Notizie dal Mondo dei Motori
Pebble Beach: concorso d'eleganza!

Pebble Beach: concorso d'eleganza!

Appuntamento a Pebble Beach per il (tradizionale) Concorso d’eleganza: sotto i riflettori le auto d’epoca più belle di tutti i tempi

Video  Le novità a Pebble Beach
Dimensione Carattere:

Appuntamento a Pebble Beach per il (tradizionale) Concorso d’eleganza: sotto i riflettori le auto d’epoca più belle di tutti i tempi, come le ‘nuove’ Cadillac Fleetwood V16 del 1934 e V16 Roadster del 1937, le one-off del futuro e i pezzi battuti all’asta. Da non perdere la Triumph Speed Twin del 1938 appartenuta a Steve McQueen e alcune Ferrari da 10 milioni di dollari: la 410S Berlinetta del 1955 e una 250 GT SWB California Spider del 1962.

Tutti in California per il tradizionale appuntamento: il sogno di mezza estate che raggruppa nell’elitaria località sulla costa oceanica, a due passi da Carmel, dal bellissimo Big Sur e da Laguna Seca, nel cuore della Monterey Valley. Un’area famosa, fra l’altro, per l’indirizzo (più) esclusivo declinato fra le proprietà della 17 Miles Road, un insieme di ‘rifugi’ a tutto lusso con maxigarage-museo annegati in ville a prezzi compresi fra 5 e 12 milioni di dollari, declinate fra il dolce movimento geografico che dall’oceano si agita lungo le 17 miglia, appunto, dal panorama mozzafiato. Per i comuni mortali, attraversare il ‘paradiso’ costa i 9.75 dollari del ticket d’ingresso. Soldi spesi per respirare l’aria delle calette, delle ville riparate da alberi abitati da scoiattoli (ormai) domestici, del golf club che ospita ogni anno il concorso d’eleganza. Un appuntamento unico, che contende al ‘nostro’ Villa d’Este la palma di migliore riunione mondiale per appassionati di motori, d’epoca e futuristi, a due e quattro ruote.

Nel week end fra il 17 e il 19 agosto a Pebble Beach, durante la MidAmerica Auctions' 4th Annual Pebble Beach Antique Motorcycle MarketPlace, si battono all’asta la preferita di Steve McQueen, la sua Triumph Speed Twin del ’38, e la Indian 4 cilindri del 1940; ma anche una Wagner Belt Drive Single del 1912, l’Harley Davidson 8-Valve Racer del 1916, la Brough Superior 1150 V-Twin del 39 e una Vincent Black Shadow Series C del 1953. Spetta però alle quattro ruote made in Italy far sospirare gli appassionati di tutti il mondo: all’asta di RM Auction sono battute le Ferrari 410S Berlinetta del 1955 e una 250 GT SWB California Spider del 1962.

In gara per il trofeo riservato alle regine del passato ci sono in lizza vetture di ogni epoca, modelli (rimasti) unici, persino un paio di veicoli realizzati per la produzione in serie, nei Trenta, ma rimasti invenduti. Sono la Fleetwood V16 chiusa e la roadster, vetture speciali - Fleetwood era il nome che contraddistingueva le versioni personalizzate secondo le specifiche del cliente - che nei Trenta furono realizzate per rimanere invendute. Disegnate dall’allora deisgner Cadillac John Hampshire, e realizzate molti anni più tardi dal restauratore Frank Roxas che costruì le Cadillac 5859 Phaeton e Roadster 5802 basandosi sui disegni originali, oggi valgono almeno un milione di dollari, proprio perché ‘speciali’.

Fra spettatori e protagonisti in costume d’epoca non mancano mai ‘l’harleysta’ Arnold Schwarzenegger e il collezionista d’auto più celebre della tivù, Jay Leno, così come i modelli cui spetta il compito di tradire il passato glorioso per gettare un ponte ideale con il futuro. A Pebble Beach infatti, proprio come al concorso di Villa d’Este, si offrono alla critica una manciata di one-off e concept car da capogiro. Ferrari porta l’ultima nata a Maranello, la bella F12berlinetta, e contestualmente consegna al golfista britannico Ian Poulter la prima Ferrari Tailor Made: una FF nella particolare tonalità ‘sabbia’ con interni in pelle nera Frau con richiami tartan. Lamborghini, nel 2013 sarà il cinquantesimo compleanno della Casa di Sant’Agata, porta nel ‘triangolo d’oro’ la concept car Urus; Bmw declina la seconda edizione speciale di Z4 firmata dalla Carrozzeria milanese Zagato, dopo la coupé di Villa d’Este qui si tratta di una open air, mentre McLaren stupisce con la MP4-12C Can-Am Edition: una one-off cui spetta il compito di anticipare l'eventuale versione da competizione destinata a riscaldare il mercato a stele e strisce.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati