Notizie dal Mondo dei Motori
Ferrari: la prima giornata a Wall Street è stata da “Race”

Ferrari: la prima giornata a Wall Street è stata da “Race”

Partito dunque in netto rialzo al tradizionale suono della campanella, il titolo ha poi chiuso la giornata sui 55 dollari.

In Relazione:
Articoli  FERRARI
Video  Video FERRARI
Video  Foto FERRARI

Dimensione Carattere:

Ottimo esordio per la Ferrari a Wall Street, perfettamente in linea con il simbolo Race con il quale il Cavallino Rampante ha sedotto il New York Stock Exchange. Il via alle contrattazioni è stato dato non soltanto dal Presidente Sergio Marchionne, ma anche dall’Amministratore Delegato Amedeo Felisa (apertamente appoggiato da Marchionne in risposta alle voci di un disimpegno), da Piero Ferrari (che ha e continuerà ad avere il 10% di quota) e dal Presidente di FCA, John Elkann. Le azioni della Ferrari hanno aperto la seduta sopra i 60 dollari, il 15% in più rispetto ai 52 dollari dell’offerta pubblica iniziale. Partito dunque in netto rialzo al tradizionale suono della campanella, il titolo ha poi chiuso la giornata sui 55 dollari, in aumento del 5,77%. A dare prova di una valutazione della società di circa 10 miliardi di dollari ci hanno pensato otto fiammanti Ferrari parcheggiate fuori dal Nyse, lungo Wall Street. Tra queste, LaFerrari, F12berlinetta, California T, 488 GTB e una storica 250 California. A margine del debutto alla Borsa americana, Marchionne ha ribadito che quest’anno Ferrari arriverà a 7.700 unità vendute e che se la domanda lo rendesse necessario la produzione potrebbe salire oltre le 9.000 unità. Confermato infine lo sbarco anche a Piazza Affari per inizio 2016.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati