Notizie dal Mondo dei Motori
Subaru Outback Diesel viaggia “sul velluto”

Subaru Outback Diesel viaggia “sul velluto”

Subaru Outback Diesel si avvale per la prima volta del modernissimo cambio Lineartronic. Il risultato è un piacere di guida ed un comfort da prima della classe.

Video  Subaru Outback
Video  Subaru Outback - 2010

Dimensione Carattere:

Dopo aver precorso il fenomeno crossover e portato al debutto la prima unità a gasolio con disposizione dei cilindri boxer che ha stabilito nuovi termini di eccellenza in quanto a morbidezza dell’erogazione e totale assenza di vibrazioni, Subaru Outback diesel si avvale per la prima volta del modernissimo cambio Lineartronic. Il risultato è un piacere di guida ed un comfort da prima della classe.

Autentico modello di riferimento
Outback è da quasi vent’anni un vero e proprio punto di riferimento nel segmento dei crossover. Continuamente aggiornata, ma mai snaturata è forse il modello che, dopo, l’abbandono dei bombardoni da rally (poi rinverditi con l’ultima STi che ha riportato ossigeno al cuore dei subaristi più incalliti) ha mantenuto più fedelmente nel tempo tutto il dna e del marchio delle Pleiadi. L’ultimo capitolo di questa vettura per “intenditori” apporta al progetto qualche marginale modifica esterna, ma arricchisce la proposta con il rivoluzionario abbinamento tra il motore turbodiesel 2.0 da 150 CV e l’innovativa trasmissione Lineartronic a sette rapporti.

Matrimonio...perfetto
Alle universalemte riconosciute doti della trazione integrale e del boxer a gasolio (lo ribadiamo, una delle migliori unità a gasolio che ci è capitato di provare), si uniscono le qualità del cambio Lineartronic e del ripartitore di coppia centrale VTD con blocco elettronico studiato per esaltare la fluidità di marcia e il comfort, già parte fondante del palmares di questa crossover. Il cambio è stato progettato per coppie elevate ed è in grado di sopportare gli sbalzi della coppia motrice anche a bassissima velocità, trasformandola in spinta d’accelerazione.

Più facile da provare che da...raccontare
Quando il pedale dell’acceleratore non viene affondato eccessivamente, la trasmissione lavora con lo spostamento progressivo delle “pulegge” in modo da offrire l’accelerazione fluida e costante, tipica dei cambi CVT a variazione continua. Ma è quando si decide di “dare fondo” che il Lineartronic si differenzia nettamente dai tradizionali CVT lavorando come un tradizionale automatico con marce fisse senza il fastidioso effetto di slittamento inevitabile nei dispositivi a variazione continua classici. Al Lineartronic è accoppiato un sistema di trazione integrale (VTD) con differenziale centrale di tipo epicicloidale che trasmette la coppia nel rapporto fisso 45:55 controllato da un piatto di frizioni gestite dall’elettronica di controllo della stabilità. Ne consegue che l’esuberante coppia da 350 Nm sulla risulta anche più controllabile sui terreni a scarsa aderenza.


“Buon Boxer”...non mente
I movimenti dei cilindri contrapposti evitano vibrazioni spiacevoli per il conducente. Grazie a questo vantaggio costruttivo, il Subaru boxer diesel non ha bisogno di contralberi di equilibratura, come solitamente vengono impiegati nei motori a V e in linea. Il compatto albero a gomiti collocato tra i rigidissimi blocchi cilindri contribuisce a minimizzare rumorosità e vibrazioni sgradevoli fino agli alti regimi. L’eliminazione dei contralberi di equilibratura comporta una minore inerzia delle masse e minime perdite per attrito nel motore. Ne conseguono una grande prontezza di risposta e buoni valori di consumo. Rispetto ai motori in linea convenzionali, i blocchi motore destro e sinistro che sostengono l’albero motore costituiscono un’unità molto rigida. Questo anche grazie all’impiego di un blocco cilindri che assicura nel contempo un risparmio sul peso. Così anche il piacere di guida e la dinamica viene meno influenzato dal peso. Altra caratteristica tipica della configurazione Boxer e di Subaru, è il baricentro basso che è ottenuto, oltre che grazie al motore a cilindri contrapposti, anche dal turbocompressore montato più in basso.

Messa a punto...ad hoc
Le specifiche tecniche sono rimaste le medesime di quelle delle versioni manuali, ma per permettere l'utilizzo del cambio Lineartronic, è stato ottimizzato ogni singolo componente del motore. Basato sulla prima generazione Lineartronic disponibile solo sulle unità a benzina, il nuovo cambio Lineartronic è stato potenziato per essere in grado di trasmettere le coppie elevate caratteristiche del motore turbodiesel. Per poter gestire tutta l'esuberante coppia del motore turbodiesel, il cambio Lineartronic è stato quasi totalmente rivisto, in modo da garantire cambi di marcia morbidi, contemporaneamente ad una accelerazione ed una "presenza" del motore nelle varie condizioni di guida in linea con la qualità della marcia offerta da Subaru in ogni suo modello. Una delle più evidenti e piacevoli novità di questo cambio è la possibilità di utilizzare un nuovo sistema di controllo della trasmissione che, come dicevamo, a seconda di come viene azionato il pedale dell’acceleratore, permette di innestare le marce singolarmente o di cambiare le marce senza soluzione di continuità. Molte componenti sono state ottimizzate per adattarsi al cambio Lineartronic per coppie elevate.Tutte le modifiche alle componenti sono state fatte secondo delle linee guida determinate: ottimizzazione dei consumi per sfruttare al massimo le caratteristiche del motore diesel, riduzione del livello di rumorosità e di vibrazione per aumentare il comfort di marcia, perfetta integrazione meccanica tra motore e trasmissione per sopportare le elevate sollecitazioni dovute agli alti valori di coppia. I principali interventi sono riassumibili in questi punti: Nuove le molle delle valvole. Sono stati cambiati i paraolio in funzione della riduzione degli attriti interni di elementi in strisciamento relativo per beneficiare sui consumi finali. Per ridurre ulteriormente i livelli di rumorosità della nuova unità di propulsione è stato cambiato il materiale fonoassorbente sulla copertura del collettore motore. Con l’introduzione del cambio Lineartronic anche il motorino d’avviamento è stato modificato per permettere a tutti i componenti di avere le giuste sedi di alloggiamento. Nuovo alternatore per sopperire all’aumento di richiesta elettrica dovuto ai motorini elettrici e alle centraline che sovrintendono all’azionamento del cambio e in fase di avviamento oltre all’energia necessaria a vincere la resistenza del motore a mettersi in moto, senza considerare anche la resistenza del convertitore di coppia che finora non c’era. Nuova centralina elettronica di gestione del motore per consentire il funzionamento del cambio Lineartronic in abbinamento al motore diesel. La gestione elettronica che regola il motore e il cambio è più sofisticata perché deve combinare la regolazione su entrambi gli organi. Elettronica di gestione del climatizzatore che deve assicurare una temperatura acqua appropriata è stata specificata una soglia speciale. Sistema di raffreddamento adeguato per permettere lo smaltimento del calore dell’olio circolante all’interno della scatola del cambio.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati