Notizie dal Mondo dei Motori
Nuova Mini Coupè

Nuova Mini Coupè

Nuovo arrivo in casa MINI, la Coupé. Ampliata la famiglia di prodotti con un modello nuovo che punta sul massimo divertimento di guida. Una due posti inedita col tipico gokart-feeling del marchio. La biposto è attesa per il Salone di Francoforte 2011.

Video  Nuova Mini Coupè - 2011
Video  Mini Coupè JCW Endurance
In Relazione:
Articoli  Coupe
  Coupè
Video  Video MINI
Video  Foto MINI

Dimensione Carattere:

Avete presente la MINI a quattro porte? Un modello clamoroso. Ebbene, adesso arriva la MINI Coupé, due posti, con un filo di coda. In vendita da settembre, dopo il Salone di Francoforte. Un modo per rivivere non solo la propria famosa storia agonistica, ma anche la classe automobilistica delle vetture particolarmente compatte. All’insegna del tipico gokart-feeling del marchio inglese del Gruppo tedesco BMW. La soppressione del divanetto posteriore crea delle nuove possibilità per combinare un divertimento di guida spontaneo in due per uno stile di vita attivo ed emozionante. C’è una combinazione di superfici tese che ricordano i muscoli di un atleta con angoli elegantemente smussati e linee parallele.

Un’innovazione fondamentale è costituita dalla scocca della MINI, realizzata per la prima volta nel three-box-design. A differenza della MINI, della Clubman e della Cabrio, il vano motore, l’abitacolo e il bagagliaio sono nettamente separati uno dall’altro. Con la coda che riprende lo stile classico delle vetture Gran Turismo.

La due posti misura 3.728 millimetri in lunghezza (MINI Cooper S Coupé, MINI John Cooper Works Coupé: 3.734 millimetri), 1.683 millimetri in larghezza e 1.378 millimetri in altezza (MINI Cooper S Coupé, MINI John Cooper Works Coupé: 1.384 millimetri). La lunghezza esterna, la larghezza e il passo (2.467 millimetri) sono quasi identici ai rispettivi valori della MINI, mentre nel confronto diretto l’altezza della scocca è inferiore di 29 millimetri. Sei molto alto? Il cielo del tetto è stato realizzato a forma ellittica.

Nella zona della coda, la scocca della Coupé è stata irrobustita con dei rinforzi specifici, così da aumentare ulteriormente il valore di rigidità torsionale rispetto alla MINI. Per la prima volta in una MINI viene utilizzato uno spoiler posteriore attivo per migliorare il flusso d’aria nella guida ad alta velocità. Non appena la Coupé raggiunge la velocità di 80 km/h, fuoriesce l’alettone integrato nel cofano del bagagliaio. Se la velocità cala al di sotto dei 60 km/h lo spoiler azionato da una meccanica a quattro snodi ritorna alla posizione originale. In base alla velocità, l’aria che passa sopra il tetto viene deviata, a seconda del fabbisogno, sopra il lunotto oppure inviata verso lo spoiler, così da ridurre la portanza nella zona posteriore della vettura, promuovendo le caratteristiche di guida dinamica della MINI Coupé.

Ma l’aspetto più gustoso sono forse i motori: lo spettro di potenza si estende dalla MINI Cooper Coupé con 90 kW/122 CV alla MINI Cooper SD Coupé con 105 kW/143 CV, alla Cooper S Coupé con 135 kW/184 CV fino al modello top di gamma ultra sportivo John Cooper Works Coupé con 155 kW/211 CV. In alternativa al cambio manuale a sei rapporti, per i modelli Cooper Coupé, Cooper S Coupé e Cooper SD Coupé è disponibile, optional, un automatico a sei rapporti.

Partiamo dalla variante d’ingresso. Il motore quattro cilindri a benzina della MINI Cooper Coupé eroga da una cilindrata di 1.600 cc una potenza massima di 90 kW/122 CV, raggiunta a 6.000 g/min. La coppia massima di 160 Newtonmetri è disponibile a 4.250 g/min. Il comando valvole variabile assicura reazioni scattanti a ogni comando del pedale dell’acceleratore. E si basa sulla tecnologia VALVETRONIC utilizzata nei motori BMW: ottimizza sia la rapidità di risposta del motore sia i valori di consumo di carburante e delle emissioni.

Il comando valvole adatta in frazioni di secondo la corsa e l’apertura delle valvole di aspirazione alla rispettiva richiesta di carico. L’albero a camme non agisce direttamente sulla valvola tramite un bilanciere, ma attraverso una leva intermedia supplementare. Il centro di rotazione è regolato attraverso un alberino eccentrico azionato da un elettromotore. Le valvole a farfalla svolgono funzioni di esercizio di emergenza e di diagnosi. Nell’esercizio normale sono sempre aperte, così da limitare di flusso che si forma nel condotto di aspirazione. Arriva a 100 chilometri orari in 9,0 secondi. La velocità massima è di 204 km/h. Il consumo medio di carburante nel ciclo di prova UE è di 5,4 litri/100 km.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati