Notizie dal Mondo dei Motori
Jaguar XF 2.2D classe da vendere

Jaguar XF 2.2D classe da vendere

Dopo aver infranto il tabù della prima “piccola” wagon, della prima diesel e della prima trazione integrale con la X-Type, Jaguar stupisce ancora...

Video  Jaguar XF Sportbrake

Dimensione Carattere:

Dopo aver infranto il tabù della prima “piccola” wagon, della prima diesel e della prima trazione integrale con la X-Type, Jaguar stupisce ancora i suoi clienti più tradizionali presentando la rinnovata XF dal design ancora più affilato ed originale e, soprattutto, con un avanzatissimo propulsore 4 cilindri diesel da 2,2 litri dotato di stop/start super efficace e cambio automatico ad 8 rapporti che non rinuncia a molto dal punto di vista delle prestazioni, ma che promette (e mantiene) livelli di efficienza inimmaginabili per una vettura di questa categoria.

Partendo dall’esterno dobbiamo ammettere che la Jaguar XF si presenta come una delle auto più attraenti del suo genere, in grado com’è di dissimulare le più che generose dimensioni con una forma quasi da coupè che ne alleggerisce non poco la linea. Semplicemente magnifico il frontale che ripropone (secondo noi in maniera ancora più convincente) i temi stilistici introdotti con la rivoluzionaria ammiraglia XJ. Dietro si fanno ammirare i due terminali di scarico ellittici che danno il giusto tocco di sportività ed esclusività, i gruppi ottici posteriori a led rosso rubino e l’immancabile giaguaro applicato sul portellone. La colorazione verde inglese metallizzata dell’esemplare in prova rende tutto l’insieme ancora più attraente, specialmente in abbinamento con gli interni in pelle chiara ed i rivestimenti in legno ed alluminio.

Al volante è una vera Jaguar, anche una volta acceso il motore
Una volta preso posto all’interno del abitacolo non si può che rimanere ammirati per l’atmosfera raffinata e rilassante che si respira. Gli abbinamenti cromatici ed i materiali sono perfettamente in linea con la nouvelle vague del marchio. Nessuna ostentazione quindi e nulla di pesante o pacchiano, ma una pulizia di linee ed una sobrietà impeccabili senza per questo rinunciare ad ingredienti come pelle e legno, insiti da sempre nel dna del marchio ed irrinunciabili per qualsiasi auto firmata Jaguar. La sensazione che alcune finiture o particolari non siano all’altezza del blasone è dovuta al fatto che si ha la sensazione di essere a bordo di una topcar dal valore molto superiore. In realtà mettersi in garage questa prestigiosa vettura costa poco più di 47 mila euro, un prezzo che, dati i contenuti, non fa che accrescere il valore della proposta. Se pensate che la più piccola delle XF sia tutto fumo e niente arrosto, siete fuoristrada. Anche dal punto di vista meccanico vanta infatti tecnologie all’avanguardia e prestazioni tali da permetterle di affrontare ogni tipo di percorso senza alcun tipo di timore reverenziale verso concorrenti plurifrazionate, rispetto alle quali risulta molto più parsimoniosa (cosa non da poco visti i tempi). Con queste premesse, la Jaguar XF si candida come vettura ideale per chi voglia un mezzo prestigioso e di immagine, senza doversi sobbarcare costi di gestione esagerati e senza rinunciare a molto in termini prestazionali.

Che coppia!
Molte le novità tecnologiche introdotte su questa unità a gasolio da 2,2 litri. Un cambio automatico ad 8 rapporti caratterizzato da ridottissimi tempi di cambiata (esteso anche sul resto della gamma) viene abbinato ad uno stop/start con sistema idraulico ad impulsi che consente l’arresto del motore alla pressione del freno ed il pronto riavvio non appena il pedale viene rilasciato. Questo sistema consente una rapidità di funzionamento superiore del 40% rispetto a quelli tradizionali. Le prestazioni dichiarate sono all’altezza del blasone del marchio: una potenza di 190 CV e, soprattutto, una coppia massima di ben 450 Nm consentono alla vettura dalla non indifferente massa di 1850 kg un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi ed una velocità massima di 225 km/h. Fin qui i freddi numeri. Nell’utilizzo pratico si apprezza la silenziosità di funzionamento anche nella marcia autostradale e la possibilità di mantenere medie elevate senza alcuna fatica, magari allietati dalle note che fuoriescono dall’eccezionale hi-fi che regala una qualità del suono da salotto. Il cambio automatico a otto rapporti risulta veloce ed efficiente e sa diventare anche grintoso se impostato su sport con passaggi di marcia a regimi più elevati. Nel corso della prova non abbiamo mai sentito la necessità di avere più cavalleria, o cubatura sotto al cofano di questa raffinata berlina. Certo, se alla vostra Jaguar XF chiedete prestazioni da supersportiva, dovete rivolgervi ad altre versioni, magari aggiungendo una R, parecchie migliaia di Euro e, visti i tempi, una specchiata inattaccabilità ed un’incrollabile fede nelle sempre più affilate maglie del fisco italiano pronto a criminalizzare ogni forma di piacere su quattro ruote. A prestazioni da grande stradista, si abbinano a consumi ed emissioni davvero contenuti. I dati parlano di un consumo medio di 5,4 litri per 100 km e di soli 149 g/km di emissioni di CO2 anche grazie alla grande cura progettuale che ha migliorato i flussi aerodinamici della vettura sia a livello di carrozzeria che nel sottoscocca. Nel corso del test abbiamo fatto un paio di giorni di guida urbana, siamo partiti per un weekend, abbiamo percorso circa 500 km e siamo tornati con un’autonomia residua di circa 300 km. Davvero niente male con una media di circa 13-14 km/l.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati