Notizie dal Mondo dei Motori
Mini Coupè

Mini Coupè

Muso crudele, bassa da rasentare il suolo, con parabrezza sfuggente, la Mini Coupé potrebbe arrivare nell’estate 2011 a un prezzo base fra i 33.000 e i 35.000 euro. Avrà il motore 1.6 turbo a iniezione diretta da 211 Cv: una due posti da sballo.

Video  Mini Coupè JCW Endurance
In Relazione:
Articoli  Coupe
  Coupè
Video  Video MINI
Video  Foto MINI

Dimensione Carattere:

Già la Mini cosiddetta normale è cattivella di aspetto, e il Gruppo tedesco BMW è riuscito a trasformarla in uno status symbol, specie per i giovani; ma la futura Mini Coupé, se arriverà, potrebbe batterla in quanto a sguardo che incute timore. La due posti della Casa inglese sarà un peperino senza eguali sul mercato: tanto leggera quanto bassa, attaccata coi denti all’asfalto, è destinata a mordere la strada.

La linea della Mini Coupé dovrebbe riprendere quella della concept car, presentata in anteprima mondiale al Salone dell’auto di Francoforte 2009: un prototipo che, proposto per festeggiare i 50 anni di Mini, riscosse un certo successo.

Con una lunghezza di 371 centimetri, una larghezza di 168 e un’altezza di 135 cm, è caratterizzata da un portellone che è un tutt’uno con lunotto e spoiler: il sedere ti comunica subito che è pronta a schizzare in accelerazione. Per dare l’impressione che ci siano solamente i vetri laterali, i montanti posteriore sono nascosti ad arte, quasi che vengano retti esclusivamente dal tetto: una specie di ponte invisibile. Che è ribassato nella parte posteriore, in stile "lightweight" (peso leggero), perché essenziale e con un’impostazione agilissima. Padiglione ribassato e labbro aerodinamico sulla cortissima coda rendono la Mini Coupé ultra compattezza e dinamica.

Il frontale, invece, non dovrebbe presentare grosse differenze rispetto alla Mini di serie. Però il parabrezza è stupendamente inclinato, pronto a tagliare l’aria con riprese esplosive e divertenti. In più, dovrebbe avere strisce colorate longitudinali che dal cofano si prolungano sulla calandra.

La pepatissima Mini Coupé verrà mossa dal motore a benzina 1.6 turbo a iniezione diretta Twin-Scroll da 211 cavalli e 260 Nm: occhio, magari è estendibile a 280 Nm attraverso la funzione di overboost. È il propulsore, per intenderci, che rende la Mini John Cooper Works una belvetta da paura. Una specie di go-kart per godersi la guida sportiva, maneggevole in ogni condizione. Obiettivo, esaltare il piacere di guida e creare emozioni coinvolgenti, e abbattere al contempo le emissioni, in ossequio alla filosofia Mini del "Minimalism".

Anche dentro è combattiva e piena di impeto: i sedili sono anatomici e a guscio, ricoperti in pelle. Due gli orologi Chronoswiss ai lati del contagiri, uno come cronometro. Per paradosso, rispetto alla solita Mini, la Coupé avrà un bagagliaio più ampio: 250 litri anziché 160. La ragione è semplice: la prima ha quattro posti; la versione più cattiva ne ha due (addio al divanetto).

La Mini Coupé dovrebbe essere prodotta nello stabilimento di Oxford, in Inghilterra, a differenza della nuova Mini Countryman costruita a Graz, in Austria. In futuro, arriverà anche la Roadster, con tetto apribile. Per il prezzo della versione base della Coupé, dovremmo essere fra i 33.000 e i 35.000 euro: questa almeno l’indiscrezione raccolta da Newstreet. Non è regalata, ma va considerato il grande successo delle varie Mini, nonché il livello di clientela del brand inglese, da sempre piuttosto elevato, in cerca di ritorno d’immagine attraverso un gioiello da batticuore.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati