Notizie dal Mondo dei Motori
Citroen DS3 Just Black - Test Drive

Citroen DS3 Just Black - Test Drive

Compatta, agile e con motore turbo a benzina: Newstreet.it prova la nuova Citroen DS3 1.6 THP da 156 Cv, in allestimento Just Black da 21.671 Euro. Una "caccia urbana" a Mini, MiTo e 500. Chi la scamperà? Di sicuro la francese ha tutte le carte in regola.

Video  Citroen DS3 R3 - Team Italia
Video  DS3 e DS3 Cabrio con nuovi fari xeno full led

Dimensione Carattere:

"Vi faccio neri!!!". È il grido di battaglia che sembra ruggire dalla plumbea calandra della nuova Citroen DS3 "Just Black", finita tra le mani e sotto i piedi dei tester di Newstreet.it, per dimostrare che a lasciare il segno sulle strade del 2011 non sono solo Scorpioni, Biscioni e Union Jack Victim.

La francesina c’è. Ha una linea azzardata ma innovativa, che racchiude contenuti di livello, fatti di qualità dei materiali, cura costruttiva, sostanza ed affidabilità. Non possiamo negare che il giorno del ritiro vettura in quel di Milano, tra la nuova gamma Citroen completa e meravigliosi pezzi storici come la C3 del 1926, il primo impatto con la colorazione fuori dagli schemi (nero opaco con tetto lucido e specchi cromo) un po’ ci ha scosso...

Prendiamo posto nell’abitacolo curato, troviamo subito la posizione perfetta (sedile comodo e volante regolabile, anche se particolarmente adatta ai più alti) e partiamo. Il disappunto iniziale per il colore da "Batman - The Dark Knight" svanisce al terzo semaforo, dove lo stupore si legge negli occhi dei passanti - non solo dei più giovani - attratti positivamente dalla novità parigina. Ora siamo più tranquilli.

Ci aspetta la prima parte del viaggio, 100 km di autostrada, un’ora scarsa di sorpassi, lavori in corso ed aree di servizio. La Citroen corre liscia sulla scura striscia d’asfalto tiepido; è confortevole, silenziosa, veloce quanto basta (e anche di più se si vuole buttare dal finestrino qualche manciata di punti patente) e piacevolmente parca nei consumi.

D’altronde l’1.6 litri THP turbo a benzina da 156 CV che spinge questa DS3, unico motore disponibile sulla Just Black, è abituato a ben altre performance. Per cui qualche centinaio di chilometri a 130 km/h sono un gioco da ragazzi, e sforzando poco il propulsore richiedono poco carburante.

L’assetto sportivo è rigido ma comunque confortevole, a condizione di non piombare negli ormai immancabili labirinti di restringimenti, deviazioni, voragini aperte e chiuse, di cui ultimamente le autostrade sembrano non poter fare a meno. In quel caso, le molle dure e i cerchi da 17" con pneumatici ribassati ogni tanto "bussano" nella schiena.

Per i viaggi noiosi c’è un impianto stereo con 8 casse. Ha una comoda funzione di file sharing via bluetooth con il proprio telefonino, così senza collegarlo all’ingresso Aux (comunque disponibile) puoi sentirti la tua musica preferita senza cavi che rotolano tra i tappetini.

Mettiamo il nostro pezzo preferito, sincronizziamo lo smartphone con il vivavoce integrato in plancia e profumiamo l’ambiente premendo un paio di volte l’apposita borchia cromata: proprio così, con un semplice tocco l’abitacolo si riempie di un piacevole aroma fruttato, spruzzato direttamente nell’impianto di aerazione (almeno fino a quando la cartuccia non finisce. È sostituibile, ma noi non siamo riusciti a smontare il marchingegno).

Altri accorgimenti utili compresi nel "Pacchetto Just Black" sono il sensore pioggia, che regola la battuta dei tergicristalli, il sensore luci, che accende e spegne i proiettori anabbaglianti quando occorre ed una simpatica funzione Dark, che spegne tutte le luci del cruscotto ad esclusione del quadrante tachimetro, così non ci si distrae. Il climatizzatore è automatico, i comandi sono intuitivi e facili da raggiungere. Sarebbe bello anche un bel sistema di navigazione satellitare, ma sulla "nostra" DS3 manca (e aggiungerlo costerebbe altri 1.300 Euro).

La prova autostrada è stata superata: DS3 contro scetticismo iniziale 1 a 0. Ora ci aspetta la seconda fase, quella piccante, quella piena di curve e saliscendi. Un bel tratto pedemontano di misto stretto; il traffico è scarso, la strada appetitosa e tra le mani abbiamo una hothatch con motore turbo twinscroll da quasi 160 cavalli, non ci si dovrebbe annoiare!

I blocchi di partenza sono allo svincolo Borgone, dell’Autostrada A32 Torino-Bardonecchia. Da cui imbocchiamo la SS25: destinazione Lago del Moncenisio. Dopo il primo tratto soft iniziamo ad infilare le curve in serrata sequenza cercando il giusto feeling con la nostra DS3, quasi fosse uno zapping con il telecomando, di quelli alla ricerca del programma più interessante o del film preferito. Qui i pulsanti non ci sono, è una ricerca fatta solo con la sensibilità sul volante, che risulta sempre pronto, preciso e progressivo quanto basta, anche se sempre un po’ troppo leggero. Già "sul dritto" aveva dato cenni di morbidezza, nello stretto conferma ma senza spaventare: la sostanza, comunque, c’è. Tra l’altro è una delle vetture con il raggio di sterzata più ridotto. I sedili sportivi hanno supporti laterali molto pronunciati e sono più che contenitivi e confortevoli, con inserti in Alcantara che aiutano a non scivolare. Il bracciolo centrale, comodo per appoggiarsi quando si regola clima o radio, quando si spinge un po’ limita troppo i movimenti. Per fortuna si può bloccare in posizione verticale.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati