Notizie dal Mondo dei Motori
Seat Ibiza ST qualità al giusto prezzo!

Seat Ibiza ST qualità al giusto prezzo!

La nuova Seat Ibiza ST, variante familiare della generazione 2012 dell'utilitaria spagnola incarna al meglio lo spirito della divisione più “sbarazzina” della galassia VW

Dimensione Carattere:

Qualità certificata Gruppo Volkswagen a un prezzo da “discount”. O quasi. È per questo che si sceglie Seat, no? La nuova Ibiza ST, variante familiare della generazione 2012 della storica utilitaria spagnola, incarna davvero al meglio lo spirito che anima la divisione più “sbarazzina” della galassia VW. Disegno giovane e brillante, come impone la tradizione della Casa, tecnologia che di certo richiama più gli industriosi lander tedeschi che un’isola delle Baleari votata al divertimento. Di maggior contrasto rispetto alla natura del marchio, e del modello dal quale l’Ibiza ST deriva in particolare, risulta infine la massima funzionalità che la carrozzeria allungata - con pratico portellone a chiudere in coda il corpo macchina - offre al saggio cliente Seat. Di aspirare a catturare automobilisti solitamente orientati verso altre soluzioni, e non solo neopatentati in smania di “massacrare” il proprio pony nuovo di zecca, il brand iberico aveva dopotutto lasciato intendere sin da quando, nel 2009, lanciò la Exeo, vera e propria Audi A4 sotto mentite spoglie. Proprio la Ibiza ST si candida a rappresentare, nel completo listino Seat, il modello in scala ridotta della Exeo ST. Una mini station wagon per famiglie mini, insomma, che abbiano a cuore il bilancio domestico ma che non intendano rinunciare a un look sportivo e a prestazioni, perché no, degne di una coupé. In quel caso, il 1.2 TSI da 105 CV, magari accoppiato al formidabile cambio a doppia frizione DSG, è quel che fa per loro. E un’Ibiza ST 1.2 TSI DSG in elegante colorazione nera e allestimento Style (17.450 euro) è proprio l’oggetto del nostro test.

Welcome to Ibiza!
Delle tre proposte di carrozzeria nelle quali l’Ibiza di nuova generazione si declina, la ST costituisce senza dubbio la più matura e la più seria, ma non per questo la più noiosa o scontata, anzi. L’appartenenza alla genealogia Ibiza si manifesta stilisticamente nella calandra trapezoidale che racchiude il logo Seat: rispetto alle edizioni precedenti, le proporzioni sono ora più sottili e la struttura è a nido d’ape, mentre la presa d’aria ribassata sottolinea il nuovo carattere di qualsiasi formato di Ibiza. Dal canto loro, i paraurti sono stati disegnati ricorrendo a linee particolarmente incisive, riprendendo i tratti della sportiva Ibiza FR. Il sofisticato design dei gruppi ottici anteriori dimostra poi la maniacale attenzione che Seat rivolge anche ai dettagli. Lo stile grintoso dei fari è un marchio di fabbrica del nuovo linguaggio stilistico della Casa automobilistica spagnola, ed è perfettamente integrato nella silhouette scolpita e sfaccettata della vettura.

A muso duro
Affrontata frontalmente la nostra candidata, descritti cioè i tratti somatici che essa condivide con le sorelle di misura inferiore, le giriamo ora attorno: lunga 4,22 metri (17 cm in più della 5 porte), larga 1,69 m e alta 1,44 m, dal passo inoltre uniforme a 5 porte ed SC (2,46 m), anche di profilo la ST mostra un look dal dinamismo pronunciato, pur senza limitare la sua eccezionale utilità. Il particolare design della sezione posteriore conferisce alla Ibiza ST un aspetto di grande imponenza. Lo spoiler sul tetto con terza luce di stop integrata sporge leggermente dall’ampio lunotto, mentre le luci posteriori sottolineano la larghezza della vettura grazie al loro contorno orizzontale rivolto verso l'interno. Nel punto in cui le linee marcate delle luci posteriori si incontrano giace il grande logo Seat, sotto il quale – come pure sulla versione a cinque porte e sulla SC – si nasconde la maniglia per il portellone posteriore.

Belli fuori, puliti dentro
Il temperamento della ST si rispecchia negli esterni tanto quanto nelle scelte dell’abitacolo interno, deciso ma estremamente minimalista e ben strutturato. Il livello di attenzione per il dettaglio si respira in tutto il “ventre” della nuova Ibiza: nello sterzo, nel nuovo design del Climatronic, nelle nuove superfici verniciate. Il focus rimane comunque sulla funzionalità: il nuovo quadro strumenti con i display ridisegnati ne sia un esempio, il vano portaoggetti del cruscotto - decisamente più ampio – un altro. Grazie al suo generoso volume di 10,7 litri, questo scomparto ora offre spazio per molti più accessori rispetto a prima. Generosamente imbottiti con schiuma fredda, materiale che garantisce un comfort di seduta ottimale e un eccellente sostegno del corpo sulle lunghe distanze, i sedili anteriori vantano un'ottima ergonomia e sono regolabili in altezza. Modulabile in tre dimensioni è anche il volante a tre razze, strumento elegante ma pur sempre concepito per uno stile di guida dinamico. Sotto all’armoniosa “palpebra” del cruscotto di nuova concezione si trovano i grandi indicatori del contagiri e del tachimetro, con accattivanti cornici sportive. Il display situato tra gli indicatori stessi riporta il livello del carburante, la temperatura e le informazioni del computer di bordo, di serie per l'allestimento Style: frammenti di Casa Volkswagen. Il nostro esemplare è poi equipaggiato con navigatore TomTom (optional da 340 euro) incastonato al centro del cruscotto: non un fulmine di guerra quanto a prontezza di riflessi e gamma di funzioni, ma pur sempre un alleato al quale rivolgersi in caso di difficoltà e col quale, una volta stabilito un certo feeling, persino divertirsi. In seconda fila l’ingresso è agevole e la posizione abbastanza comoda anche per tre, sempre considerando che la ST rientra nel segmento delle “giardinette” di taglia piccola.

Seat Traslochi S.p.A.
Ma il reale plusvalore risiede nel bagagliaio, un vano di facile accesso e dalla sorprendente capienza di 430 litri, cioè quasi 140 litri in più rispetto alla 5 porte. Soglia di carico bassa, larga e completamente piatta: ideale per le operazioni di carico/scarico di oggetti pesanti e ingombranti, senza avanzare per questo le pretese di classificarsi come mezzo da trasloco vero e proprio. Anche se comunque, abbattendo gli schienali dei sedili posteriori (nel caso della Style con rapporto 60:40), si raggiunge la ragguardevole quota (a filo del tettuccio) di 1.164 litri. Quanto al peso, la capacità di carico massima è di 515 kg. Il pacchetto delle dotazioni di serie comprende inoltre illuminazione e ganci appendi-borse per il vano bagagli e un utile scomparto portaoggetti aggiuntivo al di sotto del rivestimento della superficie di carico. A richiesta, Seat può fornire una rete ferma oggetti. La gamma di accessori comprende infine le attrezzature necessarie al trasporto di sci, biciclette e box sul tetto, nonché un gancio di traino.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati