Notizie dal Mondo dei Motori
Fiat Panda Cross

Fiat Panda Cross

Panda Cross: nuovo concetto di SUV...”concentrato” e trasversale

Video  Fiat Panda 4x4 Trekking e Natural Power
In Relazione:
Articoli  Panda
  CityCar
Video  Video FIAT
Video  Foto FIAT

Dimensione Carattere:

Tutta un’alta storia
La compatta Panda Cross, pur possedendo tutte le doti di praticità, maneggevolezza ed abitabilità di Panda, costituisce in realtà un vero e proprio modello a sé stante. Con questa nuova vettura, Fiat va ad inaugurare un nuovo sotto segmento all’interno di quello dei SUV che oggi costituisce ben il 20% del totale del mercato. Panda Cross, infatti, si avvicina per classe dimensionale e look a quello dei SUV urbani, ma in realtà offre qualcosa di più sia dal punto di vista “urban” che da quello dei SUV.

Da di più
All’interno della città, la piccola Cross può vantare dimensioni ancora più compatte anche di quelle dei più piccoli rappresentati della categoria crossover compatti ed una superiore maneggevolezza e praticità d’utilizzo. Più piccola e “cittadina” nel traffico di tutti i giorni, ma è fuori dalle mura cittadine ed ancor di più dai nastri asfaltati che la più “avventurosa” delle panda si distacca nettamente della concorrenza tirando fuori un “caratterino” in grado di mettere in soggezione più di qualche rivale di segmento (e costo) decisamente superiore.

Colpisce per lo stile, ma sorprende per funzionalità
Se ad un primo sguardo, Panda Cross ti conquista da subito per la sua forte personalità e lo stile inconfondibile ed unico, a ben guardare quello che sembra un semplice maquillage risulta invece una trasformazione in termini di contenuti in grado di modificare fortemente le attitudini della vettura. Qualche esempio: i fendinebbia montati in posizione rialzata donano si un aspetto simpatico e grintoso, ma al contempo li rende meno vulnerabili agli urti nella guida in offroad e, perché no, negli angusti parcheggi cittadini; i grintosi paraurti anteriori e posteriori dotati di robusti scudi paracolpi regalano sicuramente un look da baby Jeep che tanto piace, ma in realtà, goniometro alla mano, migliorano gli angoli di attacco e di uscita portandoli al livello di quelli di veicoli molto più specializzati (24° e 34°) e, ovviamente, basta toccarli per rendersi conto che non si tratta solo di ornamenti estetici, ma di robusti scudi che svolgono davvero una funzione protettiva. Rimarchevole anche la presenza di due robusti ganci traino che fuoriescono dallo scudo traforato anteriore: anche in questo caso denotano la spiccata vocazione per l’avventura della piccola Panda Cross che si rivela quindi una vera piccola fuoristrada anche negli accorgimenti tecnici e di protezione adottati. Ad esempio, le protezioni sul sottoscocca con scudi di acciaio le consentono di affrontare anche il percorso più accidentato, senza riportare danni alle parti meccaniche inferiori. Inoltre, il condotto di aspirazione è sollevato da terra di ben 739 mm nella versione diesel e di 711 mm in quella benzina. Così Panda Cross non ha difficoltà anche in avvallamenti piuttosto profondi, come potrebbe essere l’attraversamento di un guado. Trampoliere Sempre per accentuarne le qualità fuoristradistiche ed il look originalissimo e simpatico, l’assetto è stato rialzato di 9 mm. Lo schema di sospensioni è stato messo a punto per massimizzare da un lato il comfort su strada, dall’altro le prestazioni in offroad. La scelta è caduta su una soluzione a ruote indipendenti di tipo Mc Pherson per l’anteriore mentre al posteriore si è preferito un sistema a ruote interconnesse tramite ponte torcente specificamente sviluppato per la versione integrale. Rispetto alla soluzione a bracci tirati della generazione precedente, quest’ultimo schema garantisce maggiore leggerezza, comfort di marcia ed anche un maggior isolamento acustico a parità di prestazioni offroad. Iniezione di potenza supplementare anche per i propulsori disponibili, rispettivamente il benzina TwinAir ed Multijet diesel esprimono potenze di 90 e 80 CV con un’incremento di 5 CV rispetto a quelli montati sulla “normale” 4X4. Parlando di contenuti, spicca senz’altro l’introduzione di un selettore che permette di azionare la funzione HDC (Hill Descent Control). Attivando questa funzione è possibile (e lo abbiamo fatto davvero sul “tecnicissimo” tracciato offroad del Centro Prove Fiat di Balocco) affrontare tranquillamente discese vertiginose anche in condizioni di scarsa aderenza ed in tutta sicurezza. Selezionando la modalità Auto il gioco si fa semplicissimo: ci penserà infatti l’elettronica a gestire la trazione in modo del tutto automatizzato ripartendo la coppia motrice dall’asse anteriore a quello posteriore solo in caso di perdite di aderenza. Con la modalità Auto, infatti, la coppia motrice è distribuita in maniera ottimale tra asse anteriore e posteriore a seconda del manto stradale e delle necessità di disimpegno della vettura senza bisogno di alcuna manovra di inserimento della trazione da parte del conducente. In dettaglio, su fondi normali, come in città o in autostrada, la Panda Cross viaggia a trazione anteriore con il 98% della coppia sulle ruote davanti. Invece, quando il fondo diventa scivoloso, o si viaggia su terreni sconnessi, il sistema distribuisce automaticamente la coppia dove serve, grazie al lavoro del giunto che dosa in modo continuo la trazione sul treno posteriore. Un giunto a frizioni multiple, con comando elettro-idraulico, trasferisce al posteriore praticamente tutta la coppia erogabile dal motore in appena un decimo di secondo: ciò significa che la capacità della vettura di adattarsi alle condizioni di bassa aderenza è praticamente immediata. Volete darci dentro davvero? Nessun problema, questo “ercolino” del 4x4 non avrà problemi ad assecondare anche i veterani del fuoristrada scegliendo la modalità Offroad che, con tanto di differenziale centrale ELD bloccabile, trasforma la Panda in un inarrestabile, duro e puro fuoristrada: due numeri su tutti sono la pendenza superabile del 70% e l’inclinazione laterale del 55%, anche in questo caso verificati...sul campo. In modalità Offroad la trazione integrale diventa permanente fino a 50 km/h, per rendere più pronta la risposta della vettura con l’attivazione dell’Electronic Locking Differential (ELD) che pre-carica la coppia sul posteriore rendendo più veloce l’integrazione del 4x4, inibisce l’intervento dell’ASR, per migliorare il controllo sulla bassa aderenza e sfruttare completamente la coppia motore e agisce frenando le ruote che perdono aderenza o slittano più delle altre, trasferendo così la forza motrice su quelle che hanno maggior presa sul terreno. In questo modo viene ottimizzata la trazione su fondi non omogenei.

Full optional
Completissima la dotazione di serie di cui dispone Panda Cross. L’equipaggiamento include infatti grintosi cerchi in lega da 15” bruniti, pneumatici M+S da 185/65 e sedili in tessuto tecnico con inserti in ecopelle. Ma per chi ne desiderasse una personalizzazione ancora più marcata, già al lancio, previsto per settembre con prezzi da 19.460 Euro, sarà disponibile un catalogo di accessori dedicati realizzato dalla Mopar. E su strada? Ci siamo soffermati sulle qualità fuoristradistiche della più avventurosa delle Panda perché riteniamo che proprio in questo il nuovo modello di Fiat, perché di vero e proprio nuovo modello si tratta, sorprenda anche il più diffidente ed esterofilo dei guidatori offrendo qualcosa che nessuna altro concorrente offre in queste dimensioni e a questo prezzo. La nuova Panda Cross misura appena 3,70 metri, ma offre prestazioni, praticità d’uso e qualità da SUV grande. Non pensate però che la piccola Cross sia poco adatta alla guida di tutti i giorni, infatti, oltre che..Cross, è anche una Panda, con tutto quello che ne consegue in tema di fruibilità, volumetrie, costi di gestione sostenibili e facilità di guida in tutte le situazioni. Panda Cross su strada si disimpegna come le sorelle “normali” ed affronta il traffico della città con una disinvoltura inarrivabile per qualunque altro SUV. Quando poi arriverete davanti al locale del centro all’ora dell’aperitivo e dovrete cercare un parcheggio, il divario con le altre auto dalle stesse prestazioni fuoristradistiche e dotazioni si farà ancor più netto..




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati