Notizie dal Mondo dei Motori
Le Associazioni al Governo: eliminare il superbollo!

Le Associazioni al Governo: eliminare il superbollo!

Le principali Associazioni della filiera dell’auto firmano una lettera congiunta destinata al Ministero dell’Economia e delle Finanze per abolire la sovratassa sul bollo auto

Dimensione Carattere:

Anfia, Aniasa, Assilea, Federauto, Unasca e Unrae. Le principali Associazioni della filiera dell’auto (in rigoroso ordine alfabetico) hanno firmato una lettera congiunta destinata al Ministero dell’Economia e delle Finanze per “abolire la dannosa e controproducente sovrattassa sul bollo auto, nata per portare nelle casse dello Stato 168 milioni di Euro, che ha prodotto una serie di effetti perversi che stanno penalizzando l’Erario, il mercato dell’auto e il suo indotto”.

Il superbollo era stato introdotto nel luglio del 2011 con un importo pari a 10 Euro per ogni kW di potenza del veicolo superiore ai 225 kW, con effetto retroattivo su tutto il 2011 e su tutto il parco circolante. Dal 1° gennaio 2012 la sovrattassa è stata portata a 20 Euro/kW ed estesa alle vetture con potenza superiore ai 185 kW. Ma, alla fine, altro che 168 milioni di Euro da portare alle casse dello Stato.

Nel solo 2012, infatti, si è registrata una perdita complessiva di 140 milioni tra minori entrate fiscali e mancato introito. A determinare il danno per l’Erario alcuni fenomeni non previsti quali la riduzione delle nuove immatricolazioni, la proliferazione nel nord Italia di falsi leasing di autovetture, il boom di radiazioni per esportazioni sia del nuovo che dell’usato e il crollo dei passaggi di proprietà. “Appare quindi opportuna ed urgente l’abolizione della sovrattassa, anche al fine di fornire al mercato dell’auto un primo segnale di rilancio, che possa invertire la rotta negativa degli ultimi anni e che vada nella direzione di un alleggerimento della pressione fiscale”, la chiosa nella lettera congiunta delle Associazioni.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati