Notizie dal Mondo dei Motori
Great Wall negli Stati Uniti

Great Wall negli Stati Uniti

Dopo l’Europa, adesso la cinese Great Wall pianifica l’ingresso in Usa entro il 2015. È una delle novità più calde del Salone di Shanghai. Addirittura, il colosso orientale parrebbe intenzionata a costruire uno stabilimento di assemblaggio in America.

Dimensione Carattere:

Great Wall Motor Company Limited (GWM), ossia la più grande Casa privata di automobili in Cina. Niente Stato, niente soldi pubblici, solo imprenditori capaci di sfondare sia in Oriente sia in Europa, specie nell’Est del Vecchio Continente, dove ha stretto accordi con un Costruttore bulgaro. Commercializza anche in Australia e pure in Italia. È tra le prime 500 imprese nel Paese del Dragone, nonché il più grande produttore cinese di Suv e pick-up. E adesso, stando alle indiscrezioni raccolte al Salone di Shanghai, la società della Grande Muraglia vuole perfino invadere gli Stati Uniti.

Lo ha dichiarato proprio l’amministratore delegato della società Wang Fengying, ad Automotive News Cina, in un’intervista al salone dell’Auto di Shanghai: l’ingresso nel mercato americano è previsto entro il 2015. Il primo modello per gli yankee sarà il Suv Haval. Sentite Wang: "Per sopravvivere e prosperare, le imprese alla fine devono competere a livello internazionale. Serve diventare globali".

E la distribuzione delle auto? Pare ci siano dieci società che hanno già parlato con Great Wall per realizzare insieme una rete di concessionari. Ma non è tutto: verrebbero allestiti negozi d’auto in una regione Usa. E addirittura è possibile che venga costruito uno stabilimento di assemblaggioin Nord America: si porterebbe occupazione anche negli States.

A Shanghai, tra l’altro, Great Wall, in uno stand di 2000 mq ha esposto più di 20 modelli, inclusi quelli ibridi ed elettrici al 100%. Segno che il brand è internazionale. Dall’Haval Suv all’Hover 5, fino al Wingle Pick-Up, in Italia noto come Steed, in versione Ecodual benzina e Gpl. In futuro, anche arriverà lo Steed 5 con motore 2.000 TDI. Protagonista anche la Voolex, berlina-utilitaria a due e tre volumi.

Da noi, Great Wall ha venduto soprattutto il Suv Hover e il pick-up Steed: un prezzo basso a fronte di una buona qualità, un mix che alletta il consumatore, specie in epoca di crisi. Ma è la Voleex ad attrarre l’interesse adesso. Che a Shanghai era in versione elettrica (la C20R-EV), con batterie agli ioni di litio e motore sincrono a magneti permanenti: 56 kW di potenza e 150 Nm di coppia, mentre l’autonomia di 160 km è data dagli accumulatori da 60Ah.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati