Notizie dal Mondo dei Motori
Classe C Station Wagon, leggerezza della Mercedes “volante”

Classe C Station Wagon, leggerezza della Mercedes “volante”

Quando le cifre parlano più di mille parole.

Dimensione Carattere:

Quota di alluminio nella carrozzeria al 49% in termini di superficie, del 25% sulla scala del peso. Sul modello precedente, a sua volta non proprio una Mercedes qualunque, lo share non oltrepassava rispettivamente il 9% e il 4%. La Classe C Station Wagon, mostrata in anteprima mondiale presso lo stabilimento di Brema dal membro del board Daimler Thomas Weber in persona, in ogni caso rosicchia all’antenata 65 kg di massa, con sensibili benefici alla voce consumi (-20% di media) e al capitolo agilità. La quarta generazione della C-Klasse T-Modell (C SW in lingua “madre”) guida infatti il concetto stesso di familiare verso una sfera più moderna e flessibile rispetto agli standard del marchio e del segmento, acquistando appeal anche presso quell’utenza che al giorno d’oggi si rivolge al pianeta SUV senza considerare alternative più classiche.

Per ravvivare il proprio ruolo di bestseller di ogni tempo della Stella (oltre 8,5 milioni di unità vendute dal 1982 in avanti), la C si declina così in una wagon dal gusto estetico universale e dalle soluzioni tecniche - come ogni anteprima Mercedes che si rispetti - all’avanguardia. Una su tutte? Si chiama “Connect me” ed è il servizio web che permette di collegarsi alla vettura in remoto, mediante smartphone, tablet o pc, ovunque ci si trovi. Programmare il condizionamento dell’abitacolo, individuare l’auto in un affollato parcheggio multipiano, richiamare online il livello di carburante e proiettare sulla mappa il raggio di autonomia residua: tutto questo e altre funzioni, tra le quali la provvidenziale chiamata di emergenza, miglioreranno la qualità a bordo e “a terra”.

A settembre popolerà dunque le concessionarie una Classe C SW rinnovata nello stile esterno, più filante e giovanile (due frontali diversi, con griglia sportiva o con “mirino” sul cofano), ma soprattutto al proprio interno, raffinato come quello della berlina. In particolare, le versioni con Comand on line (più di un navigatore, un autentico cervello) e con lo scenografico “screen” in rilievo ad esso associato adottano ora un “touchpad” integrato nel poggiamano dal quale gestire in punta di dita tutte le funzioni della head unit. Crescono le dimensioni: +96 mm in lunghezza (4.702 mm), 40 mm in più anche in larghezza (1.810 mm). A godere sono i passeggeri posteriori (45 mm di spazio in più per le gambe) e i vacanzieri: il volume del bagagliaio aumenta a sua volta di 5 litri (490 litri). Al lancio, la SW si declinerà in 4 motori a benzina BlueDirect (tre 4 cilindri e un V6) e nella nota gamma di diesel 4 cilindri BlueTec. In aggiunta, Mercedes offre l’ibrido diesel C 300 BlueTec Hybrid dai consumi record (3,8 l/100 km per 99 g/km di CO2). Produzione in programma nei siti Mercedes di Brema, Pechino, East London e Tuscaloosa. È una Classe C da serie A, anzi - vista la vocazione internazionale - da Champions.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati