Notizie dal Mondo dei Motori
Dacia Duster 1.5 dCi 110 CV

Dacia Duster 1.5 dCi 110 CV

La Dacia Duster 1.5 dCi 110 CV piace per l’immagine e conquista per la concretezza: un’aria robusta, un ottimo e parco motore diesel, ed un prezzo d’acquisto accessibile.

Video  Dacia Duster si rinnova in tutto tranne il prezzo

Dimensione Carattere:

L’immagine è da SUV compatto, di quelli che tanto vanno di moda e che sempre più case automobilistiche inseriscono all’interno delle proprie gamme per attirare clienti sempre molto sensibili a proposte di questo genere. A questo, Duster aggiunge un’aria robusta e concreta, un ottimo motore diesel parco e generoso allo stesso tempo, ed un prezzo d’acquisto alla portata di tutti. Il rovescio della medaglia? Poca roba se non pretendete finiture premium o dotazioni tecnologiche all’ultimo grido: il tutto si riduce infatti a materiali pratici e robusti, ma poco affascinanti alla vista e piacevoli al tatto ed una componentistica non proprio all’ultimo grido. Comandi, strumenti e alcuni servizi di bordo ricordano le Clio di penultima generazione.

Sobrio, robusto e gradevole: un 4x4 “scacciapensieri”
Tutto si può dire di Dacia Duster, tranne che non sia gradevole. Tutto l’insieme regala una sensazione di grande solidità e pulizie di linee. La parte più riuscita ci sembra il frontale con i bei proiettori dalle giuste proporzioni e lo scudo protettivo color alluminio che fa tanto SUV, senza appesantire le forme compatte e slanciate della vettura. Anche fiancate e posteriore, seppur leggermente più anonime, sono esenti da qualunque tipo di osservazione. Duster, insomma, appare piacevole e privo di inutili “esagerazioni” che non gioverebbero alle forme di un veicolo che fa della concretezza e della praticità la sua ragion d’essere. Del resto, il progetto Duster è nato per rispondere alla sempre più sentita domanda di veicoli con una buona abitabilità, robusti ed accessibili. Ed alla luce del risultato finale, dobbiamo dire che l’obiettivo è stato pienamente centrato. Dacia Duster si distingue infatti per l’impressione di robustezza: parafanghi allargati, imponente fascia cromata sulla calandra e paraurti di protezione non lasciano dubbi sul DNA da vero 4X4 di Dacia Duster. Di profilo, l’altezza dal suolo rialzata fino ad oltre 20 cm, i passaruota ben marcati e le modanature di protezione della carrozzeria invitano ad osare senza tante preoccupazioni anche sui percorsi più impervi. Meno appeal all’interno, dove il design non proprio all’ultimo grido si sposa con una disposizione dei comandi un poco casuale, come nel caso dei pulsanti per gli alzacristalli elettrici che non si trovano esattamente dove uno si aspetterebbe di trovare. Tuttavia si tratta di appunti che non intaccano minimamente il carattere di vettura pratica e votata alla concretezza.

Per la città ed il tempo libero è perfetto anche sulle lunghe percorrenze
La versatilità è senza dubbio una delle frecce all’arco di Dacia Duster. Le sue dimensioni (il SUV franco-rumeno è lungo 4,30 metri e largo 1,82 metri) che smentiscono l’assioma spesso abusato che etichetta tutti i fuoristrada come ingombranti ed inurbane, lo rendono ideale per un utilizzo quotidiano. La sua indole di vettura tuttofare non viene smentita nemmeno fuori dalle strade asfaltate dove un’altezza dal suolo elevata (superiore a 200 mm) e valori significativi per gli angoli di superamento ostacoli (30° per l’angolo di attacco, oltre 35° per l’angolo di uscita), consentono doti di mobilità inimmaginabili.
 Dacia Duster è un 4X4 facile da utilizzare, anche per chi non possiede esperienze alla guida di fuoristrada. Il suo peso contenuto , associato alle dimensioni compatte, lo rendono agile e maneggevole. In questo senso anche un’ottima visibilità e percezione degli ingombri non fanno che facilitare la vita al guidatore. Il passaggio dalla modalità integrale “dura e pura” a quella 4X2 è altrettanto semplice: grazie ad un unico comando collocato, nella parte inferiore della console centrale, è possibile infatti adattare le capacità del veicolo alle diverse esigenze e situazioni. Tramite questo comando è possibile scegliere tra tre modalità:
 in modalità AUTO, la ripartizione della coppia tra avantreno e retrotreno avviene automaticamente in funzione delle condizioni di aderenza. Progettato per garantire una motricità ottimale in qualunque condizione di aderenza, questo dispositivo conferisce a Dacia Duster reali capacità 4X4. In condizioni normali, la coppia è trasmessa esclusivamente alla ruota anteriore; in caso di perdita di motricità o in condizioni di aderenza precaria, una parte della coppia viene trasferita al retrotreno mentre, in condizioni estreme, la coppia è suddivisa al 50% tra i due assali. Questa distribuzione è garantita da un giunto elettromagnetico di origine Nissan; in modalità LOCK, il conducente blocca elettronicamente la modalità 4X4 e trasferisce costantemente il 50% della coppia al retrotreno. Tale utilizzo è raccomandato su fondo stradale scarsamente aderente (neve, fango, terra, sabbia) e a velocità ridotta;
 in modalità 4X2, la trasmissione è bloccata in configurazione 2 ruote motrici. Questa modalità si presta ad una guida su strade in buone condizioni e consente di ridurre il consumo di carburante. Allo stesso tempo, Duster si comporta in modo egregio anche nei lunghi trasferimenti autostradali, come ci è capitato di constatare nel corso di un weekend in cui il SUV Dacia ha potuto mettere in mostra le sue notevoli capacità di carico (il vano bagagli vanta una capienza di 475 litri in configurazione 5 posti). In autostrada il motore 1.5 diesel da 110 CV esprime tutte le sue doti, consentendo elevate medie senza alcuno sforzo ed assicurando allo stesso tempo una guida rilassante e consumi non da primato, ma assolutamente ragionevoli (in media 12-13 km/l circa). La guida trae beneficio anche dall’efficacia del bel cambio a sei marce dalle corrette spaziature e preciso negli innesti.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati