Notizie dal Mondo dei Motori
Citroen DS4 2011 - Test Drive

Citroen DS4 2011 - Test Drive

Prova su strada della Nuova Citroen DS4, compatta coupè a 4 porte dall’assetto rialzato, quasi da crossover. Il verdetto? La francesina è poliedrica, agile e il guidatore ha una visibilità eccezionale. 1.6 THP 200 CV ottimo. Non da meno il 2.0 Hdi da 160.

Video  Citroen DS4 - Itinerario
Video  Citroën DS4 Racing Concept

Dimensione Carattere:

Originale, innovativa, unica, divertente: sono i primi quattro aggettivi che ci vengono in mente per definire la Citroen DS4, la compatta che abbiamo messo sotto torchio in un test drive accurato. La Casa francese è riuscita a ideare una vettura sfiziosa, senza cadere nel pacchiano. E così la quattro porte-cinque posti transalpina esprime la filosofia della linea DS in termini di stile, design, emozioni e raffinatezza; senza eccedere in richiami storici, la DS venne prodotta da Citroen dal 1975 al 1995, identificando un veicolo anticonformista, con soluzioni stilistiche rivoluzionarie; e la Citroen DS4 s’inserisce perfettamente nel solco tracciato dalle antenate.

Appena la vedi, capisci subito che la Citroen DS4 è una vettura poliedrica, pratica ma al contempo chic; funzionale, ma sportiva. Sali a bordo, e ti rendi conto che quell’assetto rialzato non è unicamente concepito a fini estetici: rende la guida molto confortevole, perché vedi benissimo la strada. Il tutto condito dal parabrezza panoramico, che ti regala una visibilità piacevole e preziosa per la sicurezza. Un po’ berlina, un po’ Suv e un po’ coupé, è da amare.

La Citroen DS4 ti rende un po’ birichino. Abbiamo provato la 1.6 THP 200 CV Sport Chic e ci ha spinto a osare, a "sentire la strada", a godere della guida: è una tentazione all’evasione e al movimento. D’altronde, la DS4 coniuga creatività, dinamismo ed esclusività grazie anche ai 4,27 metri di lunghezza, all’1,81 m di larghezza e all’1,53 m di altezza.

Lei è compatta, maneggevole, e ospita comodamente cinque persone, anche di stazza abbondante. Per di più si accede agevolmente ai posti posteriori, per via delle portiere integrate nello stile. Ma nella sua versatilità, la Citroen DS4 non ti fa mai dimenticare di essere raffinata. E vale mille anche come status symbol: non passa inosservata. Ha linee tese e scolpite (passaruota in bella evidenza), proiettori che paiono puntarti negli occhi; all’interno, cockpit d’ispirazione aeronautica, il monogramma DS sul montante laterale e sul volante in pelle. Come ci ha spiegato Marc Pinson, designer del progetto, "reinterpretare i codici apre nuove prospettive e fornisce risposte concrete e sorprendenti alla mobilità in auto".

Che sia una DS lo capisci anche dal muso: doppio chevron sulla calandra, il logo DS sul cofano, i Citroen Led attivi in ogni condizione di guida. La vista laterale è definita da passaruota imponenti che evidenziano i grandi cerchi in lega (fino a 19 pollici). Spiccano i dettagli cromati attorno ai vetri oscurati. E la linea del tetto si sviluppa armoniosamente fino allo spoiler e accentuandone il dinamismo.

Il sedere della Citroen DS4 è attraente: compatto e imponente nel contempo, con il dettaglio cromato sulla parte inferiore del paraurti e gli avvolgenti Led orizzontali integrati nei fari posteriori.

Dentro, sedili avvolgenti, quadranti dai profili cromati di immediata lettura, plancia scolpita e gradevole e morbida al tatto. Quel parabrezza panoramico è piacere puro: luminosità interna notevole e giocata sui contrasti. Offre un campo visivo verticale di 45°. Un pannello scorrevole, con alette parasole richiudibili, garantisce il massimo confort a conducente e passeggero in tutte le situazioni. Comunque, il massimo sono gli interni in pelle integrale, a ricoprire plancia, rivestimenti delle portiere e sedili anteriori sportivi nella versione Sport Club. Da segnalare anche i profili cromati delle bocchette di aerazione, del quadro strumenti, della leva del cambio. La cura del dettaglio la percepisci ovunque.

Bagagliaio di oltre 370 litri VDA di volume, degno di una berlina tradizionale. Vani a non finire, come il cassetto portaguanti illuminato, e ampi spazi nelle porte anteriori, che possono contenere una bottiglia da 1,5L.

Passando alla parte più gustosa, ossia le sensazioni di guida, quella birichina di Citroen DS4 è incollata alla strada. Come monellacci imperturbabili, noi di Newtsreet.it abbiamo voluto testarla a fondo anche in situazioni critiche: lei ha sempre risposto a dovere. E Jérémie Maestracci, responsabile progetto DS4 ci ha spiegato: "Il nostro intento era dare al conducente la sensazione di ’avere le ruote tra le mani’, per sentire la strada come mai prima". Tutto vero. Grazie anche a un avantreno pseudo-McPherson, a un retrotreno a traversa deformabile e a un servosterzo idraulico. La regolazione delle sospensioni filtra la strada e conferisce elevata agilità.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati