Notizie dal Mondo dei Motori
McLaren MP4-12C - 2011

McLaren MP4-12C - 2011

Una supercar da strada, con il nome della scuderia di Formula 1: McLaren MP4-12C. In Italia da maggio a 201.680 euro. Mille esemplari l’anno per la vettura appena entrata in produzione. È spinta da un 3.8 V8 biturbo di 600 CV, con cambio doppia frizione.

Video  McLaren MP4-12C GT3
In Relazione:
Articoli  MP4-12C
  Coupè

Dimensione Carattere:

Magari non potrete competere in Formula Uno, ma con un "diamante su quattro ruote" del genere farete girare la testa a parecchie persone: la McLaren MP4-12C. Una supercar che prende il nome della blasonata scuderia di Formula Uno. La vedremo al Salone di Ginevra 2011. Ma partiamo col piede giusto per far capire subito di che genere di veicolo stiamo parlando: una furia che tocca in scioltezza i 320 km/h di velocità massima ed esprime la sua straripante potenza con un’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in meno di tre secondi. Roba da restare "schiacciati" col corpo al sedile.

Facile per lei avere quelle prestazioni: là sotto c’è un 3.8 V8 biturbo di 600 cavalli e 800 Nm di coppia massima, abbinato al cambio doppia frizione SSG a 7 rapporti. L’estasi per chi ama le supercar. Chiaramente, pur essendo una stradale, certi picchi di velocità vanno raggiunti solo in pista.

Questa meraviglia di McLaren MP4-12C è appena entrata in produzione, e da maggio verrà venduta in tutto il mondo. Per il 2011, verranno prodotti 1000 esemplari dal McLaren Technology Centre di Woking, proprio nello stabilimento in cui nascono le monoposto Formula Uno. Invece, dal 2012, la produzione verrà trasferita nell’impianto McLaren Production Centre.

Nel giro di cinque anni, McLaren punta a vendere 4.500 unità della MP4-12C: sul pianeta saranno solo 35 le concessionarie a poterla esporre e commercializzare (in Italia una del Gruppo Fassina). Da noi costerà 201.680 euro.

Fibra di carbonio in grande quantità, scocca dal peso inferiore agli 80 chilogrammi, due posti, dovrebbe avere le sospensioni a doppio braccio oscillante: ammortizzatori e barre antirollio (a controllo elettronico attivo) sono regolabili su più programmi, in base alle esigenze del momento.

Unico neo, per noi di Newstreet.it sempre così attenti ai particolari, il muso ricorda un po’ quello della Ferrari 360 Modena. D’altronde, è anche vero che le esigenze di aerodinamica obbligano a determinate scelte di design.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati