Notizie dal Mondo dei Motori
De Tomaso Nuova Deauville

De Tomaso Nuova Deauville

Una berlina-crossover per rilanciare il marchio dopo sette anni: la De Tomaso Deauville, inizialmente SLS, che stava per Sport Luxury Sedan: era al Salone di Ginevra 2011, insieme al creatore Gian Mario Rossignolo. Dovrebbe costare sugli 85.000 Euro.

Video  De Tomaso Deauville - Crossover Italiano

Dimensione Carattere:

Deauville. È questo il nome definitivo, svelato al Salone di Ginevra 2011, della nuova crossover di casa De Tomaso. Dopo la lunga assenza, durata sette anni, ed il passaggio sotto "le ali" di Gian Mario Rossignolo, la nuova vita del gruppo prende forma con questa promettente vettura, che rispolvera un nome storico che arriva dal lontano 1971.

La De Tomaso Deauville ha quattro ruote motrici, una novità, e 2 motori a benzina: un 6 cilindri da 300 cavalli e un 8 cilindri la cui potenza schizza a 550 cavalli, di provenienza americana. In definitiva, è un cocktail ben riuscito fra una berlina, un Suv, un’ammiraglia massiccia.

Il telaio in alluminio dovrebbe renderla piuttosto reattiva dal punto di vista dell’accelerazione e della velocità pura. L’assemblaggio della scocca è stata effettuata utilizzando profilati estrusi di alluminio, uniti tra loro con crociere stampate, rifilate col laser e saldate: trattasi di nuova tecnologia con brevetto IAI (Innovation in Auto Industry). Che è poi la holding di controllo del Gruppo De Tomaso. Risultato, stando all’azienda, viene ridotto il tempo (e il denaro occorrente) per progettare un’auto: il numero di stampi è abbattuto a poche decine.

La nuova Deauville è importante anche in chiave di investimenti: De Tomaso Spa prevede investimenti di 116 milioni di euro nei prossimi quattro anni per tre modelli. In tutto, 8.000 unità, di cui: 3.000 Sport Luxury Sedan, 3.000 Limousine e 2.000 Coupé.

La macchina ci piace, anche se ci ricorda vagamente - a tratti - la BMW Serie 5 GT e la Mitsubishi Lancer. Sarà importante anche per i lavoratori di due stabilimenti: la Crossover De Tomaso verrà assemblata nello stabilimento di Grugliasco (ex Pininfarina). Le parti meccaniche saranno realizzate nella fabbrica di Dhelphi, vicino a Livorno. Secondo le indiscrezioni raccolte da Newstreet.it, è ipotizzabile un prezzo base di 85.000 euro.

È la scommessa di Rossignolo: è lui l’imprenditore che punta a far tornare ai fasti di un tempo la De Tomaso (dopo aver rilevato impianti e macchinari di Pininfarina). Certo, la lotta nel settore premium sarà dura; ma avrà dalla sua il nome e il know how italiani.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati