Notizie dal Mondo dei Motori
Test Drive: Kia Sportage bifuel benzina/GPL

Test Drive: Kia Sportage bifuel benzina/GPL

Seducente e prestante, ora anche economico ed ecologico con l’alimentazione bifuel benzina/GPL

Video  Kia Sportage 2014
In Relazione:
Articoli  Sportage
Video  Video KIA
Video  Foto KIA

Dimensione Carattere:

Sensuale ma duro, ben piantato ma agile, forzuto ma saggio. Suv che vince non si cambia. Al massimo, si convince a cambiare regime alimentare. Perché è proprio a chi gode di maggior visibilità, che la società chiede di dare il buon esempio: sotto, allora, col “pieno” di Gpl. Economico ed ecologico. Dici Sportage, dici Kia. Almeno in Italia, Paese dove in 18 anni di servizio il crossover coreano ha conquistato 65.488 appassionati, arrivando ad occupare la seconda posizione tra gli sport utility di stazza media dietro solamente il Qashqai. Sicuramente il modello più apprezzato e rappresentativo nell’intera storia del marchio, Sportage torna così alla ribalta del mercato con un restyling tutto sommato soffice, ma sufficiente a migliorarne tutti gli aspetti: estetica, finiture, dotazioni e offerta di motorizzazioni. Un salto in sala trucco A quattro anni dal lancio dell’ultima edizione (la terza), Sportage dunque fa visita all’estetista ma la risolve con una seduta leggera, dal risultato misurabile solo da un occhio attento. Il frontale acquista un’accattivante griglia tridimensionale a nido d’ape, i cerchi - da 17” o 18” - cambiano di disegno, il posteriore infine si equipaggia di luci a Led e di antennina “shark fit” all’estremità del tettuccio. Nulla, insomma, che possa scalfirne il sex appeal, anzi: i fari a diodi luminosi, in particolare, hanno il potere di ringiovanire l’intero “lato B”. Una serie di interventi mirati, insomma, grazie ai quali l'inconfondibile silhouette di Sportage compie un ulteriore salto di qualità. Ora sì, il look complessivo diventa ancora più marcatamente "premium", superando gli standard della categoria.

Da guardare, toccare, ascoltare
Di fioretto si è lavorato anche all’interno, dove le novità riguardano soprattutto l’impiego esteso di materiali soft-touch (plancia, parte superiore dei pannelli porta). Limitatamente alla versione top di gamma (Class), debutta inoltre una nuova selleria in pelle. Inedito anche il cruscotto Supervision Cluster, dove trova alloggio un display TFT da 4,2” che agevola la lettura degli strumenti. Mentre al centro della consolle uno schermo “touch” LCD da 4,3”, oltre a proiettare le immagini trasmesse dalla telecamera posteriore, è interfaccia delle innumerevoli funzioni previste dal Kia Media Box. Di sangue blu anche il sistema audio Infinity Premium Sound System, programma che dispone di amplificatore separato e 7 altoparlanti (2 tweeter, 4 midrange e un subwoofer) messi a punto per ottenere il massimo di qualità sonora all'interno dell'abitacolo.

Rumori esterni, addio
Per migliorare ulteriormente il comfort interno è stato inoltre adottato un nuovo parabrezza isolante con struttura “sandwich”, dove un film antivibrazioni è inserito fra gli strati di vetro in modo da isolare maggiormente l'abitacolo e ridurre la rumorosità aerodinamica. L'attenzione per la qualità di viaggio e di vita a bordo si manifesta anche in una serie di interventi meccanici, tutti quanti orientati alla riduzione dei livelli di NVH (Noise Vibration Harshness: rumori, vibrazioni, ruvidità). Per minimizzare le vibrazioni della meccanica sono state così implementate importanti novità tecniche: il sottotelaio anteriore non è più imbullonato ma è fissato alla scocca attraverso supporti elastici, mentre i semiassi anteriori sono ora di uguale lunghezza con l'utilizzo di un albero intermedio. Infine, il gruppo trasmissione è supportato più rigidamente per impedire che si generino rumorosità e risonanze.

Morbida rigidezza
Ulteriori modifiche alle sospensioni hanno ottenuto il risultato di migliorare sia l’handling, sia il comfort passeggeri. La nuova barra antirollio anteriore ammorbidisce l'assorbimento delle asperità e riduce la tendenza al sottosterzo, mentre i nuovi ammortizzatori hanno tarature che migliorano il bilanciamento e la sensazione di controllo. Modificati anche i supporti dei montanti anteriori (che ora hanno migliori caratteristiche isolanti), mentre le molle posteriori sono state leggermente irrigidite per adattarsi meglio alla marcia a pieno carico o in caso di traino.

Iniezione di tecnologia
Della rosa motori merita quindi una citazione a parte la versione EcoGPL+, variante ecologica che completa l’offerta del benzina tradizionale (1.6 GDI) e dei turbodiesel (1.7 CRDi, 2.0 CRDi). Valore aggiunto della Sportage ad alimentazione mista è la tecnologia LDI (LPG Direct Injection), sviluppata a stretto contatto con la BRC Gas Equipment di Cherasco (Cuneo): proprio così, per la prima volta anche il gas di petrolio liquefatto viene iniettato direttamente in ciascun cilindro dai singoli iniettori. Allo stato liquido, esattamente come avviene per la benzina. Lunga la lista dei vantaggi: possibilità di avviare il motore direttamente a GPL (con conseguente risparmio di benzina), drastica riduzione delle emissioni di particolato e di CO2 (-10% circa), eliminazione delle emissioni residue di gas allo scarico. Mai così “gasato”Base del 1.6 EcoGPL è il noto 4 cilindri in linea a benzina di 1591 cc, omologato Euro5. Nel passaggio all’alimentazione a gas liquido, i valori di potenza e coppia non subiscono in ogni caso variazioni: 135 CV a 6780 giri/minuto, 167 Nm a 4600 giri/minuto. La trasmissione si avvale del cambio manuale a 6 rapporti, abbinata alla versione bi-fuel è infine la sola trazione anteriore 2WD. Prestazioni della Sportage a Gpl? Di tutto rispetto, dal momento che la velocità massima è di 178 km/h e che sullo 0-100 km/h il cronometro si ferma a 11,5 secondi. D’altra parte, Kia in materia di Gpl non prende lezioni da nessuno: quasi ogni modello della gamma prevede a listino una variante bi-fuel di seconda omologazione (Fase 2), mentre la partnership di lunga data con BRC Gas Equipment è garanzia di soluzioni sempre all’avanguardia. Più consumi, meno spendi Notoriamente, marciando a gas i consumi crescono di circa il 20-25%: 10,7 l/100 km nel ciclo urbano, 7,6 l/100 km in extraurbano, 8,8 l/100 km nel misto (emissioni CO2: 140 g/km). Il surplus di consumi è tuttavia più che compensato dal minor prezzo alla pompa del carburante in questione. Listino della Sportage EcoGPL+ che infine corre dai 22.750 euro dell’allestimento Active ai 25.750 euro della Class, passando per i 24.250 euro della variante intermedia Cool.

Anteriore o integrale, è sempre Sportage
La gamma Sportage 2014 è stata sviluppata in modo da ampliare ulteriormente l'offerta di versioni adatte a una clientela in continua espansione, come è quella che oggigiorno si rivolge al segmento dei Suv-crossover. Proprio per questo motivo, Kia ha sviluppato due famiglie con vocazioni differenti: una a due ruote motrici che esprime il concetto crossover con il miglior rapporto prezzo/prodotto, e quella a quattro ruote motrici che esprime al meglio le potenzialità di Sportage sul piano della tecnologia, delle prestazioni e della flessibilità d'utilizzo. Le 2WD sono così offerte nelle versioni Active, Cool e Class, con tre motorizzazioni: 1.6 GDI a benzina a iniezione diretta, 1.6 EcoGPL e 1.7 CRDi turbodiesel. Le versioni AWD, con trazione integrale a controllo elettronico, sono invece identificate dal brand “Rebel” e si moltiplicano in tre progressivi allestimenti: Pure, Feel e R Rebel. In quest’ultimo caso, la motorizzazione adottata è il noto e apprezzato diesel 2.0 CRDi nelle versioni da 136 e 184 CV di potenza. Sia con cambio manuale, sia automatico.

Il futuro è a colori
Particolare attenzione è stata inoltre dedicata alle possibilità di personalizzazione fino ai limiti dell'esclusività. Sportage 2014 infatti propone tre nuove tinte per la verniciatura standard (Premium White perlato, Pegasos Silver e Space Blu) e - come optional - ulteriori 5 finiture opache (Military Skin, Ocean Skin, Black Skin, Passion Skin e Royal Purple Skin) ottenute con il processo della pellicolatura (wrapping), realizzata da Kia con il massimo livello di qualità. Delle 11mila unità che Kia Italia ha in mente di vendere su scala annuale, oltre il 10% (1.500) dovrebbe adottare proprio l’impianto a gas. Senz’altro maggiore sarà la quota di Sportage a due ruote motrici: ormai, il segmento C-Suv vende una 4x4 solo in un caso su tre. Prezzi a partire da 20.250 euro (1.6 GDI Active), ma al lancio – già in corso – Kia offre 2.500 euro di sconto..




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati