Notizie dal Mondo dei Motori
Fiat Panda 4x4

Fiat Panda 4x4

Arriva a quasi un anno di distanza la versione "integrale" della piccola torinese. Già pronta alle vendite presso i concessionari, le nuova Fiat Panda 4x4 è equipaggiata con il propulsore 1.2 benzina da 60 Cv e prossimamente seguito dal 1.3 MultiJet.

Video  Fiat Panda 4x4 Trekking e Natural Power
In Relazione:
Articoli  Panda
  CityCar
Video  Video FIAT
Video  Foto FIAT

Dimensione Carattere:

Stile originale e accattivante, tecnologia avanzata resa accessibile a tutti, soluzioni intelligenti che semplificano e migliorano la vita a bordo. Sono i valori iscritti nel DNA del marchio Fiat e che Panda 4x4 ripropone insieme ad una spiccata personalità e desiderio di evasione e dinamismo. Infatti, la nuova vettura evoca subito la voglia di viaggiare in completa libertà, anche in luoghi poco accessibili alle vetture tradizionali. Senza però nulla togliere al piacere di guida che si può provare nelle strette vie di un centro cittadino. Insomma è l'ideale per chi desidera sia la maneggevolezza e l'eleganza estetica sia le doti "off-road".

Infatti, Panda 4x4 può essere vista (e vissuta) come un vero e proprio fuoristrada oppure come una simpatica vettura capace di affrontare con disinvoltura gli slalom imposti dal traffico metropolitano. Insomma, un'automobile dalla doppia anima che comunica subito freschezza e simpatia, oltre a solidità e robustezza. Il tutto, poi, contraddistinto da quel tocco di raffinatezza ed eleganza che la rende "una vettura alla moda".

Nel realizzarla i designer Fiat hanno fatto tesoro del grande patrimonio tecnico e progettuale accumulato negli anni e della competenza che può avere solo chi da oltre settant'anni è leader nella fascia di mercato delle vetture compatte. Da qui è nata, anche alla luce delle trasformazioni subite dalla clientela del segmento e delle buone prospettive di crescita previste, la Panda 4x4.

Il nuovo modello è proposto con il brillante e collaudato 1.2 da 60 CV (44 kW) e, successivamente, con il rivoluzionario 1.3 Multijet da 70 CV; due allestimenti (Panda 4x4 e Panda 4x4 Climbing), due interni specifici e undici colori di carrozzeria. Da una parte, quindi, Panda 4x4 Climbing che si pone come un piccolo ed elegante "fuoristrada", capace di affrontare qualsiasi situazione con un tocco di raffinatezza in più negli interni e nella linea esterna, l'ideale per un pubblico dinamico ed estroverso.

Dall'altra parte, la gamma propone il secondo allestimento (Panda 4x4) che, non adottando gli eleganti particolari estetici della Climbing, punta soprattutto ad un impiego pratico della vettura. Merito della sua straordinaria capacità di disimpegno su percorsi off road, della trazione a giunto viscoso e dei pneumatici ad alto grip.

Comune ad entrambi gli allestimenti le dimensioni contenute della vettura (per esempio la Climbing è lunga 357 cm, larga 160 e alta 163) e la grande maneggevolezza, oltre ad una maggiore altezza rispetto al modello tradizionale: circa cinque centimetri in più che contribuiscono in modo determinante ad aumentare la già ottima visibilità e il grande dominio della strada anche in percorsi difficili, grazie ad un diametro di sterzata di soli 9,6 metri.

Senza contare che al look contribuisce un'altezza minima da terra di 165 millimetri per la Panda 4x4 Climbing (160 mm per la versione base). Impressione rafforzata da alcuni elementi estetici che soddisfano una precisa funzione "off-road": per esempio, i paraurti (anteriore e posteriore) sono completi di scudi di protezione, mentre le fasce paracolpi sono di grandi dimensioni e coordinati a dei particolari codolini dei parafanghi, oltre al riparo sottomotore. Inoltre, sono previsti due diversi pneumatici: la versione Climbing è proposta con i 185/65-14 (M+S) adatti ad ogni tipo di impiego; il primo allestimento, invece, adotta i 165/70-14 (M+S) particolarmente rinforzati e con un battistrada studiato anche per fondi a bassa aderenza.

All'interno, poi, Panda 4x4 propone un abitacolo curato e raffinato grazie anche a specifici tessuti offerti in due abbinamenti bicolore: grigio/rosso e grigio/giallo. Senza contare che la nuova versione "integrale" non rinuncia certo alla grande capacità del bagagliaio che è uno dei punti di forza del modello. Infatti, con il sedile posteriore intero o sdoppiato, il valore registrato passa da un minimo di 200 ad un massimo di 855 dm3 (misurato fino al tetto). Nel caso che il divano posteriore fosse del tipo "sdoppiato scorrevole" i dati sono rispettivamente 230 (con sedile tutto avanti) e 780 dm3.

Innanzitutto quello di "attacco", che misura l'angolo massimo anteriore che può essere affrontato da un off-road senza toccare con la carrozzeria. Il secondo valore è l'angolo di "uscita", che è la massima pendenza affrontabile in retromarcia partendo da un piano orizzontale. L'ultimo è quello di "dosso", cioè il massimo angolo che può avere la base di un dosso a forma triangolare (isoscele) per essere superato senza "toccare sotto". Il nuovo modello, nell'allestimento Climbing, fa registrare i seguenti valori: 24° (anteriore), 42° (posteriore) e 24° (dosso), che diventano rispettivamente 26°, 44° e 23° nell'allestimento Panda 4x4. La pendenza massima superabile è di oltre il 50%.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati