Notizie dal Mondo dei Motori
Mercedes E 200 NGT - Metano

Mercedes E 200 NGT - Metano

La nuova Mercedes E 200 NGT, la macchina a gas della Casa tedesca, sarà protagonista al Motor Show di Bologna, in programma dal 4 al 12 dicembre. È l’unica berlina di lusso a gas metano sul mercato: 163 CV, 8,1 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 190 g/km

Video  Nuova Mercedes Classe E

Dimensione Carattere:

In attesa che le elettriche trovino la chiave per sfondare, e mentre si aspetta una definitiva consacrazione dell’ibrido più a basso costo a livello mondiale, Mercedes insiste col gas. Il Motor Show di Bologna 2010, dal 4 al 12 dicembre, vedrà fra le protagoniste la nuova Mercedes E 200 NGT (Natural Gas Technology). Parliamo di gas, e inevitabilmente la nuova E 200 NGT sarà esposta all’interno dello spazio ENI, nel Padiglione 26 della rassegna bolognese.

Grazie al propulsore quattro cilindri sovralimentato da 120 kW/163 CV di potenza, questa nuova versione bivalente di Classe E è l’unica berlina di lusso a gas metano sul mercato, in assoluto la più potente. Il motore è super collaudato, visto che il quattro cilindri 1.796 cc già equipaggia la E 200 CGI BlueEFFICIENCY: arriviamo a una coppia massima di 240 Nm a 3.000 g/min., offrendo prestazioni brillanti sia in modalità benzina che in quella a gas metano.

I dati dichiarati dal Costruttore parlano di accelerazione 0-100 km/h in 10,4 secondi e di velocità massima è pari a 224 km/h, a fronte di consumi contenuti a soli 8,1 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 190 g/km.

Il veicolo a gas di Mercedes può essere alimentato sia a metano sia a benzina. Chiaramente il vantaggio rispetto a un "puro" diesel o benzina è il costo inferiore del combustibile. In più, ci sono le ridotte emissioni inquinanti di CO2, anche se va detto che quest’aspetto interessa più il marketing delle Case (non solo Mercedes) che il consumatore finale. Quando la guidi, puoi in qualsiasi momento commutare il funzionamento: da metano in benzina e viceversa. È facile: ci sono i pulsanti sul volante.

Impossibile restare a secco in fatto di metano, perché c’è un indicatore della quantità di gas di cui abbiamo apprezzato la precisione. Viene visualizzato a piacere sul display multifunzione del quadro strumenti. Ti dimentichi che il gas si sta esaurendo durante la marcia? Nessun problema, il sistema commuta automaticamente sul funzionamento con benzina.

Certo, poi vai a fare rifornimento di gas, e lo stesso sistema in automatico va a riselezionare il funzionamento a gas. Tra l’altro, il serbatoio del gas, nel vano della ruota di scorta, ha una capacità totale di 18 kg: ottimo. Per quanto riguarda il serbatoio per la benzina, dietro il sedile posteriore, la capienza arriva a 65 litri. Stando alla Casa, in modalità alimentazione a metano, l’autonomia è di 300 chilometri.

Tecnicamente, il motore sovralimentato Twinpulse è stato modificato, grazie all’integrazione di iniettori sulla parte bassa del collettore di aspirazione. C’è un regolatore di pressione, con valvola elettromagnetica di disinserimento, che comanda l’alimentazione del metano: la pressione richiesta dal sistema resta costante. L’obiettivo di Mercedes è una parità di prestazioni per le due modalità, a benzina e a gas: almeno stando a quanto sostiene la Casa, i livelli di potenza e di coppia del motore a quattro cilindri sono inalterati.

Da fuori, non ti accorgi della differenza fra la Mercedes E ad alimentazione tradizionale e quella a gas. Serve andare a caccia dei pulstantini "del metano" sul volante per individuare il tipo di macchina.

E a proposito di metano, le multe da parte dell’Unione europea ai danni dell’Italia per l’eccessivo smog inducono il Consorzio Ecogas (riunisce i Costruttori di impianti di conversione a gas), a una riflessione: l’ammodernamento del parco circolante, anche con la riconversione ecologica attraverso la trasformazione a Gpl e metano è una misura con effetti ambientali a medio-lungo termine e la sua incentivazione genera uno spostamento strutturale dell’offerta di veicoli verso le tecnologie più pulite.

Se nell’ottobre del 2009 si era arrivati a toccare quote record del 25% di immatricolazioni a gas sul totale e quelle del gasolio erano scese al 39%, nel 2010 la situazione si è ribaltata. Per i gas, siamo al 10%, il gasolio tocca quota 51%. Stesso discorso per le trasformazioni a gas che avevano raggiunto le oltre 250.000 unità diventate poco più di 100.000 quest’anno. Un peccato che il trend si sia interrotto.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati