Notizie dal Mondo dei Motori
L’auto del futuro? Sicura e online

L’auto del futuro? Sicura e online

Da un sondaggio di Accenture emerge che il 90% degli automobilisti sono molto interessati alla sicurezza durante la guida e a tecnologie di connessione in grado di fornire tempestivamente informazioni, ad esempio, sul traffico.

Dimensione Carattere:

La ricerca di Accenture è stata condotta su oltre 7 mila automobilisti di ben sette nazioni: Italia, Stati Uniti, Francia, Cina, Malesia, Corea del Sud e Brasile.
Oltre il 90% degli intervistati si è mostrato particolarmente interessato per il sistema lane changing/blind spot, ovvero il sistema che permette il controllo della zona d’ombra degli specchietti retrovisori, molto utile nei momenti di sorpasso o di cambio di corsia.

L’ABS, l’ormai classico sistema antibloccaggio delle ruote, è apprezzato dall’83% dei soggetti del campione. Anche i sensori per la visione notturna, sono graditi dal 74% degli intervistati, che hanno mostrato apprezzamento anche per quelli relativi alla retromarcia (72%). Seguono i sistemi per il mantenimento della corsia, apprezzati dal 69% degli automobilisti, l’etilometro a bordo (68%) e il sistema di allarme per la stanchezza del conducente, utile per il 63% del campione.

L’analisi di Accenture conferma anche le altre tendenze presentate al CES. il 73% degli intervistati, infatti, ha espresso parere favorevole sulle tecnologie in grado di effettuare chiamate di emergenza nel caso di problemi alla guida
Molto apprezzate (83%) anche le tecnologie in grado di segnalare in anticipo eventuali blocchi del traffico. Sempre secondo i soggetti intervistati, le auto del futuro dovranno essere dotate di sistemi di comunicazione tra veicoli (63%). Il 59% di loro vorrebbe un sistema per controllare lo smartphone direttamente dal volante. Il 58% del campione vorrebbe addirittura poter leggere e scrivere e-mail, magari dettandone il testo, sempre durante la guida.

Durante l’ultimo CES di Las Vegas, sono stati presentati diversi modelli di auto «connesse», che presentavano diversi dispositivi che sanciscono a pieno titolo l’ingresso dell’informatica nelle automobili.

Questi nuove auto, i cosiddetti connected vehicles, sono dotate di sistemi sofisticati che migliorano la sicurezza e anche la comunicazione. Le nuove tecnologie IVI - In Vehicle Infotainment - sono quasi totalmente assenti negli attuali modelli di fascia bassa e medio-bassa, ma si diffonderanno nei vari segmenti, arrivando ad una quasi completa penetrazione nel mercato
Sia nei mercati sviluppati che in quelli emergenti, le case automobilistiche saranno costrette a stare al passo con l’evoluzione delle tecnologie più richieste dagli acquirenti. Ciò permetterà loro di ambire ad aumentare i margini di profitto, che l’indagine Accenture quantifica in almeno 200 dollari per veicolo, nei mercati maturi.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati