Notizie dal Mondo dei Motori
Piech si è dimesso: la fine di un’epoca gloriosa in casa VW

Piech si è dimesso: la fine di un’epoca gloriosa in casa VW

Dimissioni anche per la moglie Ursula che aveva un posto nel board.

Dimensione Carattere:

Il 25 aprile è stata una data da ricordare nella storia dell’industria auto globale. È infatti di sabato l’annuncio ufficiale delle dimissioni di Ferdinand Piech da Chairman del Consiglio di Sorveglianza del Gruppo Volkswagen

La notizia è davvero clamorosa. Pochi avrebbero scommesso su una tale fine della vicenda della diaspora con il Presidente Martin Winterkorn, dal quale il patriarca della Casa di Wolfsburg (che ha appena compiuto 78 anni) aveva preso le distanze in un’intervista al Der Spiegel. Solitamente, le parole di Piech si trasformavano subito (o quasi) in realtà e quindi si pensava ad un passo indietro di Winterkorn. Dopo la riunione straordinaria del Consiglio nella casa di Salisburgo di Piech, quest’ultimo ne era già uscito sconfitto avendo il board rinnovato la fiducia a Winterkorn, anzi chiedendone l’ampliamento del contratto che scade a fine 2016 (Winterkorn è stato appoggiato in toto dal Land della Bassa Sassonia e dalle rappresentanze sindacali). Piech avrebbe a quel punto tentato un colpo di mano informando il Presidente di Porsche, Matthias Müller, di tenersi pronto a rimpiazzare Winterkorn. Questa è stata evidentemente l’ultima mossa tentata da Piech prima di arrendersi con la nota ufficiale di sabato. Sui possibili scenari futuri torneremo domani con un commento dalla Germania (in attesa di possibili novità che usciranno sia dalla riunione del Consiglio del 4 maggio sia dall’assemblea degli azionisti del giorno successivo), ma è probabile che il posto di Piech da Chairman (ora gestito ad interim da Berthold Huber) sarà affidato a un manager non facente parte delle famiglie dominanti Piech e Porsche.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati