Notizie dal Mondo dei Motori
Il 36° Salone di Bangkok rilancerà le vendite in Thailandia

Il 36° Salone di Bangkok rilancerà le vendite in Thailandia

Una trentina i costruttori globali che hanno aderito a questa edizione.

Dimensione Carattere:

L’instabilità politica sembra finalmente terminata dopo la presa del potere dei militari e il mercato thailandese, il più importante di tutto l’emergente Sud-Est asiatico insieme all’Indonesia, sta superando la crisi, o perlomeno le pesanti flessioni dell’ultimo anno stanno decisamente rallentando. Che il settore stia ritrovando vitalità lo dimostra anche il 36° Bangkok International Motor Show, in programma fino al 5 aprile all’Impact Arena a 25 km a nord della capitale. Quello di Bang­kok è un appuntamento irrinunciabile per tutti i costruttori attivi nella regione e nell’intero continente asiatico ed è da tempo nella top five tra i Saloni dell’Oica, anche ad omaggiare un mercato che a livello automobilistico è ormai saldamente al 10° posto nel mondo.

La rassegna di Bangkok ha una sua peculiarità unica nel panorama dei Saloni targati Oica. Ogni anno è in grado di dare un notevole impulso al mercato in quanto si staccheranno circa 40 mila contratti di vendita (37 mila nell’edizione 2014) nel corso dei 12 giorni di apertura dell’evento, che è anche una mostra-spettacolo visitata da oltre 1,5 milioni di appassionati. Un Salone che è tra l’altro in continua espansione. Il Ceo della rassegna e della società organizzatrice Gran Prix International, Prachin Eamlumnow, ha infatti anticipato per il prossimo anno l’inaugurazione di due nuovi padiglioni dedicati a truck, supersportive e vetture d’epoca per un totale di 22 mila mq aggiuntivi.

Sono una trentina i costruttori globali che hanno aderito a questa edizione del Salone di Bangkok. A testimoniare la crescente attenzione che le autorità ripongono nell’eco-sostenibilità (è partito un nuovo piano settennale per portare a dieci il numero dei produttori di auto ecologiche, comprese le ultime arrivate Mazda e VW), sono diversi i modelli “green” presenti, tra cui Toyota Mirai fuel cell, la gamma Porsche e-Hybrid e la tecnologia SkyActiv di Mazda. Negli stand è inoltre possibile ammirare le “premium” BMW Serie 2 Active Tourer e Serie 1, Mercedes CLA Shooting Brake, AMG GT e GLE Cou­pé, Volvo XC90 e Range Rover Sport. Ma la parte del leone spetta a truck e soprattutto pick-up con Ford Ranger ed Everest, Chevrolet Colorado High Country, Honda HR-V, Hyundai Elantra Sport, Mitsubishi Attrage, Nissan X-Trail e Juke, Subaru Outback, SsangYong Actyon Sport, Suzuki Ciaz, Toyota Altis e Lexus NX 300h. Non mancano infine le supersportive targate Aston Martin, Bentley, Jaguar, Porsche e Lamborghini.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati