Notizie dal Mondo dei Motori
Nuova Smart DTC: Cambia tutto, ma è sempre lei

Nuova Smart DTC: Cambia tutto, ma è sempre lei

Un nuovo cambio a doppia frizione che trasforma la guida di Smart

In Relazione:
Articoli  SMART
Video  Video SMART
Video  Foto SMART

Dimensione Carattere:

Se un “tallone d’achille” aveva Smart, certamente si trattava del suo cambio automatico dagli innesti lenti, Certo, i vantaggi della piccola citycar erano talmente tanti che i suoi possessori avevano imparato a non farci troppo caso, prendendo questa caratteristica come un piccolo dazio da scontare in cambio di doti uniche di maneggevolezza, praticità ed esclusività. Insomma a fronte di un’unicità assolutamente riconoscibile e riconosciuta alla piccola Smart si poteva “chiudere un occhio”. Oggi, in occasione del lancio della nuova generazione che, tenuti fermi tutti i pregi di questa vettura diventata parte integrante del panorama urbano delle nostre città, ha migliorato ogni aspetto, Mercedes non poteva non intervenire anche su questo particolare. Da oggi infatti, alla versione con cambio manuale già in vendita da qualche mese, Smart affianca anche quella con cambio a doppia frizione twinamic autentica chicca per la categoria delle citycar. Si tratta di un dispositivo messo a punto dalla specialista Gertrag ed in grado di assicurare cambiate fulminee, ma al tempo stesso garantire un comfort ed un uniformità di accelerazione perfettamente in linea con le esigenze di chi fa della vettura un utilizzo prevalentemente urbano. Il nuovo cambio consente anche di essere utilizzato in modalità manuale sequenziale tramite la leva stessa o, sulle versioni più sportive sport edition 1 e proxy, tramite comandi al volante. Il cambio snocciola i sei rapporti con una morbidezza ed una continuità mai viste alla guida di una Smart ed unisce il comfort di un automatico tradizionale con l’efficienza di un manuale. Insomma, a proprio piacimento è possibile sfruttarne le doti in termini di morbidezza di funzionamento e progressività o quelle più sportiveggianti grazie alla doppia frizione che consente passaggi di rapporto velocissimi. Grande attenzione anche agli aspetti legati all’efficienza con una percorrenza media dichiarata di 24 km/l ed un livello di emissioni di CO2 pari a 94 g/km. Il nuovo cambio twinamic è abbinato alla motorizzazione da 71 CV e consente uno scatto da 0 a 100 km/h in 15,1 secondi ed una velocità massima di 151 km/h. Il prezzo d’attacco di questa versione è di 13.780 Euro e comprende già nell’allestimento base servosterzo, cerchi in lega, climatizzatore automatico ed autoradio con bluetooth ed audio streaming.

È sempre lei
La lunghezza che rimane invariata a quota 2,69 metri e gli sbalzi estremamente ridotti nel frontale e nella coda:contribuiscono a confernare le proporzioni tipiche del marchio. Ma grazie alla carreggiata ampliata di 100 mm, le ruote sono posizionate ancora più all’esterno, la nuova Smart offre maggiore sicurezza, visibilità e maneggevolezza. L’abitacolo vanta ora un’ampiezza senza pari in uno spazio estremamente compatto. Confermato anche il contrasto cromatico tra cellula di sicurezza tridion e bodypanel. Tutta nuova la conformazione del volume anteriore che trasforma Smart in una “one and a half box”. Grazie al cofano anteriore più alto la smart appare ora più “automobile” e sportiva. La mascherina tipicamente smart è ora leggermente più ampia. La struttura forata della griglia riprende un motivo a nido d’ape, che si dissolve verso l’esterno. La mascherina del radiatore, in tinta o a contrasto con i bodypanel, è disponibile nelle tonalità black, cool silver e white. Anche la seconda apertura per l’aria di raffreddamento, in black e posizionata nel paraurti, presenta il motivo a nido d’ape. Comunica carattere anche il logo smart posto al centro della griglia, ingrandito e rivisitato, tridimensionale e arrotondato, in linea con le forme più sensuali di smart. Come tutti gli inserti cromati, il logo non è lucidato a specchio, bensì opaco. Inediti anche i proiettori anteriori romboidali che appaiono leggermente smussati in alto e hanno un aspetto sportivo e simpatico, anche le luci diurne dalla forma ad U rappresentano un elemento distintivo caratteristico. In combinazione con il pacchetto LED & Sensor i proiettori anteriori dispongono della funzione welcome: in sintonia con la simpatia della regina delle citycar, all’apertura della vettura la luce nel proiettore lampeggia, quasi in una complice strizzatina d’occhio rivolta al suo proprietario. Il motivo a nido d’ape della mascherina viene ripreso anche per il vetro di copertura dei proiettori, mentre negli indicatori di direzione il motivo a nido d’ape funge addirittura da diffusore. Anche il cofano che scende verso il basso tra i proiettori, sottolinea la sportività accresciuta della vettura.

Trendy, ma anche tanto pratica e versatile
Apprezzatissimo e quindi anch’esso confermatissimo su questa nuova versione, il portellone posteriore sdoppiato che agevola le operazioni di carico anche nei parcheggi più angusti. Paraurti realizzati in materiale in grado di assorbire i piccoli urti tanto frequenti negli angusti parcheggi urbani sono un’altra caratteristica di praticità e perfetta adattabilità alla giungla urbana.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati