Notizie dal Mondo dei Motori
Nuova Mini Cooper

Nuova Mini Cooper

La nuova Mini 2007 si svela nelle tre versioni Cooper S da 175 Cv, Cooper da 120 Cv e One da 95 Cv. Cinque anni dopo il successo della prima generazione è adesso più sportiva che mai e consuma meno. Sul mercato a novembre del 2006. Prezzi da 19.450 Euro.

Video  Mini Cooper S
Video  Crash Test Mini Cooper - 2007

Dimensione Carattere:

La Nuova Mini si presenta adesso con la seconda generazione di modelli. Cinque anni dopo il lancio della prima generazione, debutta al Salone di Parigi 2006 con nuovi motori quattro cilindri. È più sportiva e consuma meno.

La piccola atleta ha raccolto il massimo punteggio nella categoria di appartenenza si presenta nelle versioni Cooper S da 175 Cv, Cooper da 120 Cv e One da 95 Cv, che nel 2007 adotterà un turbodiesel di nuova generazione.

Il design esterno della nuova Mini è stato sviluppato in modo evolutivo, rispettando il look caratteristico del marchio, mentre il design interno ha subito una rivoluzione intelligente e moderna. Una serie di nuovi equipaggiamenti aumentano il comfort e il divertimento di guida.

In tutte le varianti è stato conservato naturalmente il tipico go-kart-feeling tipico del Marchi, grazie al baricentro basso, una carreggiata larga e del concetto "una ruota in ogni angolo".

Le numerose innovazioni nel campo dei motori, dei cambi, dell’autotelaio, dello sterzo e dell’impianto frenante, offrono un’esperienza di guida di dimensioni completamente nuove. Inoltre, con la sua scocca robusta e un equipaggiamento di sicurezza esemplare.

Sarà commercializzata negli show room già a partire da Novembre 2006 con prezzi a partire da 19.450 Euro.

"SORRIDENTE" MA SPORTIVA

Il modulo anteriore della nuova Mini regala a tutti un sorriso gentile, dovuto soprattutto alla nuova griglia del radiatore a forma esagonale che conferisce alla due porte come elemento aperto un’espressione ancora più simpatica.

Nel nuovo modello è stata soppressa la divisione centrale del bordo superiore del paraurti che caratterizzava il radiatore del modello precedente.

ORA HA DUE NEI DI BELLEZZA

Oltre alla griglia del radiatore sono soprattutto i grandi gruppi ottici rotondi a marcare il volto della nuova Mini. I lampeggiatori sono stati integrati nei proiettori. Questa configurazione dona al design esterno un’immagine più pulita; i «beauty-spots» (nei di bellezza) non sono più quattro ma solo due.

Sul nuovo modello, le luci di posizione montate sotto i proiettori, che accolgono a richiesta anche i fendinebbia, ad assolvere la funzione estetica dei due «nei di bellezza» soppressi.

CHE MUSCOLI

Vista di dietro, si presenta muscolosa, compensando così elegantemente la crescita del modulo anteriore.

Il cromo luccica nelle maniglie delle porte, nei proiettori, nei fari posteriori e negli anelli della griglia del radiatore, sullo sportellino del serbatoio e lungo la linea di cintura.

ABITACOLO "FURBO"

La strumentazione è stata ridotta al minimo e rivestita in forme rotonde e puriste che insieme alla sobria geometria orizzontale della plancia caratterizzano il linguaggio formale dell’abitacolo.

Il contagiri è posizionato dietro al volante, nel campo visivo diretto del guidatore. Grazie alla linea slanciata della consolle centrale, è stato possibile ampliare l’offerta di spazio nella zona delle gambe di guidatore e passeggero.

Tutti gli strumenti sono facili da usare e posizionati in modo perfettamente ergonomico. La funzione della chiave di apertura e di accensione la assolve un trasmettitore di segnali rotondo; il motore viene avviato con il pulsante Start/Stop.

NON SOLO PREGI

Neanche a voler trovare una similitudine migliore, a proposito di forme rotonde, tutte le ciambelle non escono ovviamente col buco.

Tuttavia tra i tanti pregi che Mini 2007 vanta, non si è pensato, data una consolidata clientela di riferimento, estremamente giovanile, dinamica ed esigente, di affiancare all’ormai "obsoleto" lettore Cd, anche una porta Usb per leggere i propri Mp3 da un’unità esterna. Perchè no, anche una comoda interfaccia Bluetooth. Tanto di cappello questa volta a Fiat Grande Punto che nell’allestimento Blue&Me se ne fa vanto di entrambe.

Allo stesso modo il tasto Stop/Start dovrebbe rappresentare un’evoluzione pratico/tecnologica ed invece, vincolata dal dover inserire comunque la chiave nell’apposito "nottolino elettronico" vanifica un pochino la sua praticità. Sarebbe stato molto più funzionale la adottatore la medesima soluzione di altri marchi, che riconoscono il "padrone" a circa 1 metro di distanza (quindi tenendo la chiave in tasca o in borsetta), consentendone la messa in moto, l’apertura delle porte, del bagagliaio ecc.

UNA MINI TUTTA MIA

Grazie a una ricca e affascinante offerta di varianti di equipaggiamenti e di optional, soddisfa le più sofisticate richieste di personalizzazione.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati