Notizie dal Mondo dei Motori
Porsche Boxster Spyder - Approfondimento

Porsche Boxster Spyder - Approfondimento

Ritorno alle origini per la roadster tout court: 2 posti secchi, performance elevate come non mai, niente spazio per il superfluo.

Dimensione Carattere:

Anoressica, forse. Di certo diretta, pura, incondizionatamente spalancata verso al cielo. Aperta, quindi, perché questa ultima proposta Porsche, la ritrovata Boxster Spyder, segna il drammatico ritorno alle origini del marchio. È l’interpretazione originale e contemporanea della leggenda cominciata nei Cinquanta con un’altra spyder, la 550, ovvero il modello diventato icona grazie (anche) alla Little Bastard su cui morì James Dean sessant’anni fa, era il 1955. Una fama proseguita successo dopo successo in pista, fra i Cinquanta e i Sessanta con la 718 RSK Spyder, e rinnovata oggi mantenendo il principio fondamentale comune ai tre modelli: agilità elevata, struttura leggera, tanta potenza.

Caratteristiche che Boxster Spyder non tradisce: basta uno sguardo per capire che si tratta di una roadster tout court; a bordo ci sono due posti secchi, non c’è assolutamente spazio per il superfluo, il motore offre performance elevate come mai prima. Si tratta di un 3.8 litri da 375 cavalli, corrispondenti alla bruciante accelerazione da 0 a 100 in appena 4,5”. Basta poi premere sul pedale del gas per correre fino ai 290 orari di velocità massima.

Certo è meglio sapere prima di ‘farsi la bocca’ per quest’auto che il concetto di Spyder essenziale è stato preso davvero alla lettera: niente impianto di climatizzazione, niente radio, nessuna distrazione perché ogni chilogrammo tolto alla struttura della Boxster influisce positivamente sulla performance. L’essenzialità è garantita anche dalla parte ascendente del tunnel centrale che accorcia la distanza fra il piccolo volante, tipicamente sportivo, e la leva del cambio. In assenza di schermi e pseudo-tablet, qui spetta ai tre strumenti circolari con contagiri centrale fornire tutte le informazioni principali.

L’unica concessione? Gli interni in pelle e Alcantara opzionali per impreziosire, e stemperare un po’, i sedili a guscio realizzati in resina rinforzata con fibra di carbonio.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati