Notizie dal Mondo dei Motori
Importante Sentenza del Giudice di Pace di Milano

Importante Sentenza del Giudice di Pace di Milano

Finalmente Giustizia! qualcuno “cum grano salis” inizia a smascherare il comodo e redditizio “vizietto” in troppi Comuni d’Italia che amano “spennare” gli Automobilisti che ormai pregano: liberaci da ogni Velox quotidiano! Ma il Presidente Ciampi lo sa?

Dimensione Carattere:

Nelle pagine milanesi di Repubblica e del Corriere di martedì 28 dicembre 2004 venivano riportati in due articoli la sentenza del Giudice di Pace di Milano, Claudio De Santis, in riferimento all'annullamento di una multa emessa da autovelox senza la presenza del vigile o polizia locale.

Da " La Repubblica" di Martedì 28 Dicembre 2004 - a firma di Annalisa Camorani

MILANO - Centinaia di multe fatte con l'autovelox rischiano di venire annullate. Un giudice di pace, Claudio De Santis, ha infatti cancellato una contravvenzione per eccesso di velocità in via Palmanova, perchè i vigili urbani non hanno contestato immediatamente l'infrazione.

Alla sentenza, che l'avvocato difensore, Rosario Albergina, definisce "un precedente notevolissimo " nella storia del contenzioso fra automobilisti e Comune, si aggiunge una circolare del ministero delle Infrastrutture che rischia di essere ancora più innovativa. Il ministero infatti, ha riconosciuto che "gli attuali dispositivi di controllo della velocità non possono essere adoperati in assenza dell'operatore di polizia".

Rischia di essere un gennaio caldo quello che sta per iniziare dopo che il giudice De Santis ha accolto il ricorso di Venere Amato, multata in via Palmanova perchè l'autovelox segnalava che la sua Mercedes viaggiava a 107 chilometri orari. Dopo aver ricevuto (per posta e senza fotografia) la multa di 140 euro, la donna ha presentato ricorso contro il provvedimento che, tra l'altro, le toglieva due punti dalla patente.

Motivo ? La signora, assistita dall'avvocato Rosario Alberghina, ha dimostrato di non essere lei alla guida dell'auto. "Fotografare la targa posteriore dell'auto non è sufficiente, perchè proprietario e conducente non sempre coincidono - spiega il legale - Per questo la legge impone ai vigili di contestare immediatamente la multa, a meno che gli agenti non dimostrino di essere stati impegnati in altri servizi, cosa che in questo caso non sono riusciti a fare".

Ma sul fronte dei ricorsi contro le multe fatte con l'autovelox la novità riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture rischia di fare molto più rumore. In questi giorni infatti, il coordinatore dei Giudici di Pace di Milano, Vito Dattolico, sta distribuendo negli uffici di via Sforza la circolare in cui si riconosce che i dispositivi antivelocità non sono omologati per funzionare se non è presente un agente di polizia.

Il motivo è che le omologazioni degli autovelox fissi risalgono a prima della riforma del Codice della Strada, quando era obbligatorio che le apparecchiature fossero controllate dagli agenti. Adesso che la legge dà la possibilità di usarle in automatico, serve (pena la nullità delle multe) una nuova omologazione che però non è ancora stata fatta.

Negli uffici dei Giudici di Pace non sono ancora arrivati ricorsi che fanno leva su questi motivi, ma gli addetti ai lavori se ne aspettano parecchi. La preoccupazione è che, in questo periodo di interregno tra le vecchie e le nuove omologazioni, centinaia di multe vengano annullate.

Note della Redazione di Newstreet:

- Per gli Automobilisti "spennati" non sarà certo una "preoccupazione" ma una vera "gioia" plaudendo finalmente ad un ritorno alla LEGALITA’, fin troppo calpestata in questo Stato di Diritto…!!!

- Ad Oliviero Beha, cui va il nostro plauso, nei mesi scorsi è stata improvvisamente staccata la spina al suo programma "La radio a colori" perché forse stava mettendo troppo il naso in questo "vizietto" di molti Comuni? Ma quei Sindaci non pensano che poi dovranno anche ripresentarsi alle Elezioni???




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati