Notizie dal Mondo dei Motori
Citroen Tubik Concept

Citroen Tubik Concept

Qualcuno di voi è interessato a comprare un salotto viaggiante? Allora il Citroën Tubik Concept fa al caso vostro. Un prototipo presente al Salone di Francoforte 2011: un van a trazione integrale, con un turbodiesel ibrido. Ispirato al Tub del 1939.

In Relazione:
Articoli  CITROEN
Video  Video CITROEN
Video  Foto CITROEN

Dimensione Carattere:

Interessante esercizio di stile al Salone di Francoforte 2011: il Citroën Tubik Concept è una specie di salotto viaggiante, o se preferite un furgone proveniente dal 3000. Anzi no, è solo un enorme monovolume per nove persone, lungo 4,8 metri, largo 2,08 metri e alto 2,05 metri, con ruote di 22 pollici di diametro. Di sicuro, è l’erede della Citroën Tub, rivoluzionario veicolo del 1939.

Un po’ in stile Volkswagen Bully, la Citroën Tubik Concept ha una speciale verniciatura argento, telecamere anziché specchietti retrovisori e superficie dei finestrini laterali molto grande.

Un prototipo suggestivo e "verde", visto che trattasi di un ibrido particolare: non il solito motore benzina accoppiato a quello elettrico, ma un propulsore turbodiesel common rail a iniezione diretta 2.2 HDI da 204 cavalli, più le batterie (Hybrid4 del Gruppo PSA). In più pneumatici a resistenza al rotolamento davvero bassa: meno attrito uguale meno inquinamento.

Stando alla Casa, fa 30 km in modalità completamente elettrica. E con la funzionalità plug-in, le batterie agli ioni di litio si ricaricano tramite una normale presa di corrente da 220 volt.

La Citroën Tubik Concept è uno shuttle ipertecnologico, ha nell’abitacolo un salotto con sedili modulari su tre file e indipendenti uno dall’altro. Li puoi mettere in posizione semi-reclinata oppure faccia a faccia o in latri modi. Gigantesco schermo semicircolare ad alta definizione con sistema audio surround.

Ma come si accede? Facile. C’è un grande portellone laterale, sulla fiancata destra della vettura, incernierato sulla parte superiore: si apre verso l’alto. La portiera del guidatore si apre con un movimento rotatorio all’insù. L’auto riconosce chi guida in modo digitale. Le informazioni vengono proiettate sul parabrezza (sistema head-up display) e su un display al centro del volante. Il conducente è su posto guida è un modulo indipendente chiamato Cyclotron: un pezzo unico circolare che comprende sedile del guidatore, pedali e strumentazione di bordo.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati