Notizie dal Mondo dei Motori
Cruise control può incidere negativamente sull’attenzione

Cruise control può incidere negativamente sull’attenzione

Vinci Autoroutes Foundation pubblica uno studio secondo il quale i dispositivi di controllo e regolazione della velocità incidono sulla curca d'attenzione alla guida

Dimensione Carattere:

Vinci Autoroutes Foundation, creata nel 2011 con lo scopo di ricercare, osservare ed informare in tema di sicurezza stradale, ha pubblicato i risultati di uno studio realizzato nell’ambito del piano di ricerca scientifica dedicata alla prevenzione di sonnolenza e sonnolenza al volante come cause principali di incidenti (soprattuto in autostrada).
La ricerca, condotta in collaborazione con L’Università di Strasburgo, è stata rivolta a misurare gli effetti dell’utilizzo dei dispositivi di controllo e regolazione di velocità (cruise control) su attenzione e comportamenti di guida.

Detto che il 38% degli automobilisti utilizza abitualmente questi dispositivi, lo studio ha evidenziato un preoccupante scadimento della soglia di attenzione del guidatore che ha manifestato un evidente rallentamento dei tempi di reazione in caso di imprevisto.

La causa di questo effetto negativo è, secondo questa ricerca, dovuto sostanzialmente a due fattori. Da un lato ad una maggiore difficoltà nel moderare e modulare la velocità in funzione del traffico incontrato, dall’altro alla diminuita soglia di attenzione rilevata nel guidatore che ha inserito il controllo di velocità di crociera, dispositivo che rende la guida autostradale senza dubbio più rilassante, ma proprio per questo induce il guidatore a sottovalutare possibili imprevisti finanche ad arrivare ad indurre sonnolenza.
I guidatori (soprattuto i più giovani) hanno manifestato un significativo assopimento dei riflessi già dopo 30 minuti di guida autostradale con cruise control attivo. Il rischio di colpo di sonno, secondo quanto rilevato nei laboratori di ricerca sulla neurocognitiva e neurofisiologia dell’Università francese, aumenta infatti del 25% in caso di utilizzo di cruise control e del 16% in caso di impostazione di limitatore elettronico della velocità. Ben vengano quindi i dispositivi di assistenza alla guida, purchè non inducano il guidatore a ridurre la soglia di attenzione.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati