Notizie dal Mondo dei Motori
Nuova MINI: al debutto efficienti motori 3 cilindri

Nuova MINI: al debutto efficienti motori 3 cilindri

Le grandi novità della nuova MINI stanno soprattutto sotto il cofano. Al lancio, sarà infatti disponibile con un’inedita generazione di propulsori con tecnologia TwinPower Tur

In Relazione:
Articoli  MINI
Video  Video MINI
Video  Foto MINI

Dimensione Carattere:

Rivoluzionò la mobilità individuale di tutti i britannici e non solo tanto da diventare presto un’icona a livello mondiale. La Mini ha cambiato i costumi dell’epoca quando, era il 1957, Sir Alec Issigonis svelò le linee di un modello che negli anni sessanta avrebbe conquistato milioni di fans. Dopo l’inevitabile declino degli anni ottanta e novanta e la fine dell’era sotto l’egida Rover, sebbene la maggior parte della clientela si sia tenuta ben stretta la propria Mini fino a farla diventare uno degli oggetti classici più ricercati dai collezionisti, è stato il Gruppo BMW a far risorgere la MINI a nuova vita a cavallo tra i due millenni.

La prima generazione dell’era moderna risale infatti al 2001, fedele all’originale negli stilemi più tradizionali, ma ovviamente all’avanguardia tecnologica con motorizzazioni via via sempre più efficienti, senza mai tralasciare lo spirito sportiveggiante della progenitrice e soprattutto il suo inimitabile go-kart feeling. Ora la MINI dei giorni nostri (un’autentica compatta premium) arriva alla terza generazione, svelata in occasione di una cerimonia speciale nella sua culla produttiva, Oxford, e proprio nel giorno del 107° anniversario della nascita di Issigonis (ieri).

Nelle strutture produttive britanniche, MINI ha investito 750 milioni di sterline proprio in vista della nuova vettura. La potremo ammirare dal vivo nei prossimi giorni, in contemporanea ai Saloni di Los Angeles e Tokyo, e dai primi mesi del 2014 sarà sulle strade. Si caratterizza per il classico design dalla forte carica emotiva, per notevoli miglioramenti in termini di abitabilità, sicurezza, equipaggiamenti e qualità dei materiali, per una tecnologia innovativa di collegamento in rete e per un’ulteriore ottimizzazione del rapporto tra divertimento di guida e consumi di carburante.

Le grandi novità della nuova MINI stanno soprattutto sotto il cofano. Al lancio, sarà infatti disponibile con un’inedita generazione di propulsori con tecnologia TwinPower Turbo. La MINI Cooper monterà un 3 cilindri benzina di 1,5 litri da 136 CV, la MINI Cooper S un 4 cilindri benzina 2.0 da 192 CV e la MINI Cooper D un 3 cilindri diesel 1.5 da 116 CV. Di serie il cambio manuale a sei rapporti, in opzione una trasmissione automatica sempre a sei marce. Cambio automatico che per la prima volta sarà in combinazione anche con la funzione Start/Stop all’insegna della tecnologia Minimalism. Se da un lato migliorano le prestazioni, in particolare in accelerazione da 0 a 100 orari, dall’altro i consumi di carburante sono stati abbattuti mediamente del 27%. Esteticamente, la terza generazione della MINI moderna non aveva bisogno di interventi peculiari perché lo stile di fondo deve sempre rimanere sostanzialmente fedele alla leggenda di 50 anni fa. Ritroviamo la calandra del radiatore esagonale, i gruppi ottici e le luci posteriori con grossa cornice cromata, un tettuccio in colore di contrasto a richiesta (ma senza sovrapprezzo) e in opzione le luci a Led con anello di luce diurna e indicatore di direzione integrato. Le dimensioni sono state maggiorate (+98 mm in lunghezza, +44 mm in larghezza e +28 mm nel passo), a tutto vantaggio del massimo comfort a bordo per i quattro passeggeri che hanno a disposizione più spazio per le gambe e per la testa, mentre il volume del bagagliaio è aumentato di 51 litri a 211 litri.

La nuova generazione della MINI, più rigida e più leggera della serie precedente e con un coefficiente di resistenza aerodinamica migliorato ad un valore di Cx di 0,28, dispone di serie di Servotronic, controllo della stabilità DSC, Performance Control, airbag anteriori, laterali e laterali a tendina, fissaggio del seggiolini Isofix per i bambini e innumerevoli sistemi di assistenza alla guida tra cui Head-Up Display, regolazione attiva della velocità, avvertimento rischio di tamponamento, riconoscimento della segnaletica stradale e telecamera di retromarcia. Di grande spessore anche i dispositivi relativi all’infotainment ed alla connettività a bordo. Spiccano funzioni quali Emergency Call e Teleservices, utilizzabili attraverso la carta Sim integrata fissa nella vettura, oltre ai tradizionali servizi di Dynamic Music, collegamento ai social network e Real Time Traffic Information. Tra gli optional, Park Distance Control, sedili riscaldabili, climatizzatore automatico a due zone e tetto in vetro ad azionamento elettrico.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati