Notizie dal Mondo dei Motori
Toyota Rav4: la bellezza dei 20 anni

Toyota Rav4: la bellezza dei 20 anni

L’età della...ragione

Video  Toyota RAV4
Video  Toyota RAV 4 - 2010

Dimensione Carattere:

Era il 1994 quando Toyota lanciò sul mercato un originale veicolo a metà strada tra il mondo delle fuoristrada (ambito dove la Casa giapponese poteva vantare una posizione da leader) e quello delle compatte sportive destinate ad un pubblico giovane ed esigente. Così nacque il primo Rav4 che si divideva le simpatie del pubblico con un altro “mostro sacro” come la Suzuki Vitara. Rav si differenziava per un’impostazione un po’ più sportiva e stradale, non aveva ridotte e montava pneumatici tipicamente stradali. Anche sul piano dell’immagine, il SUV compatto di Toyota si differenziava piuttosto nettamente dall’allora scarsa concorrenza, grazie a forme originali da “o la ami o la odi”. Ovviamente prevalse il primo sentimento e la compatta Rav4, offerta esclusivamente con carrozzeria a tre porte, si rilevò un grande successo nonostante una motorizzazione eccellente sotto il piano delle prestazioni, ma certo non propriamente parca nei consumi (si trattava di un brillantissimo 2 litri a benzina in grado di regalare alla Rav4 un comportamento da compatta sportiva). I passi successivi della storia di quello che si può considerare uno degli “inventori” del segmento dei SUV compatti, sono stati tutti nella direzione di acquisire sempre più versatilità a partire da una forse meno attraente e grintosa versione a 5 porte con passo allungato. La maggiore versatilità data dalle porte per accedere al divano posteriore e la superiore abitabilità e spazio per i bagagli fece scoprire Rav anche alle famiglie. Le medesime ed originalissime forme esterne della versione a 3 porte non si sposavano benissimo alla nuova mission famigliare della Rav. La serie successiva rinunciò quindi ad un pizzico di personalità in favore di linee meno ardite, ma più eleganti e meno vistose. La strada era segnata. Con la terza generazione sparì del tutto la configurazione a tre porte e fece la sua comparsa una versione denominata “crossover” dalla vocazione ancora più urbana e con trazione sulle sole ruote anteriori. Nel frattempo fu dato ulteriore impulso sia alla raffinatezza ed al comfort degli interni che alla dotazione tecnologica.

La quarta generazione della Rav4 che ne celebra appunto il 20° compleanno prosegue su questa direzione: comfort, raffinatezza (che sulla versione top di gamma “Lounge” oggetto della prova diventa eleganza pura e versatilità raggiungono livelli da segmento superiore, così come lo spazio per bagagli e passeggeri (il vano di carico ha una capienza che varia da un minimo di 547 litri fino ad arrivare a ben 1.746 litri abbattendo i sedili posteriori). 20 anni portati con grande maturità e giudizio quindi, ma del ragazzino “scapestrato” ed anticonformista del 1994 è rimasto il temperamento che alla guida si traduce in una brillantezza e piacere in grado di soddisfare non solo il padre di famiglia, ma anche il ventenne che in fondo in fondo rimane sempre dentro anche al più temperato e maturo “capo famiglia”. Insomma Rav4 è la classica vettura che è cresciuta e si è trasformata in sintonia con il suo pubblico di riferimento, forse è proprio questo il segreto più grande di un successo che perdura anche in un segmento oggi affollato di agguerrite concorrenti.

Dalle curve agli spigoli
Il design, o meglio, visto che l’abbiamo “atropoformizzata” come si fa con tutti gli oggetti a cui ci si affeziona, l’aspetto della nostra Rav4 è molto cambiato nel tempo. Se prima dominavano le linee curve e tondeggianti, oggi la SUV giapponese appare un concentrato di tagli decisi e spigolosi come vuole l’ultima tendenza stilistica per la Casa dei diapason. Il frontale, che ci sembra la parte meglio riuscita, riprende infatti il family feeling del resto della gamma tutta recentemente rinnovata) risulta affilato ed elegante al tempo stesso che la rende dnamica senza inutili appesantimenti troppo “fuoristradistici”. Le linee laterali sono filanti e molto sviluppate in senso longitudinale. la vettura è lunga 4,57 metri (in linea con le concorrenti dirette) ma l’impressione è di una superiore distanza tra un asse e l’altro. Caratteristica che regala centimetri preziosi ai passeggeri posteriori e dona alla vettura un’eleganza ed una sobrietà molto vicine al mondo delle wagon. Il posteriore risulta invece più massiccio, più affine al mondo offroad. Il grande portellone, che sulla versione provata era dotato di apertura elettrica, caratterizza il design, ma risulta anche molto funzionale agevolando le operazioni di carico anche di oggetti molto voluminosi.

Interni “premium”
Se l’esterno risulta quindi piuttosto sobrio ed elegante, all’interno della nostra top di gamma l’atmosfera che si respira è da vera ammiraglia. Interni rivestiti in morbida pelle, abbinamenti tra materiali impeccabili e scelte cromatiche all’insegna del buon gusto e della raffinatezza rendono piacevole, quanto rilassante e gratificante la permanenza a bordo. A questo si aggiunge un livello di comfort davvero rimarchevole con il sedile di guida con regolazione elettrica che consente a tutti di ritagliarsi la posizione di guida ergonomicamente più corretta. Da “prima della classe” che si rispetti, la Rav4 Lounge può contare anche su una dotazione tecnologica quantomai completa. Sul piano dell’infotainment tutto è visualizzato sull’ampio monitor lcd da 6,1” con schermo touch che rende semplice ed intuitivo l’interfacciarsi con le funzionalità della vettura.

La sicurezza non presta al fianco ad alcuna critica
Dicevamo della vocazione per la familgia che Rav4 ha maturato nel corso degli anni. Bene, non si può parlare di vettura familgliare senza andare ad esaminare gli aspetti relativi alla sicurezza. La nostra “ventenne” ha ottenuto il massimo dei punteggi nei severissimi test EuroNCAP potendo contare anche su 8 airbag, ovviamente tutto il pacchetto Abs, Esp, assistenza alla guida in discesa...ecc, ma anche su alcuni plus da vettura premium come il segnale di avviso di vettura che sopraggiunge alle nostre spalle che compare sugli specchi retrovisori esterni quando ci si appresta ad effettuare un sorpasso e quello che sonoramente ci avvisa in caso di superamento della linea di carreggiata.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati