Notizie dal Mondo dei Motori
DR- Motor Show di Bologna

DR- Motor Show di Bologna

DR, Casa molisana in espansione, cala il tris Motor Show di Bologna 2010: la nuova berlina DR3, addirittura un prototipo di elettrica, la DR1 Electric. La chiave per sfondare? Prezzi bassissimi. Che le consentono di crescere sul mercato costantemente.

Video  DR - Motor Show di Bologna
Dimensione Carattere:

Prende i pezzi in Cina, motori non di ultimissima generazione, dotazione abbondante, assembla il tutto in Molise, a Macchia d’Isernia, e spara sul mercato macchine che hanno prezzi tremendamente bassi: è la DR, Casa italiana. La sigla sta infatti per (Massimo) Di Risio, titolare e fondatore del Gruppo. Nato per sua volontà, con grande passione e coraggio. E al Motor Show di Bologna 2010, DR stupisce ancora. Tanto per cominciare, la nuova berlina DR3. Una due volumi dalla linea filante, che segna il debutto della Casa nel segmento C e un conseguente ampliamento dei modelli disponibili in gamma. Monta un benzina Acteco 1.5 da 108 CV, disponibile anche in versione bi-fuel. Dotazione di serie ricca. Il suo arrivo nelle concessionarie è previsto entro giugno 2011.

L’abbiamo osservata per benino a Bologna. Da fuori, l’impressione è ottima: la DR3 è disegnata con intelligenza. Non è un reato né mancanza di intelligenza attingere dalle linee di altre vetture di successo. C’è un pochino della Volkswagen Golf in quel muso. Come il Suv DR5 prendeva in prestito qualche segno della Toyota Rav4.

Prezzo (probabile) da 11.000 euro proprio per sferrare l’attacco ad altre berline, in primis la VW Golf. La battaglia verrà aperta fra pochi mesi, proprio contro il futuro numero uno al mondo: Volkswagen. Una sfida eccitante.

Seconda anteprima mondiale è la DR1 Electric, che arriva ad un anno esatto dal lancio commerciale della citycar DR. Il prototipo prevede uno sviluppo futuro tale da rendere "accessibile" anche l’elettrico. Cioè low cost. La DR1 Electric sarà infatti l’auto elettrica più economica del mercato: ecologica, ma sempre con massima dotazione di serie.

Certo, questa è una super scommessa. Le elettriche sono costosissime da costruire. Una tecnologia avanzata che richiede ingenti investimenti: le Case propongono, in alternativa ad acquisti onerosi, il leasing e il noleggio a lungo termine. DR riuscirà anche in questo settore a dire la sua?

Comunque, la DR1 sarà presentata anche nelle versioni, Ambassador, Station Wagon, 1.3 con il nuovo cambio robotizzato, con una nuova motorizzazione 1.1 e nel particolare allestimento Challenge. Insomma, un tocco di raffinatezza in più. E sarà la volta del tanto atteso motore 1.1 da 67 CV oltre che del nuovo cambio robotizzato/automatico abbinato al motore 1.3. Tutto disponibile da marzo 2011.

Occhio alle promozioni: la DR1 Ambassador 1.3 benzina è l’auto oggetto della campagna commerciale che, partita di recente, sta riscuotendo un grande successo: 1.000 auto caratterizzate da una particolare livrea attraverso la quale i clienti diventano ambasciatori DR on the road. E questo consente loro di avere uno sconto.

Sfiziosa anche la DR1 Challenge, versione preparata esclusivamente per le competizioni, con assetto e freni ad hoc, rollbar, punti cintura: un po’ sull’aggressivo andante.
Novità importanti anche per la DR5 (vecchio cavallo di battaglia della Casa molisana). Il nuovo 1.6 Euro 5 passa da 108 a 119 CV. Ci saranno due versioni di allestimento, una confort e una luxury, entrambe con sensori di parcheggio e con il nuovo colore Green, ma differenziate per dotazione. Poi ecco il nuovo 1.8 benzina da 130 CV e 2.0 benzina da 136 CV, quest’ultimo anche con cambio automatico oltre che 4WD. Interni in pelle nera, cerchi di 18 pollici di serie, nuove minigonne. Da febbraio 2011.

Se DR chiude il 2010 con un +100% rispetto al 2009 un motivo ci sarà. È vero che si ragiona pur sempre in termini numerici piuttosto ristretti; ma è il segnale che il low cost italo-cinese attira, specie se condito da promozioni particolari.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati