Notizie dal Mondo dei Motori
Peugeot EX1 - Concept 2010

Peugeot EX1 - Concept 2010

La Peugeot EX1 è la nuova concept-car elettrica, un roadster biposto dall’aspetto inusuale, con uno stile futurista e un’impostazione originale, progettata per festeggiare il bicentenario del marchio francese. Ha già battuto sei record di accelerazione.

Video  Peugeot EX1 - Concept 2010
In Relazione:
Articoli  PEUGEOT
Video  Video PEUGEOT
Video  Foto PEUGEOT

Dimensione Carattere:

Si chiama estro creativo, ed è un’ispirazione che deve necessariamente pervadere gli uffici progettazione delle Case automobilistiche per restare competitive in tempi durissimi come questo: Peugeot l’ha capito, ed ecco perché, per festeggiare i 200 anni, ha sfornato una concept basata sulla tecnologia elettrica, l’EX1.

E allora, con intelligenza, Peugeot ha preso in considerazione le soluzioni tecniche più radicali da usare come base per realizzare un bolide futurista. Ha sfruttato la propria storia : l’architettura originale ricorda quella delle concept-car carismatiche (Asphalte, 20Cup), mentre sono state mobilitate tutte le competenze storiche collegate alla motorizzazione elettrica.
Nel momento il cui il veicolo elettrico torna a essere una realtà al 100% per Peugeot, con l’imminente commercializzazione di iOn, EX1 ci proietta in una nuova dimensione. L’intento è fare il pieno di emozioni.

La Peugeot EX1 è una roadster biposto: un esoscheletro. Mette in evidenza lo spirito di alleggerimento che ha presieduto alla realizzazione del veicolo. La carrozzeria sottolinea i nuovi codici stilistici Peugeot, già intravisti sulla concept-car SR1 d’inizio 2010, dalle linee "atletiche". Alcuni elementi in alluminio lucido fanno parte del contorno delle porte, un rimando alla RCZ e alla BB1.

La concept car EX1 si basa su una forma che ricorda una goccia d’acqua: il sedere si stringe intorno alle due ruote ravvicinate. Derivata dall’esperienza della concept-car Asphalte del 1996 e delle due 20Cup del 2005, l’architettura della concept car EX1 permette di ridurre la dimensione della cellula-abitacolo per centrare le masse in modo ottimale, senza far gravare il peso sugli sbalzi.

Stando almeno a quanto dice la Casa del Leone, i collegamenti al suolo utilizzano soluzioni tecniche che garantiscono un comportamento stradale di altissimo livello. L’avantreno si compone di doppi triangoli con perno disaccoppiato. Il retrotreno è costituito da un unico braccio collegato a un gruppo molla-ammortizzatore, collocato in posizione centrale coricata: una leva oscillante assicura la variazione della flessibilità. La struttura monoscocca è in carbonio/nido d’ape, per ottimizzare la massa e la rigidità. Integra tutti i fissaggi degli elementi tecnici.

Particolarissime le proporzioni della vettura (90 cm di altezza per 1,77 m di larghezza) : contribuiscono all’efficienza dell’insieme, all’abbassamento del baricentro e all’aerodinamica.

Scordatevi la micro car elettrica che va a due all’ora in città: qui la motorizzazione elettrica è fonte di nuove esperienze di guida, grazie alle sue capacità di accelerazione, ma anche alla silenziosità di funzionamento e alla semplicità di guida (assenza del cambio).

Sulla concept car EX1, ognuno dei due assali ha un proprio motore elettrico con una potenza di picco di 125 kW (250 kW / 340 CV in totale), e una coppia massima costante e immediatamente disponibile di 240 Nm anteriore e posteriore.

Simpatica la porta con apertura controvento, tramite cui il guidatore e il suo passeggero si calano nell’abitacolo facilmente, all’interno del quale trovano i loro sedili sportivi. Ambiente futurista e sofisticato, alla stregua della strumentazione di bordo (quadranti-schermi per ogni occupante, che visualizzano all’istante le prestazioni del veicolo) o sull’esempio dei materiali utilizzati (pelle stampata in rilievo).

Sei proprio rasoterra quando la guidi: più sportiva di così! Con le gambe distese, volante a cloche, ecco un’esperienza che evoca il mondo dell’aviazione.

I due nell’abitacolo sono protetti dall’altezza della cellula in carbonio, che risale sopra la loro testa a sufficienza quel tanto che basta a formare una centina di sicurezza. Allo stesso modo, il deflettore perfettamente integrato nello stile, permette di guidare senza casco. Per la guida in circuito, in cui il casco è obbligatorio, l’azienda Ruby ha collaborato con lo Stile Peugeot per costruire due caschi specifici.

La concept EX1 ha battuto oggi (su riserva di omologazione FIA) 3 record di accelerazione nella categoria A - Gruppo 8 - Classe 2: 1/4 di miglio in 14"40 a 62,4 mph, 500 metri in 16"81 a 107 km/h, 1000 metri in 28"16 a 127,8 km/h. In più, tre record inediti in questa categoria: 1/8 di miglio in 8"89 a 50,61 mph, 1/2 miglio in 23"85 a 75,46 mph, 1 miglio in 41"09 a 87,6 mph.
Ma dove la lasci quest’auto? Gli stilisti Peugeot hanno immaginato un riparo per il veicolo, che gli serva da scrigno: il box della concept-car è stato pensato per essere una vera stazione di ricarica autonoma, priva di qualsiasi vincolo di cablaggi. Il suo tetto infatti è dotato di pannelli fotovoltaici che, di giorno, immagazzinano energia in una batteria tampone. È disponibile anche un caricatore adattato a tutte le tensioni delle energie rinnovabili (eolica, idraulica).




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati