Notizie dal Mondo dei Motori
Immatricolazioni al (-2%)

Immatricolazioni al (-2%)

38.100.000 le immatricolazioni di auto previste nel 2002 (-2%), la congiuntura debole penalizza il mercato auto europeo.

Dimensione Carattere:

Secondo i dati diffusi oggi, si accentua in novembre il rallentamento del mercato automobilistico europeo. Nei diciotto mercati dell´Europa Occidentale sono state immatricolate infatti 1.061.761 autovetture con un calo del 6,2% rispetto a novembre 2001, calo che porta il consuntivo dei primi undici mesi a quota 13.404.316 con una contrazione del 3,8% sullo stesso periodo dello scorso anno.

Tutti i grandi mercati nazionali europei, a ormai un mese dalla fine del 2002, sono in calo con la sola eccezione di quello del Regno Unito, che fa invece registrare un incremento del 3,7%. Il progressivo deterioramento della congiuntura economica europea sta incidendo anche sulla domanda di autovetture e il Centro Studi Promotor prevede che i diciotto mercati dell´Europa Occidentale complessivamente considerati faranno registrare a fine anno un volume di immatricolazioni di 14.200.000 unità con un calo del 4% rispetto al 2001.

L´andamento riflessivo della domanda di autovetture in Europa si inserisce in un contesto mondiale non particolarmente dinamico. Sempre secondo le previsioni del Centro Studi Promotor il 2002 dovrebbe chiudere nel mondo con un volume di vendite di 38.100.000 autovetture e quindi con un calo intorno al 2% sul 2001, anno in cui si era già verificata una piccola contrazione (-0,5%) rispetto al massimo storico di vendite sul mercato mondiale toccato nel 2000 con 39.100.000 immatricolazioni.

L´andamento in contenuta flessione della domanda automobilistica mondiale dipende da dinamiche differenziate tra i mercati dei paesi sviluppati, che assorbiranno nel 2002 il 71% delle vendite, e i mercati del resto del mondo, che invece assorbiranno il 29%. In quest´ultima area la domanda ha dimostrato in generale una sostanziale tenuta e un buon tasso di sviluppo si è registrato sul mercato cinese, dove le immatricolazioni si attesteranno nel 2002 intorno a quota 850.000 unità e secondo le previsioni dovrebbero arrivare a 1.000.000 nel 2004.

Più negativo è stato l´andamento delle vendite di autoveicoli nel mercati sviluppati e cioè in quelli dell´Europa Occidentale, degli Stati Uniti e del Giappone. Dell´Europa si è già detto. Il Giappone dovrebbe chiudere il suo bilancio più o meno sugli stessi livelli del 2002, mentre il grande mercato degli Stati Uniti che ha tenuto fino a settembre in ottobre ha invertito la tendenza.

Fonte Centro Studi Promotor




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati