vantaggio del comfort di guida e perfetto per il traffico e lo “stop and go”. Il motore 3 cilindri 1,2 litri da 82 cv, si è rivelato efficiente e parsimoniose con consumi di 4,3 l/100 km ed emissioni di CO2 di 99 g/km, il tutto abbinato ad un’ottima vivacità e piacere di guida. Grazie anche alla coppia di 116 Nm e ad una capacità di scatto (accelerazione da 0 a 100 km/h in 11 secondi) piuttosto brillante, ci sentiamo di consigliare questa motorizzazione a chi vuole un “range” di utilizzo più ampio ed al di fuori dal quotidiano traffico di tutti i giorni. Insomma se dovessimo consigliarla ad un amico, 1.0 ETG per chi rimane nella città, 1.2 VTi per tutti gli altri..




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati