Notizie dal Mondo dei Motori
Renault Z.E.

Renault Z.E.

Renault Zero Emission (Z.E.) è il progetto di mobilità a zero emissioni attraverso lo sviluppo dei veicoli elettrici. In arrivo il biposto urbano Twizy Z.E., la berlina familiare Fluence Z.E., la furgonetta Kangoo Z.E., e la berlina compatta Zoe Z.E.

In Relazione:
Articoli  RENAULT
Video  Video RENAULT
Video  Foto RENAULT

Dimensione Carattere:

Ridurre la dipendenza petrolifera, combattere la crisi ambientale che attraversa il nostro pianeta: ecco perché nasce Renault Zero Emission (Z.E.), il progetto di mobilità a zero emissioni attraverso lo sviluppo dei veicoli elettrici. In arrivo il biposto urbano Twizy Z.E., la berlina familiare Fluence Z.E., la furgonetta Kangoo Z.E., e la berlina compatta Zoe Z.E. Possiamo chiamarli i quattro moschettieri.

Infatti, il trasporto è responsabile del 23% delle emissioni di gas ad effetto serra, e di esso il 73% è imputabile al trasporto su strada: le nostre esigenze di mobilità quotidiana hanno un impatto sulla qualità dell’aria che respiriamo. In Italia circolano oggi 48 milioni di veicoli, 18 milioni in più rispetto a 20 anni fa. Con 60 auto ogni 100 abitanti siamo fra i Paesi con il più alto tasso di motorizzazione al mondo.

La necessità di diminuire in modo significativo l’impatto delle automobili sull’ambiente non è più semplicemente un’ipotesi. L’Unione europea impone ai costruttori automobilistici di ridurre drasticamente le emissioni di CO2 dei nuovi veicoli a 120 g/km in media nel 2015, per arrivare fino all’obiettivo di 95 g/km nel 2020.

Di qui l’impegno di Renault per rendere l’auto elettrica una soluzione disponibile, conveniente ed allettante per il più ampio numero possibile di automobilisti. Un concetto di auto elettrica, destinata a una larga diffusione sul mercato e non un prodotto di nicchia o di apparenza.

Certo, servono tanti soldi: quattro miliardi di euro di investimenti e un team dedicato di 2.000 persone. L’obiettivo è quello di introdurre, tra 2011 e il 2012, sul mercato una gamma completa di quattro veicoli elettrici. Per i quali Renault sta pensando a una ricarica pratica e funzionale, da effettuarsi in tre modalità: ricarica standard a 220 V in 6-8 ore, ricarica rapida a 400V in 20-30 minuti, e l’innovativo sistema di sostituzione delle batterie "Quick Drop", presso apposite stazioni di servizio in tre minuti.

Nel dettaglio, la Twizy Z.E. Concept è una piccolissima due posti "in tandem" perfetta per le esigenze del traffico cittadino: propulsore elettrico da 15kW e una coppia di 70 Nm garantisce agilità e ottime capacità di accelerazione paragonabili a quelle di un veicolo a due ruote.

La Zoe Z.E Concept è elegante, una berlina compatta per un uso quotidiano che con tre modalità di ricarica. Climatizzatore con tre effetti: idratante, detossificante e aromi attivi.

La Fluence Z.E. Concept è una familiare elettrica con un’autonomia di 160 km e di tre possibilità di ricarica della batteria: standard (da 4 a 8 ore), rapida (20 minuti) e istantanea (appena in 3 minuti).

La Kangoo Z.E. Concept è più per gli operatori professionali. Derivato dal Renault Kangoo, si tratta di un furgoncino elettrico con motore da 70 Kw e una coppia di 226 Nm; batteria agli ioni di litio.

L’obiettivo di Renault di democratizzare la tecnologia dei veicoli elettrici e renderla accessibile a tutti si traduce anche in un prezzo del veicolo elettrico paragonabile a quello di un veicolo termico diesel, ed in innovative formule di abbonamento per il noleggio della batteria e per nuovi servizi di mobilità utili a facilitare la vita degli utenti.

Anche in Italia, Renault è impegnata nello studio di partnership con le principali amministrazioni comunali e compagnie elettriche, nella prospettiva di realizzare progetti congiunti per la mobilità a zero emissioni, promuovere i veicoli elettrici e sviluppare le idonee infrastrutture. Questo è un punto decisivo: serve la fattiva collaborazione di un fornitore di energia; occorrono colonnine e punti di ricarica. Insomma, la Casa può fare tanto, ma necessita di un ausilio.

Un protocollo d’intesa è stato siglato nei mesi scorsi tra Renault ed Enel, per lo sviluppo congiunto di soluzioni integrate per la mobilità elettrica nei più diversi ambiti di applicazione: compatibilità tecnica tra l’infrastruttura di ricarica e i veicoli elettrici, offerte integrate di prodotti e servizi, analisi delle tecnologie di ricarica, studio del ciclo completo di vita della batteria e del suo eventuale impiego come sistema di accumulo di energia, sviluppo di progetti pilota.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati