Notizie dal Mondo dei Motori
Obiettivo BMW: n.1 premium anche nel 2014

Obiettivo BMW: n.1 premium anche nel 2014

BMW si presenta al Naias forte dell’ennesimo record di vendite a livello mondiale con un 1,96 milioni di esemplari venduti come Gruppo e di 1,65 milioni come singolo marchio

In Relazione:
Articoli  BMW
Video  Video BMW
Video  Foto BMW

Dimensione Carattere:

Risultati che le hanno consentito di mantenere la leadership mondiale nel segmento premium. “Abbiamo intenzione di rimanere i numero uno anche nel 2014 - ha dichiarato il responsabile vendite e marketing, Ian Robertson -. E come ci riusciremo? Abbiamo fantastici nuovi prodotti e continueremo ad estenderci in segmenti in cui non eravamo presenti in passato. Quest’anno lanceremo la Serie 4 Cabrio, la Active Tourer e la X4, solo per citarne alcune. E, a questo proposito, la X4 sarà costruita proprio qui, negli Stati Uniti, a Spartanburg, dove negli ultimi dieci anni abbiamo investito circa 6 miliardi di dollari”.

Il 2014 segna il 20° anniversario di produzione BMW nella fabbrica nel Sud Carolina dove la Casa ha prodotto oltre 2,5 milioni di esemplari garantendo 70 mila posti di lavoro, indotto compreso. Robertson ha annunciato lo sbarco americano a maggio della i3, l’elettrica che è già stata ordinata da 11 mila clienti in tutto il mondo, in attesa del debutto del secondo modello della famiglia, la i8, che arriverà in estate. Al Salone del Michigan, BMW ha esposto in anteprima mondiale la M3 berlina e la M4 Coupé che scriveranno il prossimo capitolo della decennale storia di successo della divisione BMW M. Il responsabile dello sviluppo, Herbert Diess, ha invece introdotto la terza novità assoluta del Naias. Si tratta della Serie 2 Coupé (nella foto la versione più sportiva M235i) che esprime lo spirito della leggendaria BMW 2002 del 1966. “Confesso che sono un vero appassionato della M235i - ha spiegato Diess -. L’ho guidata molto e l’adoro. È potente, veloce, scattante, agile e garantisce grande maneggevolezza”. Il dato sull’accelerazione da 0 a 100 orari conferma le lodi di Diess: appena 4,8 secondi.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati