Notizie dal Mondo dei Motori
Nuova Opel Meriva - Test Drive

Nuova Opel Meriva - Test Drive

Abbiamo provato la nuova Opel Meriva 1.4 Elective: la monovolume compatta della Casa tedesca (del Gruppo americano General Motors) è molto piacevole da guidare. Eccezionalmente comode le porte posteriori: si aprono controvento. Prezzo basso: 16.250 euro.

Video  Nuova Opel Meriva - Test Drive
Video  Crash Test Opel Meriva - 2010
In Relazione:
Articoli  Meriva
  Monovolume
Video  Video OPEL
Video  Foto OPEL

Dimensione Carattere:

Apriti al mondo: è lo slogan di Opel per la nuova Meriva. Che infatti ti dà un modo particolare di vivere l’auto, grazie alle FlexDoors, un innovativo sistema di apertura delle portiere. Incernierate sul montante posteriore, facilita notevolmente l’accesso agli spazi posteriori dell’abitacolo, una caratteristica particolarmente importante per una vettura familiare come la Meriva dove i sedili posteriori vengono utilizzati spesso. Non solo a favore delle persone con mobilità ridotta come gli anziani, ma anche i giovani. L’apertura a libro delle porte aumenta anche la fruizione dello spazio interno, contribuendo insieme al profilo ampio dei vetri a dare una sensazione di ariosità.

Le FlexDoors, un po’ ad anta d’armadio, consentono di entrare e uscire senza contorcersi o allungarsi, anche nei parcheggi più stretti. Le abbiamo provate anche con persone alte e con quelle di... un certo peso: quelle porte svolgono benissimo la loro funzione. Per garantire un accesso ottimale, le FlexDoors raggiungono un angolo di apertura di 84 gradi, di molto superiore ai 67 gradi comuni sulle portiere tradizionali, e sono dotate di solidi maniglioni sul montante centrale: l’uso è abbastanza intuitivo.

L’Opel Meriva è per la famiglia: le FlexDoors sono comode per i genitori che devono piegarsi per entrare nell’abitacolo e installare il seggiolino per il proprio figlio o aiutarlo ad allacciarsi le cinture di sicurezza. Ultimo ma non ultimo, per il guidatore o il passeggero anteriore risulta più naturale e rapido aprire la portiera posteriore per riporre dietro al sedile una giacca o un oggetto qualsiasi.

Il sistema delle FlexDoors è stato studiato per cinque anni per garantirne la massima qualità, funzionalità, ergonomia e sicurezza: c’è il bloccaggio automatico delle portiere, che garantisce ai passeggeri di essere sempre protetti ogniqualvolta il veicolo è in movimento.

In generale, l’Opel Meriva di seconda generazione propone una serie di innovazioni studiate per ottimizzare, facilitare e rendere flessibile l’uso dello spazio: c’è dietro tanto studio sul design ergonomico. Da ricordare con il lancio della prima generazione di Meriva nel 2003, la Casa tedesca del Gruppo americano General Motors ha creato un nuovo segmento di mercato, quello delle piccole monovolume compatte. Comode. Una caratteristica che si riscontra anche in questa Meriva: appena saliti a bordo, l’abitacolo ci appare spazioso, la posizione di guida rialzata, il sistema FlexSpace per i sedili posteriori consente di modulare gli interni a piacimento.

Bastano pochi movimenti più intuitivi per spostare i sedili posteriori e modificare le configurazioni. Si possono far scorrere i sedili posteriori verso la parte posteriore dell’abitacolo o verso il centro per creare un "salotto" con più larghezza e spazio per le gambe e le spalle dei due passeggeri. Oppure, facendo scorrere in avanti i sedili esterni si può aumentare il vano bagagli e comunque avere posto per tre persone. Se si necessita di più spazio, si può abbattere i sedili per ottenere un vano di carico completamente piatto e, di conseguenza, anche la configurazione più capiente del bagagliaio con 1.500 litri di spazio è adesso più semplice.

Lo spazio di stivaggio è cresciuto notevolmente in tutto l’abitacolo; Meriva dispone in totale di 32 vani facilmente accessibili per riporre gli oggetti di uso più comune. Interessante il sistema FlexRail nella console centrale, composto da vani modulari che scorrono su guide di alluminio posizionate tra i sedili anteriori.

Lunga 429 centimetri, larga 181 e alta 162 cm, ha una linea accattivante (è più lunga di 25 centimetri del precedente modello): il tetto ora è più basso e filante, col tipico profilo a lama della fiancata, e la linea a onda sul finestrino posteriore.

Diversi propulsori Euro 5 per la nuova Meriva, che offrono prestazioni efficienti: è la strategia Opel del downsizing e della turbocompressione per offrire una reale economia nella guida di tutti i giorni. Si va da 55 kW/75 CV a 103 kW/140 CV.

È pensabile che l’Opel Meriva si confermi ai vertici nelle vendite del segmento (superiori al milione di unità in Europa). Grazie anche al fatto che, sulla Meriva, è stato riscontrato il più basso livello di difettosità tra i 113 modelli controllati dall’istituto specializzato TÜV nel 2007. Comunque, le avversarie sono agguerrite: Kia Venga, Skoda Roomster, Citroën C3 Picasso, Seat Altea. Prezzi bassi: da 16.250 euro, come quella che abbiamo guidato noi (1.4 Turbo Elective). Fino a 22.750 euro 1.7 CDTI 100 CV Cosmo Automatica. Consigliata per chi tiene famiglia e vuole viaggiare nel massimo comfort spendendo poco. Però se volete una macchina che scatti al semaforo per entusiasmare, non siete sulla strada giusta..




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati