Notizie dal Mondo dei Motori
Lamborghini - Nuovo V12 da 700 CV

Lamborghini - Nuovo V12 da 700 CV

L’aspettavamo con ansia e non si è fatto attendere: il nuovo motore V12 Lamborghini ha 700 Cv e 690 Nm di coppia, tirati fuori dai 6,5 litri di cilindrata superquadra. Nuovo anche il cambio ISR che riduce i tempi di cambiata del 50% rispetto all’e-gear.

Dimensione Carattere:

Si fermerà mai la corsa alle potenze esagerate e alle performance incredibili delle nuove generazioni di vetture supersportive? Secondo Lamborghini, marchio leader nella produzione di coupè ad alte prestazioni di proprietà del Gruppo Volkswagen, evidentemente NO.

Infatti, come immaginavamo e soprattutto speravamo da tempo, dagli stabilimenti di Sant’Agata Bolognese, grazie alla conoscenza tecnica degli ingegneri e alla supremazia artigianale degli assemblatori del Toro, uscirà nel 2011 il nuovo motore V12 da 700 Cv destinato a segnare nuovi livelli di riferimento, motorizzando l’attesa erede della Lamborghini Murcielago.

Il nuovo propulsore a 12 cilindri a V, con cilindrata di 6,5 litri, eroga la straordinaria potenza di 700 Cv ed una coppia massima di 690 Nm; nonostante il sensibile incremento prestazionale (il "vecchio" motore della SV sputava fuori "solo" 670 Cv) il livello di emissioni inquinanti è tenuto a livelli estremamente contenuti grazie ad un sofisticato impianto di scarico.

Un motore tutto nuovo, che abbandona i progetti preesistenti per risultare completamente inedito, non poteva di certo "limitarsi" ad utilizzare una trasmissione standard (se con Lamborghini ci si può permettere di parlare di "standard") ed ecco che a trasferire la potenza alle ruote ci pensa un cambio robotizzato altrettanto nuovo, denominato "Lamborghini ISR": si tratta di una sofisticata trasmissione a doppi ingranaggi paralleli che unisce il comfort nell’uso quotidiano a performance mai viste in termini di precisione e velocità di cambiata, inferiori del 50% rispetto a cambi analoghi.

Stephan Winkelmann, Presidente e Amministratore Delegato di Automobili Lamborghini, da poco ammirato entusiasta alla presentazione della Lamborghini Sesto Elemento al Salone dell’automobile di Parigi, si dichiara ottimista per le grandi aspettative che il nuovo V12 presto soddisferà: "Il nuovo propulsore rappresenta non solo il glorioso coronamento della nostra gamma prodotto, ma anche un enorme investimento nel futuro del marchio Lamborghini".

E aggiunge: "Con il nuovo V12 introduciamo un salto di qualità tecnologico che coinvolgerà tutti i nostri modelli futuri e l’intera azienda. Attraverso un eccezionale ventaglio di innovazioni la Lamborghini darà una nuova definizione al futuro delle supercar sportive. Questo motore da 700 CV, insieme ad un cambio di nuova concezione, rappresenterà il prossimo anno il cuore del successore della Murciélago"

PURO STATO DELL’ARTE MOTORISTICA

Lamborghini sa bene come si costruiscono i motori V12, lo sa dal lontano 1964 quando Ferruccio piantò nel cofano della 350 GT (carrozzata Superleggera) il primo propulsore a 12 cilindri Made in Sant’Agata. Da allora la Casa del Toro si è specializzata nel campo dei "megapropulsori" passando per la Miura, la Espada, la Countach e poi la Diablo per finire alla Murcielago, da poco andata in pensione dopo l’esemplare 4.099, tutte motorizzate con il plurifrazionato più amato dai puristi delle prestazioni.

Da oggi i punti di riferimento che sembravano irraggiungibili ed insuperabili conosceranno nuovi orizzonti, mostrati dal rivoluzionario progetto nato da "un foglio bianco" e completamente disarticolato da qualsiasi precedente influenza progettuale: il 12 cilindri a V da 700 Cv di Lamborghini.

Incredibile pensare ad una mandria di 700 purosangue imbizzarriti, racchiusi in un gioiello in alluminio e carbonio, da soli 235 kg: eppure il nuovo motore ha un rapporto peso potenza di 3 Cv per chilo di peso, ottenuto grazie all’utilizzo di pregiate leghe di alluminio e silicio, numeri da fare impallidire qualsiasi "Varenne" della situazione.

La matematica delle meraviglie non si ferma al peso: la potenza massima erogata è pari a 700 Cv (515 kW) allo straordinario regime di 8.250 giri/minuto con una coppia di 690 Nm a 5.500. L’elasticità, la curva di coppia particolarmente generosa unite alla ripresa fulminea ad ogni andatura e all’acustica ben nota dei missili bolognesi fanno del nuovo V12 un propulsore di vertice e fortemente carico di fascino.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati