Notizie dal Mondo dei Motori
Seat Nuova Leon - 2012

Seat Nuova Leon - 2012

La nuova Seat León 2012 vista da Newstreet.it: la nostra elaborazione al computer si basa su indiscrezioni importanti. Basta forme tondeggianti: molti spigoli la incattiviscono. Più compatta e sportiva. Dal nostro render si evince un frontale massiccio.

Video  Seat Leon

Dimensione Carattere:

Nessun nuovo modello può mai dirsi di scarsa importanza; certo che la nuova Seat León 2012 diventa davvero fondamentale per le sorti della Casa spagnola del Gruppo Volkswagen. I tedeschi, dopo qualche anno di tentennamento del Costruttore iberico, chiedono qualche numero più soddisfacente. Per questo, la León si rinnova seguendo la filosofia del made in Germany; l’equilibrio delicato da cercare sta qui: non avere nulla a che vedere con il modello che va a sostituire, ma farsi distinguere al volo come Seat e quindi come nuova León.

Costruita sulla nuova piattaforma segmento C (berlina), che condividerà con le future Volkswagen Golf, Audi A3, Skoda Octavia, la León 2012 avrà forme più compatte e sportive come i vari concept (tipo la IBE) presentati facevano intendere: basta osservare il render di Newstreet.it (basato su indiscrezioni importanti) per notarlo subito.

Dalla nostra elaborazione al computer, emerge che la nuova Seat León non discende più da Altea e Toledo, sarà più indipendente modello dal punto di vista del design, e musa ispiratrice dei futuri modelli spagnoli. Sportiva e aerodinamica più che mai. Ma con più spigoli e meno curve. Addio alle forme tondeggianti, insomma.

La linea della nuova Seat León cambia specie nel frontale dove il muso è più importante e massiccio. E meno raccolto di prima. I gruppi ottici di ultima generazione si estendono sui generosi passaruota, la calandra si allarga perdendo quel gusto di Alfa Romeo. Mentre il cofano è incastonato tra i passaruota e si presenta più spigoloso rispetto all’odierno.

La vista laterale della nuova Seat León risulta più compatta e tozza rispetto alla sagoma allungata del modello odierno: il muso penetra nei fianchi fino all’altezza della maniglia anteriore; e così fa anche il sedere, il quale gira intorno all’auto fino alla maniglia posteriore. Nervature a volontà.

Il girovetri è più classico del modello attuale, conservando la prima luce a triangolo. Addio alla terza luce dove era inglobata e nascosta la maniglia posteriore, ora in bella vista.

Il posteriore è ben piazzato a terra, effetto dei larghi passaruota. Appare originale grazie a gruppi ottici di inedita forma triangolare sovrastati da un accenno di labbro spoiler che corre per tutta la lunghezza. Il lunotto è basso e inclinato. Bello da vedersi. Anche se magari non molto comodo per fare retromarcia: visuale non perfetta. Serviranno i sensori di parcheggio per evitare impatti, specie si fa fatica a percepire gli ingombri.

Occhio anche al render degli interni. Molto curato senza pacchianerie, con comandi facili e intuitivi (c’è tutta l’esperienza del Gruppo Volkswagen). La plancia a sviluppo orizzontale, meno austera di prima, presenta una strumentazione raccolta, una consolle centrale pulita e imponente. Prevediamo un tunnel in Audi style con tutti i comandi dell’infotainment.

La attendiamo con carrozzeria a tre e cinque porte e perfino in versione ibrida plug-in: con batteria ricaricabile dalla presa domestica. Il suo punto forte resterà la tenuta di strada: la Seat León è una macchina divertentissima, piuttosto sottovalutata dai consumatori. E la versione Cupra era e sarà sempre uno sballo massimo, da utilizzare con cautela.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati