Notizie dal Mondo dei Motori
Mercato Auto in Ripresa

Mercato Auto in Ripresa

Mentre continua la lenta rimonta del Gruppo Fiat il mercato automobilistico Europeo si consolida. In aprile nei diciotto mercati della parte occidentale del continente sono state immatricolate 1.271.876 autovetture con un incremento del 4,1%

Dimensione Carattere:

Dopo un inizio d'anno lento si sta delineando una ripresa per il mercato automobilistico europeo. In aprile nei diciotto mercati della parte occidentale del continente sono state immatricolate 1.271.876 autovetture con un incremento del 4,1%. Se si considerano anche gli otto mercati dei principali Paesi appena entrati nell'Unione Europea, il consuntivo di aprile sale a 1.363.844 e il tasso di crescita si porta al 5%. Decisamente positivo è anche il bilancio del primo quadrimestre che chiude per il complesso dell'area a quota 5.493.497 immatricolazioni, con un incremento del 3,7% sull'anno precedente.

In questo contesto particolarmente significativi sono i risultati del Gruppo Fiat che in aprile vede la sua quota di mercato salire al 7,7% dal 7,2% di aprile 2003, mentre nel primo quadrimestre la quota sale all'8% dal 7,9% dello stesso periodo del 2003. Si tratta di risultati importanti, se si considera che il Gruppo Fiat non privilegia più la difesa ad oltranza della quota, ma pone grande attenzione alla remuneratività delle vendite, riducendo anche consistentemente il ricorso alle "chilometri zero".

La ripresa in atto sul mercato automobilistico europeo si sta sviluppando in un quadro di persistente debolezza della congiuntura economica dei maggiori sistemi del continente. Nonostante l'andamento positivo dell'economia mondiale, lo sviluppo in Europa appare sempre più frenato dalla politica della Banca Centrale Europea e dai parametri di Maastricht.

Aumenta, anche a livello di governi, la consapevolezza che questi vincoli costituiscano una camicia di forza per lo sviluppo, ma se vi sono strappi ai parametri di Maastricht, nulla i governi sembrano in grado di fare per neutralizzare gli effetti negativi del caro-euro, che è certamente legato alla politica della BCE. La ripresa del mercato automobilistico europeo, come d'altra parte di quello italiano, costituiscono comunque un segnale positivo, di cui si deve tenere conto anche nell'analisi della situazione congiunturale europea e italiana.

Venendo ai principali mercati, in aprile la crescita è generalizzata con la sola eccezione del mercato francese (-4%), di quello del Regno Unito (-3.8%), dei piccoli mercati portoghese e svizzero e del piccolissimo mercato della Repubblica Ceca. Degna di nota la crescita del principale mercato del continente, quello della Germania, che con un incremento del 3,4% colma buona parte del ritardo accumulato nei primi tre mesi.

Decisamente buono è anche il risultato italiano (+13,3% in aprile, +1,1% nel cumulato del primo quadrimestre). Una particolare menzione meritano i mercati degli otto principali paesi nuovi membri dell'Unione Europea che, sia pure con valori assoluti ancora bassi, mettono a segno una crescita del 20,6% in aprile e del 12,8% nel primo quadrimestre.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati