Notizie dal Mondo dei Motori
Guido con Prudenza: a caccia di Bob

Guido con Prudenza: a caccia di Bob

Assicurazioni, Polstrada, Imprese di intrattenimento unite per diffondere la figura del guidatore designato: il cosiddetto Bob. L’unica persona della compagnia che resterà sobrio la notte, e guiderà l’auto al ritorno a casa. Maggiori controlli anti alcol.

Dimensione Carattere:

Alla faccia dei politici i quali, per conservare il proprio elettorato dal bicchierino facile, sostengono che l’alcol incida poco sugli incidenti in Italia. Leggete qui: la sinistrosità stradale rimane un’emergenza nazionale e la prima causa di morte tra i giovani. Nel 2008, su 4.731 morti per incidente stradale, 1.090 avevano un’età compresa tra 18 e 29 anni e il 45,5% di questi decessi - 495 giovani - è avvenuto tra le 22 e le 6 del mattino. Ma soprattutto, l’alcol e la droga sono tra le cause principali di questa strage: secondo una stima dell’Istituto superiore di sanità (che ci pare più affidabile di un politicante...), gli incidenti provocati da conducenti in stato psicofisico alterato da alcol e droga corrispondono al 30% del totale dei sinistri che avvengono nel nostro Paese.

È anche per quei numeri drammatici che prende il via la settima edizione di Guido con Prudenza, progetto promosso dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale - la onlus delle Compagnie di assicurazione - e dalla Polizia stradale, in collaborazione con il Silb-Fipe, Associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo. Si tratta di un’attività di sensibilizzazione contro la guida in stato d’ebbrezza; in più, c’è un forte incremento dei controlli da parte della Polizia stradale.

Grazie all’edizione 2009 di Guido con Prudenza, a luglio e agosto dello scorso anno gli incidenti mortali sono diminuiti del 44% e quelli con feriti del 12,6% rispetto al 2008.

Adesso, la Fondazione Ania e la Polstrada, nei weekend dal 16 luglio al 14 agosto, presso la riviera romagnola, il litorale romano, la Versilia e il litorale barese promuoveranno la figura del guidatore designato, una pratica molto conosciuta tra i giovani dei Paesi del Nord Europa. La sera, all’ingresso dei locali che aderiscono all’iniziativa, verrà predisposto un corner della sicurezza stradale, dove le hostess e gli steward della Fondazione Ania inviteranno i ragazzi a nominare il proprio Bob, ovvero colui che sceglie liberamente di non bere per accompagnare a casa i propri amici in piena sicurezza. A Bob verrà consegnata una cartolina e, a fine serata, se avrà mantenuto il proprio impegno, verrà dato un premio. Inoltre, tutti i giovani potranno ritirare un alcol test monouso e verificare il proprio stato di ebbrezza, per decidere se è opportuno o no mettersi al volante.

E ancora: se i ragazzi fermati dalla Polstrada risulteranno sobri, riceveranno dagli stessi poliziotti un ingresso gratuito in discoteca per il weekend successivo. I biglietti saranno forniti dalle discoteche associate al Silb.

E di giorno? Durante il weekend, la sicurezza stradale approderà sulle spiagge grazie ad animatori, che negli stabilimenti balneari avvicineranno i giovani distribuendo materiale informativo sull’iniziativa.

Mentre si attende la tolleranza zero del futuro Codice della strada (i ragazzi non potranno bere neppure un goccio di alcol prima di mettersi al volante), questa ci pare un’iniziativa lodevole. Con un neo: attenzione al nomadismo etilico. Ossia ai giovani che vanno da una spiaggia all’altra, durante gli happy hour, a bere alcol per poi porsi alla guida. Non esiste solo lo sballo da discoteca.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati